L’angolo della Poesia

‘O miraculo ‘e San Gennaro

‘O juorno ‘e San Gennaro, ‘o Viscuvato

se regne ‘e gente, e tanto è ‘o serra-serra,

ca nun se po’ sta manco addenucchiato,

e si cade na spilla, nun va nterra.

E’ cosa ‘e pazze, chello che succede,

chello che te cumbina chesta folla!

Iastemma dint’  ‘a chiesa! – ma cu fede –

pe’ fa’ cchiu ampressa sciogliere l’ampolla.

E mentre ncopp’altare, addenucchiato,

prega nnanz’  ‘e vaschette, ‘o Cardinale,

‘o sango, ch’era sicco e mpusumato,

se scioglie e piglia ‘a forma naturale.

Ncopp’a stu fatto, ca nun ce sta eguale,

‘a gente fa nu sacco e prufezie,

eppure fore ‘a chiesia quantu mmale!

Quanta malvagità pe’ mmiez’  ‘e vie!

Tu, San Gennà, si ovèro nce vuò bene,                  

facce campà nu poco cchiù ‘a crestiane,

‘a mano ‘e chi vo’ accidere mantiene,

nun ce fa’ maie mancà nu muorzo ‘e pane.

E si nun sciuoglie ‘o sango, nun fa niente,

basta ca sciuoglie cu na mossa sola,

‘o gelo ‘e dint’  ‘o core ‘e tanta gente,

 ca nun tene a nisciuno ch’  ‘a cunzola.

A.Arrichiello

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.