Monumenti di Napoli

Neapolis – Cenni di storia antica  – 3

Le vacanze e gli “otia” in Campania

resti del Santuario di Apollo

Intorno alla metà del II secolo a.C., con l’economia dell’Italia romana in piena ripresa dopo la crisi della seconda guerra punica e la cultura greca ormai accettata senza ostacoli dalla classe dirigente dell’Urbe, si sviluppò un tipo particolare di villa dove, accanto ai settori destinati alla produzione, alla raccolta e alla trasformazione dei prodotti agricoli e all’allevamento specializzato, assunse sempre maggiore importanza la lussuosa parte destinata ai soggiorni, più o meno saltuari, dei ricchi proprietari.

Quando le coste dell’Italia divennero del tutto sicure in seguito alla sconfitta dei pirati ad opera di Pompeo, questo tipo di villa si sviluppò in grande stile, divenendo il luogo deputato degli otia dei ricchi senatori e dei cavalieri romani che qui amavano coltivare i loro interessi culturali e soddisfare i più vari piaceri.

Le ville furono costruite in luoghi suggestivi, in genere posti in alto e ben esposti ai venti, spesso dominanti la linea di costa, con rampe e terrazze digradanti verso il mare, dove quasi sempre la villa possedeva un approdo privato e delle peschiere. Al corpo principale dell’edificio, eretto su massicce sostruzioni voltate in calcestruzzo, dove la tradizionale successione atrio-peristilio risultava di norma invertita, si aggiunsero portici, passeggiate alberate, vasti saloni, cubicoli diurni, terme private, giardini, ninfei, piscine, e perfino basiliche, destinate agli arbitrati privati e a discutere i più svariati affari con le numerose clientele, e ancora biblioteche, tempietti, edifici per gli spettacoli. Continua domani.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.