Arte – Cultura – Personaggi

Rabindranath Tagore

Un commento alla poesia del giorno

Il poeta e filosofo indiano Rabindranath Tagore, premio Nobel 1913, è l’autore di questa semplice e sublime poesia, che possiamo definire un inno alla operosità degli uomini di buona volontà: anche tra gli affanni e le guerre, mentre imperi vanno in rovina, il lavoro degli uomini segna il trionfo della pace e dell’amore.

La poesia fu scritta da Tagore ottantenne, pochi mesi prima della morte: nella sua vastissima opera domina sempre una visione mistica della vita e un senso profondo di pace, sì che giustamente è stato detto che l’intera sua vita fu un cantico d’amore.

La vita

Nato a Calcutta nel 1861 da famiglia ricca e aristocratica, Rabindranath Tagore studiò giurisprudenza in Inghilterra.

Tornato presto in patria, coltivò diverse forme d’arte: poesia, narrativa, teatro, musica, filosofia.

Viaggiò in Europa, in Asia, in America ed assorbì alcuni contenuti della cultura occidentale.

Esordì molto giovane come narratore, ma la prima opera che lo consacrò alla fama fu la raccolta di poesie Canti d’offerta uscita nel 1913.

Dei moltissimi libri di Tagore ricordiamo: i romanzi Il naufragio, Gora, La casa e il mondo; i drammi teatrali La vendetta della natura, Il re, Ciclo di primavera; le raccolte poetiche Il bambino, Il giardiniere, Frontiera, Sul letto d’infermo, Guarigione.

Tagore morì a Santiniketan presso Bolpur, nel Bengala, nel 1941.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.