Curiosando qui e là

Perché sui vini c’è solo il luogo di produzione, mai la provincia?

Sull’etichetta di un vino è obbligatorio indicare volume, imbottigliatore, gradazione, alcool effettivo, sede di produzione (se il vino è Doc) o di imbottigliamento (negli altri vini).

Bisogna però indicare solo il Comune (o la frazione) e lo Stato, mentre è vietato indicare la provincia. L’etichettatura dei vini è regolata da una normativa europea, nata dall’esigenza di uniformare il tipo d’informazione fornita, in modo che sia identica in tutti gli Stati comunitari.

Amministrativamente infatti, le province sono in Italia, mentre in Francia ci sono i départements e in Inghilterra le county.

In realtà in Italia la sigla della provincia viene riportata, ma la si trova accanto al numero del registro di imbottigliamento, assegnato ad ogni produttore dall’Istituto Repressione Frodi, sulla capsula, in alluminio, stagno o plastica, che avvolge il tappo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.