Il Parco Nazionale del Vesuvio – 8

Sul Vesuvio, però, non salgono solamente i curiosi di un giorno. Allarmato dal continuo succedersi di eruzioni, Ferdinando II di Borbone fa erigere nel 1841, ai piedi del cono del Vesuvio, il primo Osservatorio vulcanico del mondo. Diretto da Macedonio Melloni e poi da Luigi Palmieri, Eugenio Semmola, Raffaele Matteucci e Giuseppe Mercalli (cui si deve la scala dell’intensità dei terremoti), l’Osservatorio dà un contributo importante alle nascenti scienze della Terra.

Se si considera che tra il Settecento e l’Ottocento, negli scavi di Ercolano e Pompei, si forma un’archeologia via via più scientifica, non è esagerato sostenere che il Vesuvio vede nascere due importanti discipline come l’archeologia e la vulcanologia. Tra i direttori degli scavi di Pompei meritano una citazione lo spagnolo Francisco La Vega, il còrso Cristoforo Saliceti, poi gli italiani Giuseppe Fiorelli, Michele Ruggiero, Giulio de Petra, Vittorio Spinazzola e Amedeo Maiuri.

Alla fine dell’Ottocento, i pochi e ricchi protagonisti del Grand Tour sono ormai stati sostituiti da una folla di migliaia di viaggiatori che prendono d’assalto Pompei e la montagna. Per loro, il 1880, il Vesuvio viene reso facilmente accessibile grazie a una ferrovia a cremagliera che sale da Pugliano alla base del “Gran Cono”, e da una funicolare che affronta gli ultimi 400 metri di dislivello.

Funiculì funiculà, una delle canzoni napoletane più note, celebra questa effimera vittoria della tecnologia sul Vesuvio.

Sopravvissute alle violente eruzioni del 1906 (che rade al suolo Boscotrecase) e del 1929 (che sfiora Terzigno), cremagliera e funicolare vengono spazzate via dall’eruzione del marzo 1944, che offre un ultimo drammatico spettacolo a una Napoli messa in ginocchio dalla guerra. Verso ovest, le lave distruggono San Sebastiano al Vesuvio e Massa di Somma. A sud est, fa le spese dell’eruzione un aeroporto militare alleato.

Poi il Vesuvio si placa, la pace torna su Napoli e sul suo Golfo, e l’eterna battaglia tra l’uomo e il vulcano sembra prendere una piega inedita. Invece della lava e dei lapilli, è ora l’uomo ad agire sul vulcano e a modificare rapidamente il paesaggio. In mezzo secolo, dalla fine del conflitto, l’armonioso paesaggio delle campagne vesuviane si trasforma in una informe successione di strade, palazzoni e brutture edilizie assortite. Da poco più di centomila persone, la popolazione dei 19 Comuni vesuviani raggiunge le 750 mila unità.

Tragico per il paesaggio, l’accumularsi di gente e case ai piedi del Vesuvio rischia di essere catastrofica in caso di risveglio del vulcano, che oltre settant’anni di inattività non possono certo far considerare come spento. A partire dagli anni Settanta del secolo scorso, le tematiche del Parco e della protezione civile trovano numerosi punti di contatto.

Negli anni Sessanta e Settanta, a Napoli e dintorni, la voce degli ambientalisti è ancora meno ascoltata di quella dei vulcanologi. I primi chiedevano la salvezza del più bel monumento naturale della Campania, i secondi che fossero lasciati liberi da edifici almeno i valloni laterali del Vesuvio, dove è prevedibile si incanaleranno le lave della prossima eruzione.

La prima vittoria di chi vuole un Vesuvio diverso è del 1972, quando 1005 ettari del vulcano (inclusi i tre quarti del cratere) entrano a far parte della Riserva Naturale Tirone-Alto Vesuvio, affidata al Corpo Forestale dello Stato. Nel 1979 il Comitato Ecologico Pro Vesuvio richiede l’istituzione del Parco. Continua – 8

Una risposta a "Il Parco Nazionale del Vesuvio – 8"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.