Monumenti di Napoli

Napoli ieri oggi e domani

Scavi di San
Lorenzo

Via dei
Tribunali 316

Dal chiostro francescano della chiesa di San Lorenzo
Maggiore si accede all’area di scavi, venuta alla luce nel 1929 e ancora
oggetto di studio e sistemazione. Il forte dislivello fra i due decumani aveva
comportato, già nell’agorà greca, la formazione di un terrazzamento nello
spazio oggi occupato dal complesso conventuale.

Questo sistema venne sviluppato in età romana e
appunto a quest’epoca risale la parte più consistente dei resti. Dal chiostro
sono visibili le tracce del macellum (il mercato alimentare) con al centro una
tholos, edificio pubblico a pianta circolare. Ma il macellum si sviluppava
sulla copertura di un altro edificio destinato ad attività artigianali e
commerciali, il criptoportico, ovvero una costruzione addossata al dislivello e
in parte sotterranea, che confermava e ampliava il terrazzamento greco. Per
visitare questo “piano interrato” si deve scendere al livello inferiore degli scavi. Qui, poco
lontano dagli…

View original post 178 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.