Monumenti di Napoli

Napoli ieri oggi e domani

In visita
alla città – itinerario n. 3

L’itinerario muove da piazza Dante, uno spazio rimasto
a lungo fuori dalle mura, penetra nel centro antico attraverso Port’Alba e
prosegue lungo via Tribunali – l’antico decumano medio – fino a piazza
Gerolamini.

L’area che va da piazza Dante al Museo Archeologico
Nazionale era originariamente caratterizzata da attività proprie delle zone ai
margini della città: deposito, mercato, addestramento dei cavalli, lazzaretto…

Nel 1560, all’inizio dell’attuale via Pessina, furono
costruite le cosiddette “Fosse del grano”, destinate alla riserva di granaglie
e dismesse del tutto solo all’inizio dell’Ottocento.

D’altra parte, anche l’emiciclo vanvitelliano di
piazza Dante – che avrebbe dovuto accogliere al centro una statua di Carlo di
Borbone – risale al 1757. Fino a questa data, al posto del Foro Carolino, c’era
semplicemente un largo, detto del Mercatello per distinguere il piccolo mercato
che vi si teneva il mercoledì da quello molto più…

View original post 491 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.