L’angolo della Poesia

‘A mundana – 3

Nun appena fuie ‘ncoppa ‘a Sezione,

se mettette alluccà comme a ‘na pazza.

‘E strille se sentevano a ‘o puntone.

“Ch’è stato, neh? Ched’è chisto schiamazzo?

Avanti, fate entrà sta… Capinera” –

dicette ‘o Cummissario a ‘nu piantone.

E ‘o milite, cu grazia e cu maniera,

‘a votta dinto cu ‘nu sbuttulone.

“Ah! Si’ tu?” – dicette ‘o funzionario –

“Si nun mme sbaglio, tu si’ recidiva?

Si’ cunusciuta ccà a Muntecalvario.

Addò t’hanno acchiappata, neh, addò stive?”

“All’angolo d’  ‘o vico ‘a Speranzella.

Steva parlanno  cu ‘nu marenaro,

quanno veco ‘e passà ‘na carruzzella

Cu’ dinto don Ciccillo ‘o farenaro.

Don Ciccio fa ‘nu segno: “Fuitenne!

Curre ca sta passando ‘o pattuglione”.

‘I dico a ‘o marenaro: “Iatevenne.

Stu brigadiere ‘o saccio… è ‘nu ‘nfamone”.”

“A legge è legge” – dice ‘o cavaliere -;

“nun aggio che te fa’, ragazza mia.

I’ te cunziglio: lassa stu mestiere,

e lievete pe’ sempe ‘a miezo ‘a via.”

“E che mme metto a ffa’, signore bello,

‘a sarta, ‘a lavannara, ‘a panettera?

Spisso mm’  ‘o sento chistu riturnello.

“E truòvete ‘nu posto ‘e cammarera!”

“Signò, dicite overo ‘o pure apposta?

Vulite pazzià? E nun è umano.

V’  ‘a mettìseve dinto ‘a casa vosta

chi… pe’ disgrazia ha avuta fa’  ‘a puttana?!”

Antonio De Curtis in arte Totò

Versione

La mondana (la puttana)

Non appena fu nel Commissariato,

si mise a strillare come una pazza.

Gli strilli si sentivano fino in cima.

“Cosa è stato, neh? Cos’è questo schiamazzo?

Avanti, fate entrare questa… Capinera” –

disse il Commissario ad un piantone.

E il militare con grazia e con maniere,

la spinge dentro con uno spintone.

“Ah! Sei tu?” – disse il funzionario –

“Se non mi sbaglio, tu sei recidiva?

Sei conosciuta qui a Montecalvario. (quartiere napoletano)

Dove ti hanno presa, neh, dove stavi?”

“All’angolo del vico Speranzella.

Stavo parlando con un marinaio,

quando vedo passare una carrozzella

Con dentro don Francesco il venditore di farina.

Don Francesco mi fa un segno: “Scappatene!

Corri che sta passando la volante.

Io dico al marinaio: Andatevene.

Questo brigadiere lo conosco… è un grande infame.”

“La legge è legge” – dice il commissario -:

“non ho che farti, ragazza mia.

Io ti consiglio: lascia questo mestiere,

e togliti per sempre da mezzo alla strada.”

“E che mi metto a fare, signore bello,

la sarta, la lavandaia, la panettiera?

Spesso me lo sento questo ritornello.

“E trovati un posto da cameriera!”

“Signore, dite sul serio o fate finta?

Volete giocare? E non è umano.

Vi mettereste dentro casa vostra

Chi… per disgrazia ha dovuto fare la puttana?!”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.