L’angolo della Poesia

La nomina del Cappellan – 3

9 Chi mò sentend che on patt inscì essenzial

l’eva quell de savè giugà a taracc,

ghe n’è staa cinqu o ses che han ciappaa i scal,

e tra i olter (peccaa) on certo don Rocch,

gran primerista fina de bagaj,

ch’el giuga i esequi on mes prima de faj.

10 (E quell el tira innanz) Portà bigliett,

fa imbassad, fa provist, toeuss anca adree

di voeult on quaj fagott, on quaj pacchett,

corr dal sart, daj madamm, dal perucchee,

mennà a spass la cagnetta e se l’occor

scriv on cunt, ona lettera al fattor.

11 Anca chi el n’è sblusciaa de on sett o vott,

vun per quella reson de la cagnetta,

on segond per reson de quij fagott,

e I olter cinqu o ses han faa spazzetta

per no infesciass coj penn, coj carimaa,

e ris’cià de sporcà i dit consacraa…

12 (E quell el tira innanz) Quant al disnà

de solit el gh’è el post con la patrona,

via giust che no vegna a capità

on disnà de etichetta, o ona persona

d’alto bordo o de impegn, chè in sto cas chì

mangem tra nun, cont i donzell e mì

Carlo Porta – Continua domani

Versione

9 Qui ora, sentendo che un patto così essenziale

era quello di saper giocare a tarocchi,

ce ne sono stati cinque o sei che hanno infilato le scale,

e tra gli altri (peccato!) un certo don Rocco,

gran giocatore di primiera fin da ragazzo,

che gioca le esequie un mese prima di farle.

10 (E quello tira avanti) “Portare i biglietti,

fare ambasciate, fare provviste, prendersi anche dietro,

alle volte, qualche fagotto, qualche pacchetto,

correre dal sarto, dalle modiste, dal parrucchiere,

menare a spasso la cagnetta e se occorre

scrivere un conto, una lettera al fattore”.

11 Anche qui se la sono svignata in sette o otto,

uno per quella ragione della cagnetta,

un secondo per ragione di quei fagotti,

e gli altri cinque o sei hanno spazzato il campo

per non intrigarsi con le penne, coi calamai,

e rischiare di sporcare le dita consacrate. (…)

12 (E quello tira innanzi) “Quanto al pranzare,

di solito c’è il posto della padrona,

salvo giusto che non venga a capitare

un pranzo di etichetta, o una persona

di alto bordo o di impegno, ché in questo caso

mangiamo tra noi, con le cameriere e con me.

Continua domani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.