La favola del giorno

Napoli ieri oggi e domani

Il galletto gambegialle

E’ bravo quello lì a fare lo spaccone, sì si. Ma andrà
a finire come il galletto gambegialle, se non sta attento.

Che razza di storia è questa, chiedi? Beh, è una che
mi raccontava sempre mio nonno quand’ero un mocciosetto.

Il galletto gambegialle viveva nell’aia con suo padre,
il vecchio gallo bianco, e il gallo rosso viveva dall’altra parte dell’aia,
vicino al granaio. E un giorno, mentre il vecchio gallo cantava in cima al
pilastro del cancello, il galletto saltò su e cominciò a cantare anche lui.

  • Chicchirichiiiiiii! – diceva il vecchio gallo. –
    Chiiiii, chiiiii! – faceva il galletto: non

sapeva ancora cantare bene, perché era troppo piccolo.
– Chiudi il becco, – disse il gallo padre, che non sopportava di sentirlo
gracidare così, – chiudi il becco, adesso anche le pulci hanno la tosse -. E
così il galletto, che credeva di fare un…

View original post 319 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.