L’angolo della Poesia

Elegia scritta su un cimitero campestre – 3

Ma il Sapere non svolse mai ai loro occhi

il suo grande volume ricco delle spoglie del tempo.

Il freddo della povertà represse il loro nobile ardore

e ne gelò in fondo all’anima le vocazioni.

Le scure, inesplorate cavità dell’oceano contengono

gran quantità di gemme di purissima luce serena:

molti fiori nascono per imporporarsi mai visti

e sciupare la loro dolcezza nell’aria deserta.

Qui forse riposa qualche Hampden di villaggio

che si oppose con petto indomito al piccolo tiranno dei suoi campi;

qualche Milton muto e senza gloria,

qualche Cromwell innocente del sangue del suo paese.

Il destino impedì loro di comandare l’applauso di docili senati,

di disprezzare minacce di pene e di tormenti,

di sparger l’abbondanza su una terra ridente

e di legger la propria storia negli occhi di un popolo.

Non solo fu impedito il rigoglio delle loro virtù

ma anche le loro colpe furono limitate;

il destino non concesse loro di aprirsi un varco verso il trono con il sangue,

di chiudere le porte della misericordia sul genere umano,

di celare a se stessi il rimorso di una taciturna verità,

di spegnere i rossori di un ingenuo pudore,

di offrire all’altare del Fasto e dell’Orgoglio

incenso acceso alla fiamma di Muse venali.

Thomas Gray

Continua

Una risposta a "L’angolo della Poesia"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.