La favola del giorno

Napoli ieri oggi e domani

L’asino, il bue e il bifolco – 3

Ora, figlia mia, proseguì il visir sempre rivolto a
Sherazad, quel mercante aveva cinquanta galline e un gallo, alla guardia dei
quali aveva messo un cane fidato. Mentre, come ho detto, stava seduto sulla
soglia e pensava intensamente alla risoluzione che doveva prendere, vide il
cane correre verso il gallo che si era gettato sopra un gallina e lo udì
parlargli in questi termini:

“O gallo! Dio non permetterà che tu viva ancora a
lungo! Non hai vergogna di fare che che fai proprio oggi? – Il gallo si rizzò
sugli speroni e, volgendosi verso il cane, rispose con fierezza:

  • Perché ciò mi sarebbe proibito oggi più che negli
    altri giorni?
  • Visto che lo ignori, – replicò il cane, – sappi che
    oggi il nostro padrone è in grave lutto. Sua moglie vuole ch’egli le riveli un
    segreto di natura tale che…

View original post 1.042 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.