L’angolo della Poesia

Noi adesso ce ne andiamo a poco a poco

Noi adesso ce ne andiamo a poco a poco

verso il paese dov’è gioia e quiete.

Forse, ben presto anch’io dovrò raccogliere

le mie spoglie mortali per il viaggio.

Care foreste di betulle!

Tu, terra! E voi, sabbie delle pianure!

Dinanzi a questa folla di partenti

Non ho forza di nascondere la mia malinconia. (1)

Ho amato troppo in questo mondo

tutto ciò che veste l’anima di carne.

Pace alle trèmule che, allargando i rami,

si sono specchiate nell’acqua rosea. (2)

Molti pensieri in silenzio ho meditato,

molte canzoni entro di me ho composto.

Felice io sono sulla cupa terra

di ciò che ho respirato e che ho vissuto.

Felice di aver baciato le donne,

pestato i fiori, ruzzolato nell’erba

di non aver mai battuto sul capo

le bestie, nostri fratelli minori. (3)

So che là (4) non fioriscono boscaglie,

non stormisce la ségala dal collo di cigno.

Perciò dinanzi a una folla di partenti

provo sempre un brivido.

So che in quel paese non saranno

queste campagne biondeggianti nella nebbia.

Anche perciò mi sono cari gli uomini

che vivono con me su questa terra.

Sergej Esénin – da Poesia russa del Novecento

  1. La gioia e la quiete dell’aldilà non cancellano la malinconia dell’addio alle cose care che si lasciano e per le quali siamo vissuti. Le care foreste di betulle evocano il paesaggio tipicamente russo tanto caro a Esénin.
  2. L’amore è rivolto a tutto ciò che è terreno, non solo però ad uomini ed animali (di carne), ma anche a tutto quanto riguarda uomini ed animali, e le tremule foglie delle betulle, e l’acqua del colore della rosa nella quale si specchiano, sono carezzate dallo stesso sguardo malinconico di addio del poeta.
  3. Il poeta è felice nella cupa terra: ecco il contrasto tra la fatica del vivere e la felicità che la vita stessa concede a chi ha respirato, vissuto, baciato le donne, pestato i fiori, amato anche le bestie, nostri fratelli minori; ma tutto diventa motivo di rimpianto per chi si accinge a lasciare la terra.
  4. Là: nel paese dov’è gioia e quiete.
Annunci

3 risposte a "L’angolo della Poesia"

  1. It was also my first nomination for this award. You just visit the site.
    1: write a short paragraph about your nomination and who nominated you.
    2: copy and paste “what is blogger recognition award”
    3: list the rules.
    4: share how you started your blog.
    5: give two pieces of advice.
    6: nominate other bloggers.
    7: inform them about their nomination.
    You may download the award logo from Google.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.