L’angolo della Poesia

‘A cura – 2

Quanno facette na penzata ‘e bella:

invece ‘e mme spedì sta mmedicina,

io m’accattaie nu chilo ‘e muzzarella,

sei felle ‘arrusto e nu peretto ‘e vino.

Po’ me ne jette a’ casa e (nce credite?)

Penzai sulo a magnà, tutt’  ‘a semmàna,

e quanno me sentètte ormai guarito

turnai add’  ‘o “San Ciro Toccasana”.

L’amico fuie cuntento e me vedè,

fece na festa appena ca trasette,

sicuro ‘avè salvato pure a me,

quase paternamente me dicette:

  • Amico caro, che soddisfazione

‘e te vedè cchiù meglio, stamattina!

Si vede ca te stai curanno buono

e ca t’ha fatto bene ‘a mmedicina. –

Io – Terra agliùtteme! – penzai fra me,

si appùra ‘a verità, vide che scuorno!

Nguente … serenghe … L’avesse ‘a sapè

‘a cura ch’aggio fatto chisti journe! –

Po’ lle dicette: – E mo ch’ato aggio ‘a fa?

Isso me rispunnette: Stai guarenno?

Embè, che ato ancora t’aggio ‘a dà?

Cuntinua ‘a cura ca già stai facenno!

S. Tolino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.