Arte – Cultura – Personaggi

Napoli ieri oggi e domani

Alessandro Manzoni

Gli Inni sacri

Il primo documento letterario della conversione
manzoniana sono gli Inni sacri. Il progetto originario ne prevedeva dodici,
tanti quante sono le festività dell’anno liturgico. Ma il Manzoni ne scrisse
solo cinque: La Resurrezione, Il nome di Maria, Il Natale, La Passione e,
distanziata nel tempo e nella qualità, La Pentecoste. Al di là del loro
contenuto teologico, vero tema di questi inni sono gli effetti che i momenti
centrali della storia della Chiesa in essi rappresentati esercitano sul piano
della storia dell’umanità tutta, e su quello psicologico-spirituale del singolo
credente. Manzoni si propose con questi inni di fare una poesia insieme lirica
e corale, soggettiva e oggettiva: essi vogliono trascrivere in forma di
certezza per tutti, una persuasione personale; vogliono rappresentare l’esultanza
dello scrittore per la conquista di verità che sono, al tempo stesso, un bene
individuale e privato e un patrimonio collettivo. Cristianesimo e…

View original post 193 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...