L’angolo della Poesia

‘O FUNNECO di Salvatore di Giacomo

Chist’è ‘o Fùnneco verde abbascio Puorto,

addò se dice ca vonno allargà:

e allargassero, sì, nun hanno tuorto,

ca ccà nun se po’ manco risciatà!

Dint’ ‘a stu vico ntruppecuso e stuorto

manco lu sole se ce po’ mpezzà,

e addimannate: uno sulo c’è muorto

pe lu culera de duie anne fa!

Ma sta disgrazia – si, pe nu mumento,

vuje ce trasite – nun ve pare overa:

so’ muorte vinte? Ne so’ nate ciento.

E sta gente nzevata e strellazzera

cresce sempre, e mo o’ mille e treciento.

Nun è nu vico. E’ na scarrafunera.

E quanno dint’ ‘o forte de ll’està

dorme la gente e dormeno li ccase,

dint’ ‘a cuntrora, nun se sente n’a,

nisciuno vide ascì, nisciuno trase.

Gente ve pare ca nun ce ne sta;

ma che puzza! appilateve lu nase! …

cierti vvote ve saglie a vummecà

sulo vedenno chilli panne spase…

Na funtanella d’acqua d’ ‘o Serino,

dint’ a n’angolo, a ll’ombra, chiacchiarea,

e ghienghe sempe nu catillo chino…

E po’?… Nu muntunciello de menesta,

li scarde verde de na scafarea,

e na gatta affacciata a na fenesta.

da Le poesie e le novelle, Mondadori

la poesia di domani sarà la versione in italiano di questa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.