Comportamento

Si studia sempre, tutta la vita. Per questo serve un metodo. – 3

Quanto e come studiare

Ma attenti a non pretendere l’impossibile. Se fate 10 ore di studio ininterrotto, renderete come se studiaste un’ora sola. L’attenzione può restare concentrata da 20 a 50 minuti. Sfruttate questa scoperta e usate la sveglia: 50 minuti di studio, poi una pausa di 5-10 minuti, e riprendete. Verificate se la musica classica vi aiuta o vi distrae. Studiate nelle ore di luce: 60 minuti di studio diurno equivalgono a 90 di studio notturno. Dormite almeno 8 ore per notte: nel sogno memorizzerete ciò che avete studiato legando i nuovi dati con quelli già presenti nel cervello.

Quando ci mettete a studiare 10 pagine di storia? E 10 di italiano? C’è chi è lepre in geografia e lumaca in biologia. Dipende dall’interesse, dall’insegnante e dalla conoscenza dei vocaboli che ha lo studente. Per scoprirlo cronometrate i vostri tempi. E scoprite anche quanto ci mettete a ripassare.

Indicativamente ogni mezz’ora di spiegazione richiede un’ora di studio. Preparate un grafico dei voti e delle ore di studio per ogni materia: se voti e ore sono proporzionate, tempi e metodi sono corretti.

Potete scegliere fra studiare in modo passivo o in modo attivo. Se studiate in modo passivo, cioè leggete e rileggete il testo fino a infilarvelo nella zucca, ci mettete più tempo e imparate meno. Chi va in profondità, cerca il senso di quello che sta studiando, riflette su quello che legge e collega i concetti nuovi con quelli precedentemente assimilati. Insomma, l’apprendimento è il lavoro di digestione della conoscenza in modo da modificare i modelli contenuti nel cervello che usiamo per interpretare il mondo. Se studiare vi annoia, vuol dire che state studiando passivamente. Come rendere attivo lo studio? L’80% di ciò che volete da un libro è contenuto nel 20% delle parole: di ogni pagina vi servono solo le informazioni rilevanti. Il vostro compito è farle saltare fuori prima ancora di leggere.

Almeno il 50% del tempo dello studio deve essere dedicato alla rielaborazione attiva di quanto avete letto: chiudete il libro e cercate di ripetere lo schema mentale. Se non ricordate almeno l’80% dei punti principali, vuol dire che avete letto troppo prima di ripetere. Verificate di non aver dimenticato parti importanti. Ora aggiungete particolari, pensate alle correlazioni con altri capitoli, altre materie, argomenti studiati gli anni precedenti, le implicazioni, l’utilità, l’esperienza personale, gli approcci alternativi. Si apprende personalizzando lo studio.

Quando ripasserete, leggerete solo la parte evidenziata: dovrebbe bastare a richiamarvi alla memoria tutto quello che ormai sapete. Quante volte ripassare? E a distanza di quanto? Gli studi sul successo delle campagne pubblicitarie dicono che lo spot va ripetuto spesso. Il giorno dopo il primo spot, se ne ricorda meno del 50%, e se non viene ripetuto sparisce. Se lo spot viene ripetuto quattro volte in un anno, se ne ricorda il 20%. Ma l’unico modo per ricordare almeno il 50% del messaggio tutto l’anno è quello di sentire lo spot almeno una volta al mese. Insomma, per ricordare alcuni punti, bisogna rinfrescarli continuamente, altrimenti sono da ristudiare.

Sfruttate le interrogazioni. Non sono tempo perso. Le domande che fanno gli insegnanti sono sempre le stesse: sono le cose che ritengono importanti, i loro pallini. Per assurdo, invece di stare attenti alle spiegazioni e di studiare, basterebbe imparare le risposte migliori date a quelle domande. Utilissime anche per il ripasso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.