Locali storici e tipici napoletani

Napoli ieri oggi e domani

Russo

Via San
Biagio dei Librai 30

Alla metà del settecento la sede di questa ditta, una
delle più antiche della città nel campo degli articoli “di devozione” era a San
Domenico Maggiore, proprio nel locale dove oggi c’è Scaturchio, come testimonia
ancora l’insegna sbiadita che sovrasta quella della nota pasticceria.

Cristi, madonne e santi, in gesso, legno, resina o
metallo e di tutte le misure; tabernacoli, ostensori, medaglie, candelabri: la
produzione di oggetti sacri, affidata a gruppi di artigiani locali, è capace di
soddisfare qualsiasi richiesta del settore.

Dietro al banco c’è l’ultima generazione di una famiglia che da più di due secoli si tramanda quest’attività, mentre a tenere i contatti con gli ordini religiosi, che commissionano immagini sacre, opuscoli o altro in vista dei processi di beatificazione, è il sig. Luigi.

View original post

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.