Monumenti di Napoli

Chiesa di San Pietro  a Majella

Piazza Luigi Miraglia 393 e via San Pietro a Majella 35

La chiesa e il convento nel quale, dal 1826, ha sede il Conservatorio di musica vennero eretti nel primo Trecento e dedicati al monaco eremita, papa nel 1313 col nome di Celestino V.

La prima chiesa era pressoché quadrata e il campanile allineato con la facciata; dopo l’incendio del 1407 iniziò l’ampliamento che comportò l’avanzamento del prospetto principale con l’aggiunta di due cappelle per lato.

L’interno, restituitoci dopo un secolo di abbandono da un restauro durato quarant’anni (1888-1927) che ha ripristinato le forme gotiche nel rispetto degli interventi seicenteschi, reca, fra le testimonianze dell’antica struttura, gli affreschi della cappella Leonessa (splendidamente conservati grazie ad uno strato di pittura che li ha ricoperti per secoli), prima del transetto destro, e quelli attribuiti al Maestro di Giovanni Barrile nella seconda cappella a sinistra del presbiterio, tutti risalenti alla metà del Trecento.

Navata e transetto sono dominati dal magnifico soffitto in legno dorato dov’è incassato uno dei cicli di tele più prestigiosi di Mattia Preti con Storie di Celestino V e Santa Caterina d’Alessandria (nella chiesa erano stati trasferiti, dalla fine del Quattrocento, i monaci di Santa Caterina a Formiello), eseguito dopo il 1656, in occasione di un intervento che determinò, tra l’altro, anche l’aspetto barocco della zona absidale.

Una risposta a "Monumenti di Napoli"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...