Curiosando qui e là

Il fascismo abolì il capodanno

In effetti l’inizio del 1937 non venne festeggiato: Mussolini aveva abolito il capodanno tradizionale, e il capodanno fascista doveva venire festeggiato il giorno della marcia su Roma, vale a dire il 28 ottobre.

Da quel momento in poi le date avrebbero dovuto essere scritte contemporaneamente in numeri arabi e in numeri romani e a partire dal 1922, anno in cui, in occasione della marcia, Mussolini indusse il Re a nominarlo Presidente del Consiglio dei ministri.

Mussolini in questo modo accostava se stesso a Giulio Cesare, che aveva inaugurato il calendario giuliano duemila anni prima.

In realtà, l’abolizione del capodanno restò un atto puramente formale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.