Affinità di coppia del segno della Vergine con gli altri segni – Scorpione

Vergine-Scorpione

Passione con finale incerto

Così tranquilla in apparenza, l’alunna di Mercurio conosce l’arte di farsi desiderare. Fino a coinvolgere il pericoloso plutoniano in un turbine teso e violento di sensazioni contrastanti. Può finir male o durare tutta la vita.

A prima vista, la donna della Vergine può sembrare una con cui tutto è destinato a filare fin troppo liscio, fino a sfiorare la monotonia. Infatti si presenta di solito come una persona ordinaria, linda e controllata che, pur elegante e al passo con i dettami della moda, sembra evitare le posizioni di primo piano: nel gioco delle parti che regola i rapporti sociali, si dimostra in apparenza poco interessata al ruolo di protagonista. Ma poi fra così bene la comparsa che, chissà come, riesce a farsi notare tanto da uscire di colpo dall’anonimato. Però a vederla, non sono certo i tipi qualunque. Anzi, sono personaggi simili a quei critici particolarmente sottili, cui basta una sola battuta per scoprire nell’attore un talento emozionale e interpretativo degno della massima attenzione.

Ecco, se succede che fra tanta gente uno Scorpione incontri una Vergine impegnata a mimetizzarsi nel branco, lui la scopre, l’analizza, la controlla mentre tutti, intorno, si affannano ad applaudire le protagoniste Ariete, Gemelli, Leone (e compagnia), intente a rincorrersi e a contendersi la passerella…

Così la Vergine può dire addio alla propria pace. Anche se, in apparenza, nulla muta e lei continua a starsene tranquilla e appartata nel suo cantuccio.

Ma, piantati addosso quei tizzoni ardenti che sono gli occhi scorpionici, l’istintività terrestre (che lei cerca di domare e reprimere) si libera con violenza degli stretti lacci dell’ordinato controllo abituale e si scatena con gli effetti travolgenti della forza repressa che ha rotto gli argini.

Insomma, fra la Vergine e lo Scorpione si rinnova la vecchia storia di Plutone e Persefone: la fanciulla ignara viene rapita dal dio delle tenebre che vuol farne la dea degli Inferi. Così, fra loro, si stabilisce un rapporto intimo, profondo e segreto, tormentato da una sorta di fatalità che sembra vietare definitivi abbandoni agli imperativi dell’eros. Perché, se è vero che lo Scorpione inizia la Vergine a questo oscuro mondo per farne la sua regina, è altrettanto vero che lei vive quest’avventura con tormentosi sensi di colpa. Proprio come Persefone che, rapita da Plutone, divenne eterno soggetto di contesa fra lui e la madre Demetra. Col risultato che fu costretta a dividere la propria esistenza fra loro.

Più o meno, è proprio quello che succede alla Vergine innamorata dello Scorpione e incapace di superare il conflitto intimo fra la forza imperiosa degli istinti scatenati dalla forza scorpionica e la paura, mista a rimorso, che vorrebbe farle prendere le distanze dalle diaboliche tentazioni…

Ma l’alternanza delle reazioni virginee rende più intensi il desiderio e l’istinto di potere del plutoniano. E così, quando più lei cerca di sottrarsi, tanto più lui la incalza. Quindi, a suo modo, la ama. Se, nel travagliato oscillare di questo amore il senso dell’ordine virginiano riesce a controllare le trappole delle seduzioni sadomasochiste, sono salvi entrambi.

Perché, se lei non perde la testa del tutto, pian piano affina l’astuzia mercuriana e non rischia di cadere in balia del potere distruttivo dello Scorpione. Anzi a poco a poco riesce a calibrare il ritmo delle proprie altalenanti emozioni. Impara cioè a sottrarsi a lui con una consapevolezza sempre maggiore, sempre più esperta nell’arte di farsi desiderare per poi cedere al completo abbandono.

Intanto, lui sente sempre meno il perverso bisogno di punirla in anticipo, un bisogno che prima nasceva dall’ansia segreta di doversi esporre a un rifiuto.

Allora lei assicura alla vita in comune le confortanti scansioni dell’ordine, mentre il profondo accordo sessuale diventa assoluto protagonista di un’unione praticamente indissolubile. Senza contare che quando sopravvengono quegli imprevisti che gettano nel panico la Vergine, mettendo a repentaglio i suoi ordinati programmi esistenziali, lo Scorpione interviene deciso ad afferrare le redini della situazione.

Infatti è questa la sua estrema e straordinaria risorsa, il plutoniano sa recuperare e fare superbo sfoggio della forza rigeneratrice del suo segno proprio quando la vita sembra volerlo distruggere, coinvolgendolo in lotte impari.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.