Economia e Finanza – glossario 3

Agente di cambio

Intermediario mobiliare operante nei mercati regolamentati di strumenti finanziari. Giuridicamente è considerato un mediatore, e come tale gli è fatto divieto di operare per proprio conto. Si limita dunque a fare affari per conto dei terzi che gli conferiscono il mandato (“ordine”) di comprare o di vendere.

A partire dall’entrata in vigore della legge 2 gennaio 1991 n. 1 non sono più banditi concorsi per la nomina di agenti di cambio e pertanto essi costituiscono un ruolo a esaurimento. Gli agenti di cambio ancora in attività sono tenuti a rispettare numerose delle regole stabilite con la riforma dei mercati finanziari avviata con la citata legge e sistematizzate dal decreto legislativo 24 febbraio 1998 n. 58 (testo unico delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria). Le disposizioni ad essi applicabili sono riassunte nell’articolo 201 del citato testo unico.

Agenzia

Contratto con cui una parte (agente) assume stabilmente l’incarico di promuovere per conto dell’altro (preponente) la conclusione di contratti in una zona determinata. L’incarico di promuovere è distinto da quello di concludere i contratti, anzi la conclusione resta spesso affidata alla ditta preponente che sottoscrive il contratto preparato dall’agente. Condizione essenziale del rapporto di agenzia è il carattere stabile, cioè sistematico e continuativo, dell’attività promozionale esercitata dall’agente nell’interesse del preponente; il compenso per quest’attività (provvigione) consiste di solito in una percentuale sul valore di ogni affare concluso.

L’agente resta un soggetto autonomo e come tale assume su di sé il rischio relativo all’organizzazione dell’attività commerciale nella zona di sua competenza, liberando così l’azienda da questo rischio e da qualsiasi impegno verso il personale utilizzato nell’attività dell’agenzia.

Proprio in considerazione di questa fondamentale ambiguità della figura dell’agente (a metà strada tra soggetto autonomo e lavoratore subordinato), la disciplina del rapporto di agenzia mostra diverse analogie con quella del rapporto subordinato. Gli accordi economici, infatti, sono stati ricalcati sui contratti collettivi di lavoro, e anche in campo normativo alcuni istituti, come il recesso e l’indennità di scioglimento del contratto, sono stati regolati da quegli stessi accordi (e più tardi dal codice civile) sulla traccia di quanto stabilisce al riguardo la legge sull’impiego privato. Altro punto di contatto è costituito dall’indennità che l’imprenditore deve versare all’agente allo scioglimento, per qualsiasi causa, del contratto di agenzia.

Aggio

Differenza tra il tasso di cambio relativo a due monete e il loro rapporto teorico di scambio basato sulla parità aurea. E’ detto aggio anche il compenso percentuale percepito dai concessionari per il servizio di riscossione delle imposte.

Aggio su prestiti

Maggiore importo che viene riscosso all’accensione di un prestito rispetto al suo valore nominale. Deve essere iscritto nel passivo dello schema di stato patrimoniale del bilancio regolato dall’articolo 2424 codice civile sotto la voce “ratei e risconti”, con separata indicazione. Costituisce un ricavo sospeso e deve essere ripartito tra i vari esercizi in base alla durata del prestito. Determina un tasso effettivo del prestito inferiore a quello nominale.

Una risposta a "Economia e Finanza – glossario 3"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.