Viaggiando per l’Italia

Matera – Capitale Europea della cultura 2019 – 2

Il territorio su cui sorge Matera fu abitato fin dal Paleolitico ed è archeologicamente molto importante. L’origine della città rimane però ancora oscura. Nell’età greca Matera fu probabilmente un centro di limitata importanza, sottoposto all’influsso delle colonie elleniche della costa. I reperti di questo periodo si riferiscono a tombe nella zona della Civita, nei dintorni della Cattedrale e nel Sasso Caveoso.

Matera si presenta divisa nettamente in due parti dal volto del tutto diverso: a occidente si estende la città più moderna con i rioni recenti in corso di ulteriore sviluppo su un pianoro; a oriente, sull’orlo e nei fianchi della stretta gravina che sprofonda nel torrente Gravina, è situata la zona dei caratteristici Sassi, un complesso urbano unico nel suo genere, costituito da due profondi solchi, il Sasso Barisano a nord e il Sasso Caveoso a sud separati da uno sperone e aperti verso la gravina che limita a est la città (il termine gravina indica in Puglia e Basilicata un burrone spesso molto profondo, tagliato nella docile roccia delle Murge e percorso nel fondo da un torrentello).

Con le loro abitazioni in gran parte scavate nel tufo calcareo, i Sassi offrono al visitatore uno degli ambienti storicamente e urbanisticamente più inconsueti e suggestivi, in cui è condensato un arco molto ampio della vita sociale, dall’età preistorica ai giorni nostri. Il tessuto edilizio costituisce un singolare assembramento di edifici e complessi di notevole qualità formale e architettonica e di abitazioni anche sotterranee, comprendenti in un unico vano il luogo di uso domestico e quello destinato a stalla. Le strade, tortuose e in pendenza, molto strette, con scalinate, si snodano tra il labirinto delle dimore ammassate le une alle altre in gradevole disordine con logge e balconi spesso sostenuti da mensoloni ornati, con archi di scarico nelle vie.

Per una visita della città si raccomanda di non trascurare il Duomo col suo interessante interno; la Chiesa di San Domenico; la Chiesa di San Francesco d’Assisi; La Chiesa di San Giovanni Battista; La Chiesa di Sant’Agostino; il Museo Archeologico Nazionale; il Castello Tramontano; via del Corso che è la strada centrale della città; piazza Sedile sede dell’antica corte ove si tenevano le assemblee popolari; il Palazzo Arcivescovile; il Palazzo Lanfranchi; la Pinacoteca D’errico; strada panoramica dei Sassi.

Una risposta a "Viaggiando per l’Italia"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.