Monumenti di Napoli

La Napoli angioina – 2

La discesa di Carlo I – 2

L’aristocrazia napoletana, ostile al clima centralistico e burocratico instaurato dagli Svevi, si schierò fin dai primi momenti, a eccezione dei Capece, a fianco della nuova dinastia francese. D’altra parte essa conservava vivo il ricordo dell’assedio condotto contro la città da Corrado IV, che era costato non solo la distruzione delle mura, delle fortezze e di molte residenze nobiliari, ma anche l’esilio forzato degli oppositori, tra cui le casate dei Caputo, dei Griffo, dei Macedoni, degli Spinelli, dei Maramaldo, dei Filangieri.

Gli amalfitani residenti a Napoli e le famiglie nobili residenti sulla costiera si impegnarono con ingenti somme di denaro nel sostegno dell’Angioino: in particolare si distinsero i Frezza, i Del Giudice, gli Spina, i Muscettola. E’ stato fatto notare che questo sforzo finanziario dell’aristocrazia amalfitana e scalese ridusse le riserve del tessuto economico cittadino: tale indebolimento, insieme ai progressi delle altre potenze mercantili dopo la separazione della Sicilia dal regno, è stato individuato come una delle cause del declino finanziario della comunità costiera nel secolo successivo.

Durante gli anni della conquista numerosi furono gli appartenenti al patriziato cittadino che prestarono la loro opera nell’esercito francese: l’odio nei confronti della Casa di Svevia alimentò l’ardore di Tommaso Ferillo, Andrea e Pietro di Costanzo, dei Capuano, dei Caputo, tutti schierati al fianco del sovrano transalpino. Continua domani.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.