Curiosando qui e là

Gli orologi contengono trizio, è pericoloso?

Negli orologi il trizio, una forma radioattiva dell’idrogeno, è usato come componente delle vernici poste sulle cifre e sulle lancette per renderle luminescenti. In base ai dati scientifici disponibili sino a oggi, non è pericoloso. Pur essendo radioattivo, infatti, emette radiazioni beta (elettroni), che hanno uno scarso potere di penetrazione: se l’orologio è in buone condizioni, le radiazioni emesse vengono bloccate dal vetro del quadrante e dalla cassa e non arrivano alla persona.

Proprio perché è comunque radioattivo, il suo utilizzo e il commercio di prodotti che lo contengono è regolamentato da leggi alle quali produttori e importatori si devono conformare. In Italia, un decreto del Presidente della Repubblica del 1964 proibì l’importazione e la vendita di prodotti contenenti materiali radioattivo. Un decreto ministeriale del 1970 stabilì poi che gli orologi al trizio potevano essere venduti, purché rispondessero a determinate caratteristiche di sicurezza, cioè contenessero quantità di trizio con un valore di radioattività inferiore a 10 mila microcurie e con un’adesività della sostanza radioattiva tale da non consentirne il distacco in condizioni di uso normale.

Una risposta a "Curiosando qui e là"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...