Affinità di coppia del segno della Vergine con gli altri segni – Acquario

Vergine-Acquario

Le trappole di un rapporto di testa

La passione può nascere anche da un fertile incontro-scontro di intelligenze. Ma il legame tra una rigorosa mercuriana e un creativo, anarchico acquariano entra in crisi quando lui turba l’ordinato stile di vita che lei predilige.

Oddio in amore può succedere di tutto. Pure che una Vergine e un Acquario si prendano una fenomenale cotta l’una per l’altro. Ma, se succede, è possibile che abbiano scambiato lucciole per lanterne, cioè che abbiano confuso per passione amorosa una semplice passione intellettuale. Infatti le meningi di questi due esercitano davvero un fascino, tanto sono analitiche, rigorose, lucide quelle di lei e geniali, creative, folgoranti quelle di lui. Allora è naturale che abbiano parecchie cose da dirsi, fino a rimanere invischiati in una fitta trama di incontri-scontri, verbali in cui è lei quella che, in apparenza, cede all’ostinata determinazione acquariana.

Ma si tratta, appunto, di un’apparenza perché lei torna all’attacco e, con sopraffino lavorio di cesello intellettual-dialettico, riesce alla fine ad ottenere l’ultima parola. Subito dopo, però, lui trova nuovi argomenti con cui provocarla, coinvolgendola in un legame intellettuale tanto stretto da sembrare qualcosa di molto più intimo.

Ma i diretti interessati non si accorgono del clamoroso granchio e, magari, si mettono in testa di poter fare sul serio anche sul piano amoroso.

Per cacciare i dubbi, proclamano che una buona complicazione razionale è la migliore garanzia di accordi duraturi. Peccato però che istinti, emozioni e sentimenti non siano energie tanto docili da sottostare al dominio della ragione. E, una volta sfuggiti, possono procurare seri guai.

Certo, a priori non è facile immaginare il potere devastante della razionalità eretta a suprema arbitra d’un rapporto amoroso. Perché c’è un bel essere ragionevoli, ma che fatica insieme giorno per giorno quando c’è una lei incapace d’andare a nanna se prima non ha tirato a lucido la cucina, mentre lui è invece uno che adora il caos di una casa piena di amici. I quali a conclusione della serata, optano unanimi per una spaghettata, invadendo come un orribile tornado la linda cucina della Vergine che, magari, sta dormendo ignara. Ma che, all’indomani, sarà aggredita da un feroce mal di testa alla vista delle spoglie lasciate sul campo dalle gozzoviglie acquariane. Se poi è costretta a uscire per andare a lavorare e, per mancanza di tempo, deve lasciare tutto come si trova, la tensione nervosa diventa insostenibile. Ma non potrà scaricarla sul reo. Che, fedele all’indipendentismo uraniano, quando fiuta aria di tempesta si concede generosissime libere uscite e getta così la Vergine in un baratro di rabbia, timori e sospetti. Comunque, quando lui torna, lei rinuncia a fargli la scenata che le verrebbe spontanea, perché teme di provocare irrefrenabili istanze di libertà definitive, che la metterebbero di fronte a una solitudine cui si sente del tutto impreparata. Ecco perché lei si convince che è meglio far finta di niente e sopportare le impennate acquariane.

Il guaio è che, quando rientra nei ranghi, lui pretende di celebrare l’evento con intimi festeggiamenti e s’aspetta che lui partecipi col debito trasporto. Ma la Vergine avrebbe bisogno di tanta calma e tanta tenerezza, per riuscire ad allentare la tensione nervosa e recuperare la propria disponibilità.

Invece no, lui è tanto disinibito e diretto da risultare offensivo per la pudica sensibilità della partner. Che, ancora una volta, rinuncia a chiarire i problemi. Annoverata anche l’intimità fra i doveri cui far fronte, partecipa con una diligente indifferenza che non lascia dubbi sulla triste metamorfosi subita dagli antichi ardori amorosi. Però non lo fa apposta. Anzi, ci soffre anche lei. Ma non può farci niente se, quando perde la fiducia e l’entusiasmo, la fantasia le si atrofizza senza rimedio, procurandole insuccessi e sterili tormenti.

Le succede anche quando c’è una ricorrenza e deve fargli un regalo. Si arrovella e poi finisce regolarmente col consegnargli un pacchettino delizioso in cui sono custodite le sorprese meno elettrizzanti che si possano immaginare. Allora lui reagisce con l’ironia e lei s’offende perché lui non ha certo la mano leggera.

Chi ha ragione? Tutti e due o nessuno dei due, fa lo stesso. Perché, nel frattempo, lui ha preso l’abitudine di allontanarsi sempre più spesso e lei lo aspetta con sempre minore convinzione, fino alla separazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.