L’angolo della Poesia

La nomina del Cappellan

1 Ecco che riva intant la gran mattina,

   ecco el palazz tutt quant in moviment,

  pret in cort, pret suj scal, pret in cusina,

  pienn I anticamer de l’appartament,

  gh’è i pret di feud, el gh’è i Còrs, gh’è i nost,

  par on vol de scorbatt che vaga a post.

2 El gran rembomb di vòlt, el cattabuj

  de la mormorazion che ghe fan sott,

  el strusament di pee, di ferr de muj

  che gh’han sott ai sciavatt quij sacerdott,

  fan tutt insemma on ghett, on sbragalismo,

 ch’el par che coppe nel Romanticismo.

3 Baja la Lilla, baja la Marchesa

  tutt e do dessedaa del gran baccan;

  i pret che hin solit a sbraggià anca in gesa

  ghe le dan dent senza rispett uman,

  quand on camerleccaj dolz come on ors

  el corr a strozzagh lì tucc I discors.

4 Semm in piazza, per Dio, o indove semm?

  Sangue de dì, che discrezion l’è questa!

  Alto là, citto: quij duu in fond… andemm…,

  che la Marchesa la gh’ha tant de testa!

  Hin mò anch grand e gross, e on poo de quella,

  per Dio sacrato, el sarav temp de avella!

Continua domani

Carlo Porta

Versione:

1 Ecco che intanto arriva la grande mattina,

  ecco il palazzo tutto quanto in movimento,

  preti in corte, preti sulle scale, preti in cucina

  piene le anticamere dell’appartamento.

  Ci sono i preti dei feudi, ci sono i còrsi, ci sono i nostri,

  pare un volo di corvi che vada ad appostarsi.

2 Il gran rimbombo delle vòlte, il subbuglio

  della mormorazione che ci fanno sotto,

  lo strusciamento dei piedi, dei ferri da mulo

  che hanno sotto le ciabatte quei sacerdoti,

  fanno tutt’assieme un ghetto, uno strepito

  che pare accoppino il Romanticismo.

3 Abbaia la Lilla, abbaia la Marchesa,

  tutt’e due svegliate dal gran baccano;

  i preti che sono soliti a vociare anche in chiesa

  ce la danno dentro senza rispetto umano,

  quando un lacchè di camera, dolce come un orso,

  accorre a strozzar loro tutti i discorsi.

4 “Siamo in piazza, per Dio, o dove siamo?

  Sangue del diavolo, che discrezione è questa!

  Alto là, zitti: quei due là in fondo… andiamo…

  ché la Marchesa ha tanto di testa!

  Son pur anche grandi e grossi, e un po’ di creanza

  In nome di Dio, sarebbe ora di averla!”

Continua domani

Una risposta a "L’angolo della Poesia"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.