Scienze e Tecnologia

L’assegnazione dei premi Nobel.

Nel 1895, un anno prima di morire, il chimico e industriale svedese Alfred Nobel redige un testamento nel quale devolve la maggior parte del suo patrimonio a una fondazione: “il capitale, convertito dal curatore in titoli sicuri, andrà a costituire un fondo i cui interessi annui verranno assegnati come premio a coloro che nell’anno in corso hanno portato i maggiori benefici all’umanità”.

Sono cinque i vincitori previsti: tre scienziati che si sono distinti nei settori della chimica, della medicina o fìsiologia e della fisica; un letterato e, infine, una persona che “ha agito con maggior imppegno o nel modo migliore in favore della riconciliazione tra i popoli, dell’eliminazione o della riduzione degli eserciti esistenti e della costituzione e dell’espansione dei congressi di pace”.

Mentre i premi destinati agli scienziati vengono assegnati da istituti scientifici, la scelta del vincitore del premio Nobel per la pace viene effettuata da una commissione indipendente designata dal parlamento norvegese (dato che alla morte di Alfred Nobel, Svezia e Norvegia formavano un unico stato con Oslo come unica capitale, il premio per la pace è l’unico a essere assegnato non a Stoccolma, ma a Oslo, come letteralmente recita il testamento dell’inventore svedese). Tale commissione, formata da cinque rappresentanti, non è tenuta a dare una motivazione per la sua decisione.

L’istituzione di questi premi rende immortale il nome del filantropo svedese, il quale non sarebbe stato comunque dimenticato. Infatti Nobel (nato il 21 ottobre 1833 a Stoccolma) fonda un consorzio di imprese che crea filiali in tutto il mondo (e la cui produzione si concentra in particolar modo nel settore degli armamenti) e, nel 1867, inventa la dinamite; avvia, inoltre, una fabbrica di nitroglicerina nella sua città natale e apre anche una filiale ad Amburgo. Tali prodotti sono inizialmente destinati a usi civili non violenti: soltanto molti anni dopo Nobel si rende conto della loro grande importanza militare.

Il genere di premi istituiti da Nobel rispecchia la sua complessa personalità. Oltre alla carriera professionale, nella quale preferisce definirsi ricercatore piuttosto che imprenditore, matura un interesse sempre maggiore per la letteratura. Inoltre, si occupa delle possibilità del mantenimento della pace e intrattiene stretti contatti con la pacifista austriaca Bertha von Suttner: è lei a incoraggiarlo a istituire un premio per la pace. Nobel accarezza anche l’idea di costruire “una sostanza o un macchinario di tale temibile potenziale devastante da rendere impossibili le guerre”.

La rosa dei nominativi dei candidati al premio deve pervenire alla commissione competente per iscritto, entro il 31 gennaio di ogni anno. Il 10 dicembre, anniversario della morte di Nobel, nel corso di due solenni cerimonie il re di Norvegia assegna il premio per la pace a Oslo, mentre la premiazione dei vincitori degli altri settori viene effettuata a Stoccolma dal re di Svezia. A partire dal 1969, ai premi già esistenti si aggiunge un sesto Nobel per conferire un riconoscimento ad alto livello anche nel settore delle scienze economiche, istituito dalla Banca nazionale svedese.

Nel 1916, durante la prima guerra mondiale, non furono assegnati premi per le discipline scientifiche; nel 1940, 1941 e 1942, durante la seconda guerra mondiale, fu sospesa l’assegnazione dei premi Nobel.

Una risposta a "Scienze e Tecnologia"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.