Gli Equidi – 7 – L’Asino selvatico africano – 2

La gestazione dura 12 mesi, e i piccoli vengono partoriti nelle immediate vicinanze del branco. Entro un’ora essi sono in grado di seguire la madre e si sviluppano più rapidamente dei Cavalli: dopo 4 mesi vengono infatti svezzati, anche se di solito continuano di quando in quando a nutrirsi del latte materno fino al termine del primo anno e completano il proprio sviluppo all’età di 2 anni. Ogni branco dispone di un territorio personale, all’interno del quale si sposta in modo apparentemente “disorganizzato”, recandosi anche con estrema irregolarità all’abbeverata. Gli Asini selvatici sono molto timidi e paurosi e si ritirano immediatamente in zone inaccessibili non appena avvertono nelle vicinanze qualcosa che li insospettisce: in Somalia, ad esempio, furono scoperti dei piccoli gruppi, perlopiù in deserti rocciosi aridi e incolti, ove gli animali riescono a  spostarsi solo grazie all’estrema robustezza della base dei loro zoccoli. Sebbene la fattispecie della Somalia, l’unica ancora esistente, sia protetta da severi leggi che ne vietano la caccia, i beduini nomadi continuano a perseguitarla: allorché un gruppo si accorge di essere circondata da nemici, non esita un solo istante a lanciarsi con i piccoli lungo delle pendici pressoché verticali. Anche se nei territori abitati dagli Asini selvatici crescono solo mimose, cespugli irti di spine ed erba coriacea, gli animali non sono ugualmente sottoalimentati, in quanto (come d’altronde avviene per l’Asino domestico) sanno sfruttare ottimamente il cibo assunto.

A causa della forte riduzione delle popolazioni viventi allo stato libero, la maggior parte degli Asini selvatici ospitati attualmente nei giardini zoologici discende da esemplari importati verso il 1930, dai quali si è originato anche il branco, divenuto poi famoso, allevato nel parco zoologico Hellabrun di Monaco. Alcuni esemplari di questo branco furono inviati verso il 1950 alla Catskill Game Farm (Stati Uniti). Lo zoo di Basilea riuscì soltanto nel 1970 ad acquistare cinque Asini selvatici della Somalia, che erano stati catturati nella vallata del Nogal: sin dall’inizio questi animali si dimostrarono tranquilli e abbastanza mansueti, e sebbene al mattino, dopo aver abbandonato la stalla, si lanciassero sovente al galoppo sfrenato nell’interno del recinto, sorprendevano tuttavia come riferì il direttore dello zoo, Ernst M. Lang per la loro calma e l’atteggiamento guardingo.

Di quando in quando si sollevavano anche sugli arti posteriori, per strappare le foglie dai rami; un simile comportamento non è mai stato osservato nelle Zebre. Gli esemplari di Basilea sono attualmente gli unici Asini selvatici della Somalia, di razza pura, catturati allo stato libero e successivamente adattati alla vita in cattività.

A Catskill, ove gli animali sono stati divisi in due gruppi in base alle caratteristiche esteriori (Asini selvatici della Nubia e Asini selvatici della Somalia), gli allevatori hanno incontrato molte difficoltà per la riproduzione; sebbene si tratti di animali che vivono in cattività da più generazioni, i maschi si comportano infatti quasi sempre in modo “brutale” nei confronti delle femmine, e vengono perciò tenuti separati da queste. Solo quando una femmina entra in calore, viene condotta dal maschio prescelto; la gestazione dura circa 360 giorni, e appena 9-15 giorni dopo il parto la femmina cade di nuovo in calore, per cui viene ricondotta dal maschio. Durante il primo mese il piccolo Asino selvatico non può bere acqua, altrimenti è destinato inevitabilmente a morire. Quando la madre va all’abbeverata, il cucciolo rimane quindi indietro di alcuni passi senza dissetarsi, e poiché notoriamente questi Equidi possono resistere a lungo senza bere (allo stato libero con ogni probabilità non si recano all’abbeverata ogni giorno), non risente minimamente di questa privazione. In cattività, solo all’età di circa sei mesi si comincia a somministrare ai piccoli un po’ di liquido, dapprima riscaldandolo e a modestissime dosi. Le femmine degli Asini selvatici possono raggiungere la maturità sessuale già a due anni, i maschi di solito a 5; un maschio adulto è così aggressivo da risultare talvolta pericoloso per l’allevatore, che deve peraltro trattare con notevole circospezione anche le femmine con piccoli nati da pochi giorni. A Catskill gli Asini selvatici si sono dimostrati assai resistenti alle variazioni climatiche e agli sbalzi di temperatura, ma come tutti gli Equidi sono anche più insofferenti a un’umida giornata di pioggia che non a un giorno d’inverno caratterizzato da un freddo asciutto o da precipitazioni nevose. Poiché gli zoccoli sono molto robusti e crescono con notevole rapidità, devono essere tagliati due volte l’anno agli animali che vivono nei giardini zoologici, anche se il loro recinto è sassoso.

Gli Asini selvatici africani rivestono un particolare interesse anche per quanto riguarda le loro facoltà “intellettive” e da questo punto di vista dovrebbero essere classificati al primo posto fra tutti gli Equidi selvatici. Tenendo conto del fatto che negli ultimi anni in alcune remote ragioni somale è stata riscontrata l’esistenza di branchi ancora abbastanza numerosi, è auspicabile che questa rarissima specie riesca a salvarsi dall’estinzione. Continua gli Equidi 7

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.