Tag: antonio de curtis

L’angolo della Poesia

Riconoscenza – Versione

Questa notte da dentro al letto con un urlo

ho messo sottosopra tutta la casa,

mi son messo a saltare come un grillo …

e ancora non ne sono convinto.

Ma come, dico io poi, con tanti sogni,

io sono andato a fare quello peggiore;

questi sogni sono sogni che ti possono

in un niente far morire di paura.

Io stavo in piedi sopra una montagna.

All’improvviso sento un lamento.

Il posto dove stavo io era solitario …

Dissi nella mia mente: questo è il rumore del vento!

Prendo e mi butto per un canalone

E vedo sotto un salice piangente

un fosso pieno pieno di pietre …

e sotto quel tumulo di pietre c’era un serpente.

  • Aiuto! Aiuto! – il povero animale

si mise a strillare con tutto il suo fiato!

Appena mi vide – Meno male!…

Salvatemi! Io adesso muoio perché non riesco a respirare! –

  • E chi ti ha conciato in questo modo? –

Gli domandai mentre lo liberavo.

  • E’ stato un signore ieri sera –

mi rispose, e già si riprendeva.

  • Se non era per voi, io qua morivo,

fatevi abbracciare, mio salvatore! –

Mi si attorciglia attorno e si stringeva

che un altro poco e mi avrebbe schiacciato il cuore.

Lasciami! – gli dissi – lo vedi che muoio? –

E pian piano mi mancavano le forze,

il cuore mi sbatteva forte …. gli occhi fuori dalle orbite,

mentre il serpente stringeva di più la morsa!

  • Questo è il ringraziamento che mi fai?

Questa è la riconoscenza che tu porti?

A chi ti ha fatto del bene tu fai questo?

… Che sei contento solo quando mi vedi morto!

Amico mio, io sono nato serpente!

… Chi nasce serpente è infame e senza cuore! …

… Perciò ti devo mangiare! Ma ti sei dimenticato

… che l’uomo, spesso, fa ancora peggio?

Antonio de Curtis in arte Totò

Annunci

L’angolo della Poesia

‘A vita

‘A vita è bella, sì, è stato un dono,

un dono che ti ha fatto la natura.

Ma quanno po’ sta vita è ‘na sciagura,

vuie mm’ ‘o chiammate dono chisto ccà?

E nun parlo pe’ me ca, stuorto o muorto,

riesco a mm’abbuscà ‘na mille lire.

Tengo ‘a salute, e, non faccio per dire,

sòngo uno ‘e chille ca se fire ‘e fa’.

Ma quante n’aggio visto ‘e disgraziate:

cecate, cìunche, scieme, sordomute.

Gente ca nun ha visto e maie avuto

‘nu poco ‘e bbene ‘a chesta umanità.

Guerre, miseria, famma, malatìe,

crèstiane addeventate pelle e ossa,

e tanta gioventù c’ ‘o culo ‘a fossa.

Chisto nun è ‘nu dono, è ‘nfamità.

Antonio De Curtis in arte Totò

Versione

La vita

La vita è bella, si, è stato un dono,

un dono che ti ha fatto la natura.

Ma quando poi è una sciagura,

voi questo me l’ho chiamate dono?

E non parlo per me che bene o male,

riesco a guadagnare qualche mille lire.

Ho la buona salute e non posso fare altro che dire,

sono uno di quelli ché è capace di fare.

Ma quanti ne ho visto di disgraziati:

ciechi, storpi, scemi, sordomuti.

Persone che non hanno mai visto e mai hanno avuto

Un poco di bene da questa umanità.

Guerre, miseria, fame e malattie,

persone divenute pelle e ossa,

e tanti giovani morti e sotterrati.

Questo non è un dono è una infamità.