L’angolo della Poesia

Comm’è brutta ‘a vicchiàia

Pàsseno l’anne e ce facimmo viecchie,

è sulo nu ricordo ‘a giuventù,

tremmano ‘e gamme, nun sentene ‘e rrecchie,

manco stu core ce vò bene cchiù.

Nun può magnà frittura, niente sale,

nun può vevere vino, né fumà,

‘e mmulignane te ponno fa male,

e na femmena ‘a può sulo guardà.

‘Na puntura me faccio ogne matina,

primma ‘e magnà me piglio ddoie cumpresse,

a ttavula me vevo idrolitina,

e mangio ‘e stessi cose, sempe ‘e stesse.

Si, ‘e miedece me teneno a stecchette,

me privo ‘e tutto senza prutestà.

Senza femmene, vino e sicarette,

dicite vuie, uno che campa a ffà?

F. Scozio

Versione

Come è brutta la vecchiaia

Passano gli anni e ci facciamo vecchi,

è solo un ricordo la gioventù,

tremano le gambe, non sentono le orecchie,

anche questo cuore non ci vuole bene più.

Non puoi mangiare frittura, niente sale,

non puoi bere vino, ne fumare,

le melanzane possono farti male,

e una femmina la puoi solo guardare.

Un iniezione mi faccio ogni mattina,

prima di mangiare mi prendo due compresse,

a tavola bevo idrolitina, (una bustina che si metteva nell’acqua per farla diventare frizzante)

e mangio le stesse cose, sempre le stesse.

Si i medici mi tengono a stecchetto,

mi privo di tutto senza protestare.

Senza femmine, vino e sigarette,

mi dite voi, uno che ci campa a fare (che vita è, meglio morire)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.