Tag: Eduardo De Filippo

L’angolo della Poesia

E’ asciuto pazzo ‘o patrone!

Gente!

E’ asciuto pazzo ‘o patrone!

Accattàteve sti palazze,

io v’  ‘e ddongo cu tutt’  ‘o Sole,

chin’  ‘e strille, chin’  ‘e parole:

aite voglia  ‘e ve ce spassà!

Ve pigliate na vranca  ‘e strade

cu na folla e nu muvimento

ch’è nu vero divertimento

pe’ chi accatta senza penzà.

E scigliteve quatte viche,

ch’  ‘e puteche e cu tutt’  ‘e vasce

addò  ‘a ggente ce more e ce nnasce

e ce nasce pe’ nce murì.

Ve piacessene ‘e monumente?

Chille vanno pe’ senza niente:

pe’ nu soldo n’avite ciente,

v’  ‘e sciglite senza cuntà!

Eduardo De Filippo – 1946

L’angolo della Poesia

La mia preghiera

Volgo questa preghiera al nostro Dio

se veramente esiste:

“Sul mondo pensa che ci sono anch’io,

su questo mondo triste…

Tu, ‘’generoso’’, quando mi creasti,

per tuo volere augusto,

un destino crudele mi donasti:

quel di vedere giusto.

Vedo l’analfabeta, il buonaniente

stimato e rispettato;

l’idiota fa carriera più repente:

diventa letterato!

Quanti t’hanno pregato con fervore:

‘’Dio mio, fammi morire!’’

Io non ti chiedo questo grande onore,

ma… fammi incretinire”.

Eduardo De Filippo – 1937

L’angolo della Poesia

‘E notte

Tutt’è silenzio dint’à sta nuttata

nun se sente nu passo ‘e cammenà.

Nu ventariello tutta na serata

pare ca me vuleva accarezzà…

E finalmente chiagno! Tu nun vide,

tu staje luntano, comme ‘o puo’ vedè?

Però t’ ‘o ddico pecché tu me cride

E si me cride, chiagne nzieme a me!

Scenne stu chianto lento, doce doce,

nun aizo na mano p’  ‘asciuttà.

Io strillo pe’ te fa’ sentì sta voce,

ma tu nun puo’ sentì… c’allùcco a ffa’?

Tutt’è silenzio… ncielo quanta stelle!

Affaccete, tu pure ‘e ppuo’ vedè:

songo a migliare, e saie pecché so’ belle?

Pecché stanno luntano, comm’  ‘a tte!

Eduardo De Filippo – 1929

E’ notte – versione

Tutto è silenzio in questa notte

non si sente un passo camminare.

Un venticello per tutta la serata

sembrava che volesse accarezzarmi…

E finalmente piango! Tu non vedi,

tu sei lontano, come lo puoi vedere?

Però te lo dico affinché tu mi creda

e se mi credi, piangi insieme a me!

Scende questo pianto lento, dolcemente,

non alzo la mano per asciugarmi.

Io strillo per farti sentire questa voce,

ma tu non puoi sentire… che grido a fare.

tutto è silenzio… nel cielo quante stelle!

Affacciati, anche tu le puoi vedere:

sono a migliaia, e sai perché sono belle?

Perché stanno lontano, come te!