Tag: antonio de curtis

L’angolo della Poesia

‘A mundana – 3

Nun appena fuie ‘ncoppa ‘a Sezione,

se mettette alluccà comme a ‘na pazza.

‘E strille se sentevano a ‘o puntone.

“Ch’è stato, neh? Ched’è chisto schiamazzo?

Avanti, fate entrà sta… Capinera” –

dicette ‘o Cummissario a ‘nu piantone.

E ‘o milite, cu grazia e cu maniera,

‘a votta dinto cu ‘nu sbuttulone.

“Ah! Si’ tu?” – dicette ‘o funzionario –

“Si nun mme sbaglio, tu si’ recidiva?

Si’ cunusciuta ccà a Muntecalvario.

Addò t’hanno acchiappata, neh, addò stive?”

“All’angolo d’  ‘o vico ‘a Speranzella.

Steva parlanno  cu ‘nu marenaro,

quanno veco ‘e passà ‘na carruzzella

Cu’ dinto don Ciccillo ‘o farenaro.

Don Ciccio fa ‘nu segno: “Fuitenne!

Curre ca sta passando ‘o pattuglione”.

‘I dico a ‘o marenaro: “Iatevenne.

Stu brigadiere ‘o saccio… è ‘nu ‘nfamone”.”

“A legge è legge” – dice ‘o cavaliere -;

“nun aggio che te fa’, ragazza mia.

I’ te cunziglio: lassa stu mestiere,

e lievete pe’ sempe ‘a miezo ‘a via.”

“E che mme metto a ffa’, signore bello,

‘a sarta, ‘a lavannara, ‘a panettera?

Spisso mm’  ‘o sento chistu riturnello.

“E truòvete ‘nu posto ‘e cammarera!”

“Signò, dicite overo ‘o pure apposta?

Vulite pazzià? E nun è umano.

V’  ‘a mettìseve dinto ‘a casa vosta

chi… pe’ disgrazia ha avuta fa’  ‘a puttana?!”

Antonio De Curtis in arte Totò

Versione

La mondana (la puttana)

Non appena fu nel Commissariato,

si mise a strillare come una pazza.

Gli strilli si sentivano fino in cima.

“Cosa è stato, neh? Cos’è questo schiamazzo?

Avanti, fate entrare questa… Capinera” –

disse il Commissario ad un piantone.

E il militare con grazia e con maniere,

la spinge dentro con uno spintone.

“Ah! Sei tu?” – disse il funzionario –

“Se non mi sbaglio, tu sei recidiva?

Sei conosciuta qui a Montecalvario. (quartiere napoletano)

Dove ti hanno presa, neh, dove stavi?”

“All’angolo del vico Speranzella.

Stavo parlando con un marinaio,

quando vedo passare una carrozzella

Con dentro don Francesco il venditore di farina.

Don Francesco mi fa un segno: “Scappatene!

Corri che sta passando la volante.

Io dico al marinaio: Andatevene.

Questo brigadiere lo conosco… è un grande infame.”

“La legge è legge” – dice il commissario -:

“non ho che farti, ragazza mia.

Io ti consiglio: lascia questo mestiere,

e togliti per sempre da mezzo alla strada.”

“E che mi metto a fare, signore bello,

la sarta, la lavandaia, la panettiera?

Spesso me lo sento questo ritornello.

“E trovati un posto da cameriera!”

“Signore, dite sul serio o fate finta?

Volete giocare? E non è umano.

Vi mettereste dentro casa vostra

Chi… per disgrazia ha dovuto fare la puttana?!”

L’angolo della Poesia

‘A mundana – 2

Quase ogne ghiuorno, ‘a povera figliola

apprufittava ca ‘na carruzzella

a Nnapule scenneva d’Afragola

pe’  ‘nu passaggio fino ‘a Ruanella.

‘O nomme? Nun ‘o saccio.

Saccio sulo ca ‘e ccumpagne

‘a chiammaveno “’A pezzente”.

Pe’ sparagnà, ‘a sera, dduie fasule,

e, spisse vote, nun magnava niente!

Cu’ chelle ppoche lire ch’abbuscava

aveva mantene’ tutt’  ‘a famiglia;

e quanno ‘e vvote po’ … nun aizava,

steva diuno ‘o pate, ‘a mamma e ‘o figlio.

‘O pate, viecchio, ciunco … ‘into a ‘nu lietto

senza lenzòle, cu’  ‘na cupertella.

E ‘a mamma ca campava pe’ dispietto

d’  ‘a morte e d’  ‘a miseria. Puverella!

A piede ‘o lietto, dinto a nu spurtone,

‘na criatura janca e malaticcia,

pe’ pazziella ‘nmano ‘nu scarpone

e ‘na tozzola ‘e pane sereticcio.

Antonio De Curtis in arte Totò – Continua domani

Versione

La mondana (la puttana)

Quasi ogni giorno, la povera ragazza

approfittava di una carrozza (all’epoca la tratta era effettuata dai tram trainati dai cavalli)

che a Napoli veniva da Afragola

per un passaggio fino alla Doganella. (la strada che costeggia l’aeroporto di Capodichino)

Il nome? Non lo conosco.

So solo che le compagne

la chiamavano “La pezzente”.

Per risparmiare, la sera, due fagioli,

e molte volte, non mangiava niente!

Con quelle poche lire che guadagnava

doveva mantenere tutta la famiglia;

e quando poi le volte … non guadagnava niente,

stava a digiuno il padre, la madre e il figlio.

Il padre, vecchio, paralitico … dentro a un letto

senza lenzuola, con una copertina.

E la mamma che viveva solo per dispetto

della morte e della miseria. Poverina!

Ai piedi del letto, dentro a una grossa cesta,

una creatura bianca e malaticcia,

per giocattolo in mano aveva una pantofola

e un tozzo di pane raffermo.

L’angolo della Poesia

‘A mundana

“Cammina, su, non fare resistenza!”

Diceva ‘o brigadiere, e ‘a strascenava.

“Sta storia, adda fernì, è un’indecenza!”

“Chi sa c’ha fatto” – ‘a ggente se spiava.

“C’ha fatto?” – rispunnette ‘nu signore.

“E’ ‘na povera ddia… è ‘na mundana.”

“E ‘a porteno accussì? Gesù, che core!” –

murmuliaie Nannina “’a parulana”.

“Lassateme… nun aggio fatto niente!”

“E lass’  ‘a jì” – dicette ‘nu cucchiere –

“ma vuje ‘e vvedite quanto so’ fetiente?”

“Nce vo’  ‘nu core a ffa’ chillu mestiere.”

“Sta purtanno ‘o brigante Musolino” –

se mettette alluccà Peppe “’o Fravaglia”;

“Si ‘o ssape ll’’onorevole Merlini

‘o fa ‘a proposta p’  ‘o fa’ ave’  ‘a medaglia”.

Antonio De Curtis in arte Totò – Continua domani

Versione

La mondana (la puttana)

“Cammina, su, non fare resistenza!”

Diceva il brigadiere, e la trascinava.

“Questa storia deve finire, è un’indecenza!”

“Chissà che cosa ha fatto” – la gente si chiedeva.

“Che ha fatto?” – rispose un signore.

“E’ una povera diavola… è una puttana.”

“E la portano in questo modo? Gesù, che cuore!”

mormorò Nannina (diminutivo di Anna) “la fruttivendola”.

“Lasciatemi… non ho fatto niente!”

“E lasciala stare” – disse un cocchiere (conducente di carrozze)

“ma voi li vedete quanto sono fetenti? (cattivi)

“Ci vuole un cuore (coraggio) per riuscire a fare quel mestiere.”

“Sta portando il brigante Musolino” – (brigante storico noto per la sua ferocia)

si mise a strillare Peppe (Giuseppe) “il pescivendolo”

“Se lo viene a sapere l’onorevole Merlin (la firmataria della legge per l’abolizione delle case chiuse)

Lo propone per una medaglia”. (ironia napoletana nei confronti del brigadiere)

L’angolo della Poesia

Riconoscenza – Versione

Questa notte da dentro al letto con un urlo

ho messo sottosopra tutta la casa,

mi son messo a saltare come un grillo …

e ancora non ne sono convinto.

Ma come, dico io poi, con tanti sogni,

io sono andato a fare quello peggiore;

questi sogni sono sogni che ti possono

in un niente far morire di paura.

Io stavo in piedi sopra una montagna.

All’improvviso sento un lamento.

Il posto dove stavo io era solitario …

Dissi nella mia mente: questo è il rumore del vento!

Prendo e mi butto per un canalone

E vedo sotto un salice piangente

un fosso pieno pieno di pietre …

e sotto quel tumulo di pietre c’era un serpente.

  • Aiuto! Aiuto! – il povero animale

si mise a strillare con tutto il suo fiato!

Appena mi vide – Meno male!…

Salvatemi! Io adesso muoio perché non riesco a respirare! –

  • E chi ti ha conciato in questo modo? –

Gli domandai mentre lo liberavo.

  • E’ stato un signore ieri sera –

mi rispose, e già si riprendeva.

  • Se non era per voi, io qua morivo,

fatevi abbracciare, mio salvatore! –

Mi si attorciglia attorno e si stringeva

che un altro poco e mi avrebbe schiacciato il cuore.

Lasciami! – gli dissi – lo vedi che muoio? –

E pian piano mi mancavano le forze,

il cuore mi sbatteva forte …. gli occhi fuori dalle orbite,

mentre il serpente stringeva di più la morsa!

  • Questo è il ringraziamento che mi fai?

Questa è la riconoscenza che tu porti?

A chi ti ha fatto del bene tu fai questo?

… Che sei contento solo quando mi vedi morto!

Amico mio, io sono nato serpente!

… Chi nasce serpente è infame e senza cuore! …

… Perciò ti devo mangiare! Ma ti sei dimenticato

… che l’uomo, spesso, fa ancora peggio?

Antonio de Curtis in arte Totò

L’angolo della Poesia

‘A vita

‘A vita è bella, sì, è stato un dono,

un dono che ti ha fatto la natura.

Ma quanno po’ sta vita è ‘na sciagura,

vuie mm’ ‘o chiammate dono chisto ccà?

E nun parlo pe’ me ca, stuorto o muorto,

riesco a mm’abbuscà ‘na mille lire.

Tengo ‘a salute, e, non faccio per dire,

sòngo uno ‘e chille ca se fire ‘e fa’.

Ma quante n’aggio visto ‘e disgraziate:

cecate, cìunche, scieme, sordomute.

Gente ca nun ha visto e maie avuto

‘nu poco ‘e bbene ‘a chesta umanità.

Guerre, miseria, famma, malatìe,

crèstiane addeventate pelle e ossa,

e tanta gioventù c’ ‘o culo ‘a fossa.

Chisto nun è ‘nu dono, è ‘nfamità.

Antonio De Curtis in arte Totò

Versione

La vita

La vita è bella, si, è stato un dono,

un dono che ti ha fatto la natura.

Ma quando poi è una sciagura,

voi questo me l’ho chiamate dono?

E non parlo per me che bene o male,

riesco a guadagnare qualche mille lire.

Ho la buona salute e non posso fare altro che dire,

sono uno di quelli ché è capace di fare.

Ma quanti ne ho visto di disgraziati:

ciechi, storpi, scemi, sordomuti.

Persone che non hanno mai visto e mai hanno avuto

Un poco di bene da questa umanità.

Guerre, miseria, fame e malattie,

persone divenute pelle e ossa,

e tanti giovani morti e sotterrati.

Questo non è un dono è una infamità.