Note alla poesia

Il coro di Ermengarda di Alessandro Manzoni da Adelchi

  1. Sparsa le trecce… lenta le palme… rorida di morte il bianco aspetto: accusativi di relazione; intendi perciò: con le trecce sparse… con le palme abbandonate… col bianco volto irrorato da un sudore mortale.
  2. la pia: Ermengarda, detta, più sotto, gentil, mesta, tenera: attraverso tali epiteti traspare l’affettuosa comprensione soffusa di tenerezza che il Manzoni riversa su questo personaggio.
  3. tremolo: lo sguardo tremolante per le fatiche fisiche e per i travagli dello spirito.
  4. cercando il ciel: più che un atteggiamento fisico, quello di Ermengarda morente che rivolge lo sguardo al cielo è un atteggiamento spirituale, l’atteggiamento, cioè, di chi intravede nella luce celeste il termine del lungo martirio e di chi si sente prossimo a penetrare il mistero dell’aldilà.
  5. Cessa il compianto: sin qui le suore hanno consolato Ermengarda, compiangendo le sue sventure; ora il compianto cede alle preghiere che si recitano per i moribondi.
  6. Il poeta ora interviene direttamente, rivolgendosi ad Ermengarda perché si liberi dei terrestri ardori che rendono ansiosa la sua mente, e rivolga ogni suo pensiero a Dio: nell’aldilà, infatti, è posta la fine (il termine) del lungo martirio che l’ha travagliata sino ad ora.
  7. sempre… chiedere: di chiedere sempre un obblio.
  8. Tal della mesta… patir: il destino irremovibile (il fato immobile) dell’afflitta (mesta) Ermengarda era questo: cercar sempre, ma invano, di dimenticare, e ascendere al regno dei Cieli santificata, purificata dai suoi stessi patimenti.
  9. Comincia la parte centrale del coro in cui è stupendamente rievocato il cumulo delle memorie che si abbatte sull’’animo della sventurata donna: sono i giorni felici trascorsi vicini all’uomo amato, pieni di velate dedizioni e di amabili terrori, spensierati e improvidi di un avvenir mal fido; e quanto più quei ricordi sono pieni di pace, di allegrezza, di gioia di vivere, tanto più oggi, con la loro presenza nella sventura, sono terribili, disperati, tragici.
  10. tenebre: notti.
  11. claustri: i chiostri del monastero.
  12. Vergini: le suore.
  13. Presso gli altari, ai quali si accostava supplice.
  14. irrevocati di: giorni che tornano alla mente non chiamati.
  15. quando ancor… fido: quando ancora amata (da Carlo), inconsapevole (improvida) del futuro mal fido che l’attendeva.
  16. L’ebbrezza della donna felice è, in un certo senso, alimentata dall’aria nuova, vivida, che respira all’arrivo in Francia, dove ha inizio, appunto, una nuova vita che la rende invidiata, per la sorte toccatale, tra le spose (nuore) franche. (Saliche perché discendenti dai salii, una delle tribù franche).
  17. aereo: alto.
  18. Altro accusativo di relazione: con i biondi capelli ingemmati.
  19. discorrere: correre qua e là.
  20. la caccia: tutti coloro che prendevano parte alla battuta di caccia.
  21. sulle sciolte redini: a briglie sciolte.
  22. il chiomato sir: Carlo, secondo l’uso dei Franchi, portava i capelli lunghi.
  23. corridor fumanti: i cavalli fumanti per il sudore.
  24. veltri ansanti: i cani affannati.
  25. Il dardo (stral) infallibile del re coglie il cinghiale appena uscito dalla macchia; la fiera si abbatte sulla polvere battuta dai cani: cessato il pericolo per l’uomo amato, Ermengarda, che ha seguito la scena da un poggio aereo, si volge alle sue donne, pallida d’amabile terror per la scena cruenta che si è appena conclusa.
  26. Un altro tenero ricordo di vita coniugale, diverso dal precedente tempestoso e pauroso: alle sorgenti termali di Aquisgrana, presso la Mosa, fiume dal corso sinuoso (errante). Carlo s’era fatto costruire un palazzo; spesso vi si recava, e, deposta l’orrida maglia guerresca, detergeva dal suo corpo il sudore, nobile perché originato dalle fatiche guerresche (del campo). Orrida l’armatura potrebbe essere anche perché ad Ermengarda incuteva spavento, come simbolo della crudeltà della guerra e dei pericoli che il suo uomo correva. Comunque, quelli erano momenti di serenità, perché poteva rimanere vicino al marito.
  27. Comincia qui la famosa doppia similitudine che si sviluppa in quattro strofe: “Come la rugiada, posandosi sul cespite del erba inaridita, fa rifluire di notte la vita fresca negli steli (calami) riarsi che si rizzano nuovamente verdi, nel calore temperato dell’alba, così il ristoro di una parola di conforto (amica) discende tra i pensieri di Ermengarda che si sono affaticati dalla crudele (empia) forza dell’amore per Carlo, e indirizza (diverte) il cuore di lei ai sereni gaudii dell’amore per Dio. Ma, come il sole, che, tornando a levarsi (reduce), percorre l’erta infocata del cielo e incendia con la sua implacabile (assidua) vampa l’aria non ventilata (immobile), abbatte nuovamente bruciandoli i gracili steli d’erba che erano appena risorti (per effetto della rugiada), così dopo il debole oblìo torna subito in Ermengarda l’amore invincibile (immortale) che si era sopito per poco, assale l’anima impaurita e richiama all’abituale dolore i ricordi dei tempi felici per poco dimenticati (le sviate immagini)”. Questa doppia similitudine rende efficacemente, seppure un po’ freddamente, il continuo dramma dell’infelice Ermengarda, sempre alla ricerca di un oblìo che le saria negato: la similitudine, sapientemente costruita con quattro distinte parti (nelle prime due strofe l’effetto delle parole di conforto simile a quello della rugiada sull’erba inaridita, nelle altre due il brusco richiamo alla realtà simile al dannoso effetto della calura sull’erba appena risorta), ha anche la funzione di una pausa nell’esortazione che il poeta rivolge direttamente all’infelice donna: subito dopo essa riprende, con le stesse parole con cui era cominciata (Sgombra, o gentil…), ma con ben diverso sviluppo; infatti, mentre sin qui il poeta ha rievocato le vicende della vita terrena di Ermengarda, ora il canto s’innalza per celebrare il motivo altissimo della provida sventura.
  28. nel suol che… impallidir: in questo suolo che ricoprirà la tua delicata spoglia mortale, sono seppellite (dormono) altre donne infelici, uccise dal dolore: spose private dei mariti dalle spade degli oppressori, vergini che si fidanzarono inutilmente perché i loro promessi furono uccisi, madri che videro impallidire i loro figli, trafitti dagli uomini della tua razza.
  29. Sono queste le due strofe essenziali di tutto il coro; esse chiariscono un fondamento del mondo morale manzoniano e ne colgono un momento assai significativo. Il concetto è questo: “La provvida sventura collocò fra gli oppressi te discendente di quella colpevole razza (rea progenie) di uomini oppressori che furono valorosi solo se numerosi (e perciò vili), che giudicarono giusto opprimere i soggetti e un diritto ucciderli (e perciò prepotenti), che a titolo di gloria menarono vanto della loro spietatezza (perciò empi); la provvida sventura, collocando te fra gli oppressi, dandoti cioè le sofferenze  che altri hanno patito per colpa della tua spietata razza, ha fatto si che ti redimessi, accomunandoti nel dolore a tutte le sventurate e cancellando così odi e risentimenti; puoi morire, perciò non esecrata, non odiata (come meriteresti perché longobarda) ma compianta e senza rimorsi, perché, infelice tra infelici, nessuno insulterà le tue ceneri che non hanno colpa alcuna (incolpate)”. Insomma, la Provvidenza si serve anche del dolore e della sventura per trarre il bene dal male, per consentire ai malvagi di redimersi, per preparare il trionfo del bene che premi coloro che si sono trincerati dietro lo scudo della fede. Questo concetto sarà ampiamente sviluppato ne I Promessi Sposi.
  30. Consolata dalla certezza della redenzione, Ermengarda ricomporrà il suo volto nella pace della morte, dopo tante sofferenze, con l’espressione di serenità che aveva quando, giovinetta improvvida d’un avvenire che l’avrebbe ingannata e delusa, esprimeva casti pensieri e sogni verginali. Allo stesso modo, dopo un giorno di tempesta, il sole torna a splendere, avviandosi al tramonto, tra le nuvole squarciate, preannunziando al più contadino un giorno più sereno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.