L’angolo della Poesia

‘E notte

Tutt’è silenzio dint’à sta nuttata

nun se sente nu passo ‘e cammenà.

Nu ventariello tutta na serata

pare ca me vuleva accarezzà…

E finalmente chiagno! Tu nun vide,

tu staje luntano, comme ‘o puo’ vedè?

Però t’ ‘o ddico pecché tu me cride

E si me cride, chiagne nzieme a me!

Scenne stu chianto lento, doce doce,

nun aizo na mano p’  ‘asciuttà.

Io strillo pe’ te fa’ sentì sta voce,

ma tu nun puo’ sentì… c’allùcco a ffa’?

Tutt’è silenzio… ncielo quanta stelle!

Affaccete, tu pure ‘e ppuo’ vedè:

songo a migliare, e saie pecché so’ belle?

Pecché stanno luntano, comm’  ‘a tte!

Eduardo De Filippo – 1929

E’ notte – versione

Tutto è silenzio in questa notte

non si sente un passo camminare.

Un venticello per tutta la serata

sembrava che volesse accarezzarmi…

E finalmente piango! Tu non vedi,

tu sei lontano, come lo puoi vedere?

Però te lo dico affinché tu mi creda

e se mi credi, piangi insieme a me!

Scende questo pianto lento, dolcemente,

non alzo la mano per asciugarmi.

Io strillo per farti sentire questa voce,

ma tu non puoi sentire… che grido a fare.

tutto è silenzio… nel cielo quante stelle!

Affacciati, anche tu le puoi vedere:

sono a migliaia, e sai perché sono belle?

Perché stanno lontano, come te!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.