Tag: cultura

L’angolo della Poesia

Pe’ ghj’ int’ a Banca

Na vota a ghj’ int’a Banca, che paura!

Te putive patè quacche rapina.

Mo, pe’ trasì, se trase a carne annura;

state a sentì chello ca se cumbina.

Hanno miso “n’affare” mpont’  ‘e pporte,

pe’ fa’ trasì ‘e perzone a una a una.

E tanto è ‘o tiempo ca, mannaggia ‘a morte,

trase cu’  ‘o sole e ghiesce sott’  ‘a luna.

Tu nun trase, si puorte fierre appriesso:

‘a currèa, na catena, ‘e sorde ‘e spicce.

E rieste fermo, cu na faccia ‘e fesso

E “l’affare” nun gira e fa ‘e capricce.

Pe’ ghjì int’a Banca pe’ na cosa urgente

T’he a levà ‘e panne a cuollo mmiez’  ‘a gente.

L’ata matina io e l’amico Armando

Trasettemo sultanto cu’  ‘e mutande.

E accussi, p’evità quacche rapina

Trase int’  ‘a Banca peggio ‘e na mappina.

A.de Lucia

Napoli – antichi mestieri

I Marinai – Navigatori, Pescatori, Rematori e Pescivendoli – 1

Quando si volge un guardo alle categorie di popoli che ci hanno preceduti, all’impulso sociale di tante diverse nazioni, alla fratellanza che gli uomini hanno pel commercio stretta fra loro, allora la grande alleanza degli uomini col mare, si mostra all’occhio dell’economista, come un punto di storia luminosissimo e quasi come un movente del globo intorno al suo centro. Per essa le razze selvagge spogliate della scoria nativa, per essa le consuetudini sottomesse al culto, per essa le città rabbellite, le aride spiagge mutate in città, le industrie confortate dal traffico, e la gran catena degli esseri rannodata fra lontane terre e paesi.

E Tiro e Creta e l’Ellesponto vi ricordano imprese guerriere e sempre commerciali, e dai campi della favola e dal mistero delle origini, scendendo accompagnato da questi nomi e da queste rimembranze vi verranno innanzi i navigatori Castore e Polluce e la grande impresa degli Argonauti che pur di tanta favola è tramescolata, e le ricchezze di Tiro che le navi con preziosi legni costruite, propagavano ed accrescevano, e l’ardimento de’ Fenici che corseggiando armata mano facean bottino e vendean vesti, suppellettili adornamenti aurei e gemmati, e tanti altri fatti incancellabili che svelano l’elemento marittimo, come produttivo delle più ricordevoli fasi commerciali.

Quante terre non iscorsero i primi navigatori, e quante mai non furon quelle che sorsero a luce ed ebbero rinomanza per approdi di navi. Continua domani.

Monumenti di Napoli

Al tempo degli Svevi – 4

Federico II, i mercanti e i forestieri – 4

Un discorso a parte merita invece la comunità ebraica, che in età sveva doveva comporsi di un migliaio di individui, per lo più residenti alle falde della collina del Monterone, nel luogo dove era sorto, in epoca ducale, il palazzo del console. I membri della comunità ebbero una certa rilevanza nella tradizionale attività di “prestatori”, ma non va dimenticata neppure una “tintoria giudaica” che Federico II, per ragioni fiscali, volle impiantare nel distretto.

La nascita dell’Università

Tra le attività di Federico II un ruolo preminente ebbe la promozione della cultura. A Palermo, naturale punto di incontro tra molteplici civiltà, (greca, latina, araba, giudaica) l’imperatore aveva creato una corte che divenne, nel corso del XIII secolo, un centro di intensa vita intellettuale, alimentata dalle ricerche di geografi arabi, dalle traduzioni dei grandi astronomi e matematici dell’antichità, dalle prime altissime espressioni di poesia lirica in volgare. L’imperatore stesso si cimentò con la poesia, così come i suoi figli Enzo, Manfredi, Federico d’Antiochia e suo suocero Giovanni di Brienne. Inoltre molti intellettuali, come Pier delle Vigne, Iacopo da Lentini, Iacopo d’Aquino, Folco Ruffo, Odo delle Colonne, furono legati all’imperatore con incarichi nella corte o nell’amministrazione. Continua domani.

L’angolo della Poesia

‘O terminale

‘O funzionario ‘a chiamma “terminale”

Sta machina ca tène ‘a banca ‘e credito:

è peggio ‘e ‘na capèra, bene o male,

te dice ore e minute, a spuse e scapule,

‘a situazione toia patrimoniale.

Stu cuntatore can un conta stroppule,

è meglio d’  ‘a valanza d’  ‘o speziale:

te pesa ‘e llire, senza fa miracule …

Sulo cu me, comm’  ‘o facesse apposta,

si ‘a faccio interrogà se piglia ‘o lusso

‘e scioperà, lle manca semp’  ‘agnosta …

Ma appena ca le fanno ‘o liscebbusso,

c’  ‘a faccia amara, torna a dà ‘a risposta

e pe dispietto segna sempe russo …

A.Ferraro

Napoli – Antichi Mestieri

I venditori di acqua sulfurea – 6

Quando poi una voce stridula e acuta più di un sistro vi sveglia allo spuntar dell’alba e torna a risvegliarsi dal sonno vespertino gridando: Chi vo vevere ch’è fredda! chi vo vevere! fredda, fredda!!! Uh! Comme la tengo annevata, e volete conoscere da qual sonora ferrea gola essa parte, fatevi al balcone, e vedrete questa o altra consimile vecchia tutta coperta di cenci, livida e scarna, piene le mani di orciuoli e bicchieri, abbrustolita dal sole e con un fazzoletto che le cinge la testa, va motteggiando ad infrescare le fiamme de’ giovani cuori delle graziose modiste che stanno in una stanza a pian terreno o sulla via aggruppate intorno alla maestra, come funghi ad un pioppo caduto. Disseta quel crocchio e passa, e senza perder tempo empie il grande bicchiere e lo presenta al taciturno ciabattino che lavora sulla strada: riscuote il convenuto tornese (moneta napolitana che vale mezzo grano) e grida la solita canzone alla soglia del falegname, ma in tuono più basso: Acqua zurfegna fresca comme la neve! e quegli aspramente risponde, senza scomporsi dal suo lavorio: Io me bbevo l’acqua de lo pozzillo che sape de pozzolamma.

  • Mara me! chesta è de lo cannuolo, pe l’arma de patemo. Se non è bona non me la pavate.
  • Va vattenne mmalora de Chiaia, co mmico nce pierde lo tiempo! Essa guarda intorno su i balconi se vi è devota della salutifera acqua sulfurea che la chiami, gitta come una cornacchia avida di cibo l’ultimo grido: Chi vo vevere! abbrevia l’espressioni e parte.

Quanti mestieri fa quella vecchia? Tutti, secondo le stagioni. Con una gran caldaia vende le spighe di granone in maggio; a novembre allesse (castagne lesse), pizze o casatielli; e cangiando molti mestieri guadagna sino un ducato al giorno, ma il gioco del lotto e la cantina la fanno spesso gridare: Sempe fatico e sempe scauza vaco!

Monumenti di Napoli

Al tempo degli Svevi – 3

Federico II, i mercanti e i forestieri – 3

Il settore tessile era veramente sviluppato e per certi aspetti anche all’avanguardia: molto apprezzati erano, per esempio, gli artigiani tintori che, insieme con quelli residenti nella città di Capua, si contendevano la palma dei migliori del regno.

Nelle terre che circondavano la città di Napoli, d’altra parte, vi era una grande abbondanza di frumento, di vino, di carne: circostanza che suscitò l’ammirazione dello stesso imperatore. Questa ingente produzione non solo permise un consumo alimentare più che decoroso per i tempi, ma mise in grado i napoletani di indirizzare una parte dei prodotti verso il commercio al di fuori della città.

Numerose erano, anche in questa epoca, le comunità di forestieri. Lungo la fascia costiera, nei pressi della Porta dei Caputo, i documenti testimoniano la presenza di alcuni individui provenienti da Bisanzio, che avevano preso in affitto dal Monastero del Salvatore alcune botteghe e locali per commerciare.

Nutrite erano anche le colonie di amalfitani, ravellesi e scalesi, anch’essi situati nelle vicinanze della linea costiera: una presenza che ebbe un riflesso anche nella toponomastica dei luoghi (ad esempio “rua Scalensium et Ravellensium”). Anche i pisani si stanziarono in gran numero a Napoli, potendo contare su un fondaco nei pressi dell’attuale rua Catalana. Infine bisogna ricordare i genovesi, ai quali fu concesso un fondaco nei pressi del mercato ittico cittadino (Pietra del Pesce) non lontano dalla via dei Cambi: in quell’occasione, Manfredi, figlio di Federico II, non solo mise a disposizione un ampio terreno per la costruzione del quartiere, ma offrì anche un contributo di 100 once d’oro. Continua domani.

L’angolo della Poesia

‘O miraculo ‘e San Gennaro

‘O juorno ‘e San Gennaro, ‘o Viscuvato

se regne ‘e gente, e tanto è ‘o serra-serra,

ca nun se po’ sta manco addenucchiato,

e si cade na spilla, nun va nterra.

E’ cosa ‘e pazze, chello che succede,

chello che te cumbina chesta folla!

Iastemma dint’  ‘a chiesa! – ma cu fede –

pe’ fa’ cchiu ampressa sciogliere l’ampolla.

E mentre ncopp’altare, addenucchiato,

prega nnanz’  ‘e vaschette, ‘o Cardinale,

‘o sango, ch’era sicco e mpusumato,

se scioglie e piglia ‘a forma naturale.

Ncopp’a stu fatto, ca nun ce sta eguale,

‘a gente fa nu sacco e prufezie,

eppure fore ‘a chiesia quantu mmale!

Quanta malvagità pe’ mmiez’  ‘e vie!

Tu, San Gennà, si ovèro nce vuò bene,                  

facce campà nu poco cchiù ‘a crestiane,

‘a mano ‘e chi vo’ accidere mantiene,

nun ce fa’ maie mancà nu muorzo ‘e pane.

E si nun sciuoglie ‘o sango, nun fa niente,

basta ca sciuoglie cu na mossa sola,

‘o gelo ‘e dint’  ‘o core ‘e tanta gente,

 ca nun tene a nisciuno ch’  ‘a cunzola.

A.Arrichiello