Affinità di coppia del segno del Cancro con gli altri segni – Scorpione

Cancro-Scorpione

La bella e il suo cattivo

La cancerina è sensibile ma tutt’altro che fragile, l’unica forse a essere immune dal sottile veleno di un amore scorpionico. Se il partner dell’ottavo segno tenta di distruggerla, coinvolgendola nelle sue angosce, lei reagisce con la tenerezza e la dolcezza e alla fine vince.

Lunare, la donna del Cancro è una persona molto sensibile. Sensibile, ma non fragile. Infatti, come le altre creature nate nei segni cardinali (Ariete, Bilancia, Capricorno), anche lei è portata ad affrontare e indirizzare le circostanze in modo da imprimere loro l’indirizzo più congeniale, interessante e vantaggioso. Del resto, lo dimostra fin da bambina. Cioè da quando, esibendo la sua grazia tenera e bisognosa d’attenzioni, riesce ad accentrare su di sé una consistente fetta di sollecite cure da parte degli adulti.

E così ottiene il privilegio, per esempio, di indulgenti perdoni (e consolazioni) dei genitori quando si trova coinvolta in qualche lite coi fratelli. Ma anche con gli insegnanti le succede la stessa cosa: chi, infatti, avrebbe il coraggio di castigare una creatura tenera e dolce come lei? Anche se, in realtà, è una bambinetta sveglia che sembra già possedere il segreto per indurre chiunque a prodigarsi per darle ciò che desidera davvero: coccole e protezione.

Ma a ben riflettere, non c’è da stupirsi se, fin da piccola, la sua natura lunare le indica con sicuro istinto la via da percorrere per fare della femminilità un’arma vincente. E le suggerisce di verificare quanto l’esibizione di attese e bisogni affettivi finisca col costringere gli altri ad offrirli. Senza contropartita.

Allora diventa grande, è naturale che utilizzi l’esperienza e continui ad adottare le sue tattiche dolcemente seduttive. Lo fa soprattutto con gli uomini, su cui riesce senza fatica ad affermare il potere di una femminilità in apparenza inerme. E infatti, mentre loro, lusingati dal fatto di sentirsi importanti e forti, si danno un gran daffare per sommergerla d’attenzioni, lei si impegna a tessere loro intorno una sempre più stretta ragnatela di dipendenze affettive, da cui ben di rado riescono a liberarsi.

Se il partner è un uomo nato sotto il segno dello Scorpione, l’impresa per la Cancro si fa, non c’è dubbio, un po’ più impegnativa. Quindi più eccitante. E allora ecco che lei s’impegna con tutta se stessa per riuscire a conquistarlo e sbriglia la propria fantasia per arricchire la gamma delle malie femminili. Come la Luna, muta all’infinito la propria immagine e attiva incredibili suggestioni: ora sirena ora ninfa, ora glamour, ora ingenua, lo sorprende e incuriosisce senza posa.

Poi lo ammalia con uno sguardo che non solo riesce a sostenere il penetrante sguardo scorpionico, ma arriva addirittura a renderlo inerme, opponendo una dolcezza capace di far naufragare miseramente ogni velleità aggressiva.

A lui non resta che giocare l’ultima carta: quella di un eros che, all’energia marziana, unisce il potere sottile di un intuito psicologico capace di creare quegli oscuri, irripetibili segreti intimi che avvincono ogni donna perché le danno la coinvolgente sensazione di essere unica.

Femminile com’è, la Cancro non si sottrae certo all’incanto scorpionico. Solo che lei, quando si sente posseduta, non rischia affatto di scadere al ruolo di vittima. Anzi, diventa ancora più forte, perché gli struggimenti dell’anima e del corpo hanno su di lei un effetto vivificante. Quasi da stato di grazia: pervasa in tutti i pori della propria femminilità e finalmente libera di dare sfogo a un infinito desiderio di amare.

Ma lo Scorpione non è un tipo semplice e un amore così incondizionato può scatenare in lui oscure reazioni distruttive. A sua volta, però, la Cancro è forse l’unica donna immune da questo veleno scorpionico. Nel senso che a lei piacciono pene e tormenti d’amore. Tanto che, quando non li ha, se li crea. Il gioco delle tenebre plutoniane la fa sentire terribilmente viva. Entusiasta del ruolo di guaritrice dell’anima e di nume tutelare dell’amore e della vita. Addirittura eroica nell’affrontare le prove crudeli che lo Scorpione non le risparmia certo. Come quando, per occultare dolorosi timori di essere rifiutato, lui fa di tutto per apparire odioso e insopportabile. Ma lei, intuitiva e sensibile, sa che proprio in questi momenti deve riuscire a sommergerlo con tutta la dolcezza materna di cui è capace.

Così, mentre gli struggimenti scorpionici sono dissolti dalla tenerezza cancerina, s’acquietano anche le angosce scorpioniche più profonde.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.