Napoli – Antichi Mestieri

Il Maestro di Bottega ed il guappo in abito da festa. – 4

Allo stesso genere, avvegnachè per avventura in ispecie inferiore, appartiene il guappo, comunemente nell’ordine de’ suggechi, chè così chiamano in dialetto i venditori di grascia, in ispezialtà di vini, di salumi ecc,

Nel rimanente dell’acconciatura affatto conforme a quella d’un maestro, sostituite alla chasse una giacca sbottonata ed al cappello una coppola di panno col gallone d’oro, fate che quei calzoni finiscano in due enormi trombe sulle scarpe, aggiugnete a ciò i capelli, com’essi dicono, a mazzo de pestello ed eccovi il personaggio bello e delineato. Costui ha una mimica tutta propria; i suoi gesti denotano sempre qualche grandiosa operazione, o almeno vi accennano, laonde non sarà discaro al lettore aver qui notato alcuni modi caratteristici e frasi con la versione italiana, perocchè noi crediamo molto valere il gergo, e spesso più di un’intera descrizione a rilevar l’individuo, come i più accreditati narratori e romanzieri ne han fatto uso felicemente.

Allorché il guappo minaccia di bastonare alcuno, apre entrambe le palme ed agitandole stranamente e quasi ponendole di conserva sul volto dell’avversario in un moto espressivo gli grida: Mo t’apparo a faccia.

Quando saluta un collega si esprime con enfasi. A razia, ovvero, A bbellezza.

A tale che gli paresse non aggiustar piena fede a quel che dice, e’ risponde: Ebbè, o bbulimmo lassà ì.

Quando vuol mostrarsi ossequioso si esprime: Mo nce vo; sapimmo l’abbrigazione nòsta né maraviglierà alcuno del modo imperioso plurale, trattandosi di guappo. Continua domani.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.