L’uomo e il suo cane – le esigenze del cane 2

Non dobbiamo guadagnarci la sua fiducia o la sua amicizia: è nato per essere nostro amico; quando i suoi occhi sono ancora chiusi, lui già crede in noi: prima ancora di nascere ha già dato se stesso all’uomo. – Maurice Maeterlinck

Un esempio è dare pezzetti di cibo mentre si è a tavola: se una volta si sgrida il cane che chiede e un’altra gli si dà il boccone si creerà solo molta confusione, l’animale non capirà più cosa deve fare e inizierà a perdere la stima nel suo “capo”. Specialmente con i maschi dal carattere molto dominante, quando inizia la maturità sessuale (verso i 12-18 mesi), prima o poi verrà il momento nel quale il cane si rifiuterà di ubbidire a un comando e, se si insisterà, reagirà magari con un ringhio innocuo, ma sordo e minaccioso. Se in quell’occasione si desisterà dal far ubbidire l’animale, questi penserà che è lui il più forte e la volta seguente tenterà di opporsi con maggiore decisione.

Ecco che in questa situazione non si dovrà mai darla vinta e bisognerà obbligare il cane a ubbidire a ogni costo. Falliti i tentativi di prendere il potere il cane si adatterà alla situazione di sottoposto, diverrà addirittura collaboratore del padrone e troverà un suo felice equilibrio nella famiglia.

Ma per ottenere questo da cani molto forti di carattere ci vuole un padrone che sappia farsi ubbidire imponendo la sua autorità in modo molto deciso, ma dimostrando la propria forza di carattere e la propria autorevolezza.

Il cane ha anche bisogno di fare un’adeguata quantità di movimento. Si dovrà naturalmente tenere conto della razza, delle caratteristiche fisiche, delle condizioni di salute e dell’età, ma il moto è indispensabile per mantenere in salute il cane.

Vi sono razze, come ad esempio il Bulldog, che con temperature elevate non devono fare sforzi ed è meglio che stiano tranquilli al fresco di un giardino o di un ambiente con aria condizionata. Quando è possibile, però, anche loro dovranno camminare regolarmente e per periodi abbastanza lunghi.

Ci sono poi razze come i levrieri, i cani da caccia o i cani da pastore che devono assolutamente fare molto movimento e quindi chi volesse un esemplare di queste razze dovrà portare con una certa frequenza (almeno una volta alla settimana) il suo cane a fare lunghe passeggiate in campagna o in montagna.

E anche i piccoli cani da compagnia amano fare divertenti e sfrenate corse in libertà. Per le razze molto attive e che hanno appropriate caratteristiche potrebbe essere un’ottima soluzione iscriverle a scuole che le preparino alle gare di Agility o di Obedience.

Per quelle che possono farlo (Labrador, Golden Retriever, Terranova, San Bernardo, Leonberger, Pastore tedesco, ecc.) sarebbe bello addestrarle ai salvataggi in acqua o alla ricerca delle persone scomparse o disperse.

Tutto ciò che ho detto è una parte di quello di cui il cane ha bisogno, ma non si dovrà mai scordare che la necessità principale per lui è stare vicino al padrone e vivere serenamente all’interno della famiglia, nella quale con il suo affetto riuscirà a lenire le pene dell’esistenza e a portare lealtà, fedeltà e allegria.

La cosa più importante di tutto è

Il cane non si deve abbandonare mai per qualsiasi motivo.

Una risposta a "L’uomo e il suo cane – le esigenze del cane 2"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.