Affinità di coppia del segno della Vergine con gli altri segni – Cancro

Vergine-Cancro

Con te conquisto la Luna

Quando la tranquilla mercuriana finisce prigioniera nel cerchio magico del capriccioso figlio della Luna scopre altri mondi: oscuri, sensuali e tanto lontani. Nei quali si sentirà regina finché sarà, oltre che amante, madre.

L’uomo del Cancro è un essere lunare. Come l’erratico satellite che governa il segno, egli emana magiche suggestioni, ma può anche suscitare inquietudini.

Dominato dalle emozioni, è soggetto anche a improvvisi e spesso inspiegabili sbalzi d’umore. E basta un nonnulla perché il Cancro passi da uno stadio di languido abbandono al capriccio ostinato e prepotente: il complicato gioco di luci e di ombre che anima la natura lunare fa del Cancro una persona talvolta particolarmente suscettibile. E, quando si sente ferito, reagisce come un bambino che, in preda a crisi abbandonica, batte i piedi per riconquistare l’attenzione della mamma.

Ecco, la figura materna imprime un marchio indelebile nell’anima cancerina e finisce col condizionare l’intera esistenza: il dramma di Edipo è sempre in agguato e la mamma di un piccolo Cancro dovrebbe essere dotata di un’eccezionale senso della misura, per evitare di incoraggiare pericolosamente capricci e pretese.

Ma non è facile resistere alla tentazione d’essere iperprotettiva con un figlio così tenero e sensibile. E d’altra parte bisogna essere assolutamente esenti dal pur minimo complesso di colpa per indurre a spiccare il volo questa creatura tremendamente restia ad abbandonare il nido. Non è un’impresa facile e così va a finire che il cordone ombelicale non si recide mai.

Oppure si recide in modo tanto traumatico che il Cancro adulto finisce col cercare quasi fatalmente una donna-madre da cui si aspetta quella disponibilità totale e incondizionata che dovrebbe risarcirlo di lontane ma mai risolte privazioni affettive. Ma queste sono cose che si scoprono poi.

Ai primi approcci amorosi, il Cancro sembra infatti promettere solo doni. E bisogna proprio essere delle dure per resistere alle seduzioni di questo personaggio in fase di corteggiamento: lui guarda la sua donna come se fosse l’unica, la suggestiona con la magia di fantastiche storie autobiografiche affioranti da una sconfinata memoria emotiva.

E la imprigiona definitivamente coi legami orditi da un’intuizione lunare capace, quando vuole, di prevenire segreti desideri e stabilire arcane intimità. Lei, che di solito si sente piuttosto grigia e anonima, ha un bel cercare di difendersi con terrestri elucubrazioni mercuriane quando lui fa sentire la più desiderabile delle donne e sembra chiederle in cambio solo un po’ di tenerezza e attenzione. Così lei non può fare praticamente a meno di innamorarsi.

E si scopre pronta ad amarlo, servirlo e assisterlo per tutta la vita. Il che vuol dire, nel linguaggio cancerino, a viziarlo e assecondarlo con diligente continuità e assoluta dedizione.

Queste prospettive, che avrebbero il potere di far inorridire una donna del Leone, non turbano certo l’animo della nata nella Vergine. In lei si annida una vocazione assistenziale preziosissima, se succede che il Cancro attraversi una delle sue non infrequenti crisi ipocondriache. O quando si tratta d’abbozzare se una suocera ingombrante invade troppo frequentemente la cittadella domestica.

Questa è una nota dolente nel rapporto Vergine-Cancro, perché la Vergine rischia di essere proditoriamente ghermita dalle sue latenti insicurezze quando la sfiora il sospetto di essere, sempre e comunque, la seconda arrivata nella gerarchia affettiva del compagno. Ha la possibilità di cavarsela bene nel sotterraneo duello se, con astuzia mercuriana, evita la tentazione di recriminare per combattere la battaglia sul campo delle piccole, costanti attenzioni. Un ménage improntato a una saggia amministrazione affettiva e pecuniaria e a una rassicurante scansione dei ritmi finisce col conquistare l’incondizionata e fedele dedizione cancerina.

Allora alla donna della Vergine non spettano solo astratte soddisfazioni morali, perché un Cancro definitivamente conquistato è capace d’illuminare l’intimità notturna con una sensualità dolce, suggestiva e mutevole. Pigra e allo stesso tempo attiva. Perché, anche se è governato dalla languida Luna, il Cancro è pur sempre un segno cardinale. Quindi vigoroso e creativo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.