Categoria: storia

Avvenimenti storici

La nascita della Fiat

Nel 1899 la motorizzazione in Italia è allo stato embrionale: numerosi sperimentatori, ma praticamente nessuna industria degna di questo nome (negli Stati Uniti, a titolo di raffronto, la produzione di autoveicoli sarà un anno dopo di 4.200 unità). Mentre in Francia, Gran Bretagna, Germania la “carrozza senza cavalli” ha già una certa diffusione, da noi circolano soltanto centoundici autovetture.

L’unità del Regno è stata proclamata soltanto nel 1861, l’economia è basata anzitutto sull’agricoltura; le attività imprenditoriali, anche quando possono essere classificate come vere e proprie industrie, non hanno le strutture né la rilevanza economica di quelle britanniche, tedesche, francesi. Tuttavia, soprattutto nell’Italia settentrionale, l’esigenza di riguadagnare il terreno perduto è profonda.

E’ in questo clima che a Torino un gruppo di appassionati, nel quale spiccano nomi gentilizi e sono scarsi quelli di tecnici e di uomini con doti manageriali, decide di dar vita a una fabbrica di automobili, la cui filosofia sia quella di fare una serie di macchine e cercare di venderle anziché, come generalmente è sinora avvenuto, sperimentare nuovi ritrovati e allestire prototipi non destinati al mercato.

L’atto costitutivo per la fondazione della nuova industria torinese viene stipulato il mattino del 1° luglio 1899 in via Lagrange, nel palazzo del conte Emanuele Cacherano di Bricherasio: i testimoni oculari raccontano che è lo stesso conte a ricevere i futuri soci, indossando una lunga veste da camera nera con i risvolti bianchi. L’atto notarile ufficiale è rogato l’11 luglio, presso la sede del Banco Sconto e Sete in via Alfieri.

I nove soci fondatori compongono il primo consiglio di amministrazione della società, che risulta così formato: presidente cavalier Ludovico Scarfiotti, vice presidente conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, segretario del consiglio cavalier Giovanni Agnelli, consiglieri: conte Roberto Biscaretti di Ruffia, cavalier Michele Ceriana Mayneri, Luigi Damevino, marchese Alfonso Ferrero di Ventimiglia, avvocato Cesare Goria Gatti, avvocato Carlo Racca. Ad essi, per completare lo staff dirigenziale, si aggiungono il direttore amministrativo e commerciale Enrico Marchesi e quello tecnico Aristide Faccioli, entrambi ingegneri.

La prima denominazione sociale è Società Italiana per la costruzione e il commercio delle automobili – Torino, mutata poco dopo in Fabbrica Italiana Automobili Torino. Da qui la scritta FIAT, dapprima scritta con altrettanti puntini dopo ogni lettera, in seguito senza di essi e senza più alcun riferimento alla denominazione originaria. Continua.

Un anno di storia in pillole

Accadde nel 1899

Gennaio

Il 1 gennaio gli Stati Uniti prendono ufficialmente possesso dell’isola di Cuba.

Il 15 gennaio manifestazione irredentistica a Trieste.

Il 16 gennaio in Etiopia viene conclusa la pace tra ras Mangascià e ras Maconnen.

Il libro di Edmondo De Amicis – La carrozza di tutti – ottiene un grande successo. In tre settimane circa ne vengono esaurite sette edizioni.

Le linotypes vengono impiegate per la prima volta in Italia per la composizione tipografica.

Febbraio

Il 1 febbraio cessa il mandato politico dei deputati socialisti Luigi De Andreis e Filippo Turati, condannati per i moti del pane del maggio 1898.

Il 4 febbraio presentazione alla Camera dei Deputati da parte del governo dei provvedimenti liberticidi.

Il 7 febbraio inaugurazione della ferrovia elettrica Milano-Monza.

Il 17 febbraio muore Felix Faure, Presidente della Repubblica Francese; gli succede Emile Loubet.

Marzo

Il 3 marzo Guglielmo Marconi dimostra all’Associazione degli elettricisti a Londra che è possibile proiettare un fascio di onde elettromagnetiche.

Il 4 marzo viene approvata alla Camera la legge che punisce lo sciopero degli addetti ai pubblici servizi e limita la libertà di riunione, di associazione e di stampa.

Il 12 marzo crisi di governo in seguito alla questione riguardante l’occupazione della baia di Sanmun, in Cina.

Il 26 marzo vengono rieletti nelle elezioni suppletive gli ex deputati De Andreis e Turati.

Il saggio di Lev Tolstoj – Che cosa è l’arte? – è al centro di vivaci polemiche fra artisti e letterati italiani.

Aprile

L’11 aprile il Re Umberto I insieme con la Regina Margherita comincia una lunga visita in sardegna.

Il 16 aprile viene celebrato solennemente il 21° anniversario dell’ascesa al soglio pontificio di Papa Leone XIII.

Maggio

Il 14 maggio avvenne la costituzione del secondo ministero Pelloux (che resterà in carica fino al 24 giugno del 1900) nettamente di destra.

Il 16 maggio viene inaugurata a Como l’Esposizione voltiana.

Il 18 maggio si apre la prima conferenza internazionale della pace all’Aia.

Il 25 maggio alla Camera i deputati della Sinistra applicano per la prima volta l’ostruzionismo.

Eccezionale successo a Milano e a Roma dell’opera teatrale – La Gioconda – di Gabriele D’Annunzio, interpretata da Eleonora Duse e Ermete Zacconi.

Giugno

Il 3 giugno viene annullata dalla corte suprema francese la sentenza contro Alfred Dreyfus e chiesto un nuovo processo.

A Vienna muore il musicista Johann Strauss jr.

Il 12 giugno Da Cristiania (Oslo) parte sulla nave Stella Polare la spedizione al Polo Nord di Luigi di Savoia, duca degli Abruzzi.

Il 30 giugno si svolge alla Camera una seduta molto tumultuosa: violente colluttazioni fra i deputati dei vari schieramenti politici.

Luglio

L’8 luglio un incendio distrugge quasi completamente l’Esposizione voltiana a Como.

L’11 luglio viene fondata a Torino la FIAT (Fabbrica Italiana Automobili Torino).

Agosto

il 14 agosto il Governo Italiano rinuncia all’occupazione della baia di San-mun, in Cina.

Il 20 agosto inaugurazione a Como del primo congresso nazionale dell’educazione femminile.

Settembre

Il 3 settembre muore a Londra, poverissimo, l’irlandese Albert Grant, costruttore della Galleria Vittorio Emanuele di Milano.

Il 9 settembre il secondo processo Dreyfus si conclude con la riduzione della pena a 10 anni di detenzione semplice.

Il 19 settembre il Presidente francese Emile Loubet concede la grazia a Dreyfus.

Ottobre

Il 12 ottobre scoppia la guerra anglo-boera.

Il 14 ottobre viene firmato il trattato di Windsor, in funzione anti boera, fra Gran Bretagna e Portogallo.

Novembre

Il 7 novembre viene inaugurato a Porto Said un monumento a Ferdinand de Lesseps.

Dicembre

Il 2 dicembre i rappresentanti italiani ed elvetici firmano a Berna il trattato per il congiungimento delle ferrovie italiane e svizzere attraverso la galleria del Sempione, i cui lavori di scavo sono cominciati già da un anno.

Dal 9 al 15 dicembre in Sudafrica le truppe britanniche subiscono una serie di dure sconfitte a Stormberg, a Magersfontein e a Colenso.

Il 24 dicembre con la cerimonia d’apertura della Porta Santa nella basilica di San Pietro a Roma ha inizio il Ventunesimo Anno Santo celebrato dalla Chiesa cattolica.

Il 31 dicembre finisce l’anno con la concessione in Italia di una grande amnistia per tutti i reati politici. Riescono quindi a tornare in libertà tutti quelli che erano stati condannati per i moti del maggio 1898.