Tag: la cura del cane

L’uomo e il suo cane –

La comunicazione uomo-cane

I cani, che Dio li benedica, operano partendo dalla premessa che gli esseri umani sono fragili e richiedono incessanti assicurazioni e manifestazioni d’affetto. La leccatina casuale sulla mano e il muso peloso appoggiato a mo’ di drappeggio sul collo del piede sono calcolati per far sapere al padrone che un amico è vicino – (Mary McGrory)

Una delle principali ragioni per le quali uomo e cane hanno iniziato migliaia di anni or sono una convivenza basata su alcune caratteristiche comuni è che entrambi vivono da sempre inseriti in una ben determinata gerarchia sociale, nella quale ciascun individuo occupa il gradino che è riuscito a conquistare. Per fare questo, entrambe le specie hanno dovuto, prima del loro incontro, elaborare un metodo di comunicazione con i loro simili che permettesse di far capire le intenzioni e coordinare le attività.

Quando le strade di cane e uomo si sono unite e il loro cammino nella storia è divenuto inscindibile, le prime comunicazioni avevano solo uno scopo utilitaristico, essendo dettate dalla necessità di collaborare nella caccia, di segnalare le cose da fare quando il cane è divenuto pastore, poi compagno di guerra, guardiano e custode e, infine, amico della famiglia.

Nel corso dei millenni il modo di comunicare tra l’uomo e il cane è mutato da pari passo con l’evoluzione del loro rapporto che, inizialmente dettato dalla reciproca utilità, si è sempre più trasformato in una unione soprattutto affettiva. Oggi il cane è divenuto un membro della famiglia nella quale vive pur mantenendo alcuni degli istinti atavici che permettono ancora alla maggior parte dei soggetti che abitano assieme all’uomo di essere guardiani delle proprietà e difensori delle persone a loro care.

Tutto questo ha comportato uno sviluppo della comunicazione tra l’uomo e cane che bisogna conoscere al fine di ottenere la massima soddisfazione reciproca nella convivenza, ricordando che maggiore è il grado di socializzazione, maggiore è la necessità di comunicare, meglio si svilupperanno i segnali che consentono di comunicare.

Prima di iniziare il discorso sulla comunicazione è bene ricordare che il cane ha bisogno fin dalla nascita di ciò che viene chiamato imprinting, ossia del rapporto stretto con la madre e i fratelli per sviluppare e fissare in modo indelebile le relazioni tra simili. Solo così, crescendo, il cucciolo diverrà un individuo equilibrato e sociale.

I mezzi di comunicazione del cane sono molteplici, ma non sempre gli umani sono in grado di captarli e comprenderli. Vediamone alcuni.

La comunicazione visiva

Il cane comunica con i suoi simili, con gli altri animali e con gli uomini per mezzo della mimica facciale e dei movimenti di alcune parti del corpo (orecchie, coda, pelo).

Un gesto abbastanza comune è quello di dare la zampa, che nel cane adulto significa riconoscere nell’essere umano a cui la porge un superiore al quale chiedere qualcosa: un biscotto, una carezza, un po’ di attenzione. Queste richieste non vanno deluse ma accontentate, poiché in tal modo la fiducia del cane in noi sarà accresciuta.

Se il nostro cane ci si accuccia davanti con il posteriore sollevato, muove la coda abbaiando festoso è un chiaro invito al gioco, che andrà assecondato; anche questo aumenterà l’affiatamento.

Muovere la coda è un segnale di amichevoli intenzioni noto a tutti; pochi sanno, però, che non è un messaggio atavico, visto che i cani selvatici non scodinzolano, così come non abbaiano. Entrambi questi messaggi sono rivolti solo dal cane addomesticato, che ha imparato a manifestarci i suoi sentimenti: apprezziamoli e lodiamolo quando lo fa.

Un chiaro segnale di minaccia e di tensione è il sollevarsi del pelo sulla groppa e lungo la schiena. Quando un cane ha questa reazione significa che ha percepito avvicinarsi un pericolo o che prevede un’aggressione.

Se al pelo ritto sulla schiena si aggiunge la coda ritta (che, se si verifica da sola, significa un aumento dell’attenzione verso qualcosa, nient’altro) il segnale di minaccia è importante e la reazione del cane potrebbe essere di aggressione verso chi la provoca.

Per comunicare con il cane, l’uomo dovrà usare le stesse parole e gli stessi gesti, anche se a rivolgersi a lui saranno diversi membri della famiglia.

Inoltre, il tono di voce dovrà sempre essere fermo, ma calmo, privo di qualsiasi nervosismo. Se il cane esegue in modo corretto ciò che gli è stato chiesto dovrà essere ricompensato con un buon boccone o con carezze e complimenti (rinforzo positivo), mentre se sbaglia lo si dovrà solo fermare con un deciso ma calmo “no!”, ripetendo l’insegnamento.

Continua domani.

L’uomo e il suo cane – La cura del cane – 2

Quando muore un fedele animale di casa, piangilo, ma sostituisci al dolore l’affetto di un nuovo amico. Troverai in strada o in rifugio qualcuno che non rimpiazzerà mai chi l’ha preceduto, ma saprà regalarti nuove emozioni e un ritrovato sorriso. (F.M. Dostoevskij).

Mentre si esegue la pulizia del pelo si potrà anche controllare la condizione degli occhi, che devono essere limpidi, senza lacrimazione eccessiva, senza arrossamenti della cornea, che deve essere limpida ma, nella maggior parte delle razze, non visibile. Altre patologie che potrebbero interessare gli occhi e vanno risolte il più presto possibile per evitare conseguenze più gravi sono le affezioni della palpebra quali l’ectropion, che è il suo rovesciamento all’esterno, e il contrario, che, invece, è il suo rovesciamento all’interno. Entrambe queste patologie possono causare un irritazione continua e cronica dell’occhio e, se trascurate per lungo tempo, anche la perdita della vista da quell’occhio.

Vi sono razze particolarmente predisposte alle due patologie appena descritte, come alcuni molossoidi o cani da caccia con palpebra molto rilasciata; ve ne sono altre che a causa della sporgenza degli occhi (King Charles Spaniel, Chin, Griffoncini del Belgio…) vanno soggette a irritazioni che potrebbero diventare fastidiose e talvolta cronicizzate.

Sempre durante la cura del mantello si potranno controllare le orecchie, che in alcune razze sono soggette a disturbi.

Particolare attenzione è da riservarsi ai cani con orecchie pendenti contro le guance, perché corrono il rischio che qualche corpo estraneo entri nel padiglione auricolare e giunga fino a danneggiare la cute o, addirittura, il timpano. Molto pericolose sono le spighe delle graminacee: se entrano nell’orecchio dal verso che le porta a risalire per il condotto auricolare, potrebbe giungere fino al timpano, perforandolo. Ecco perché è indispensabile controllare le orecchie.

A tutti i cani, qualsiasi sia la forma delle loro orecchie e a prescindere dal fatto che siano integre o amputate, va controllata ogni settimana la pulizia dei padiglioni auricolari, che non devono essere otturati dal cerume, non devono presentare lesioni o ferite e non devono essere arrossati nella parte interna e bassa. Se il cane dimostra reazioni dolorose se gli si tocca l’orecchio è il segno che è in atto un’infezione o un’otite.

Bisogna anche ricordare che per la pulizia delle orecchie non si dovranno utilizzare oggetti lunghi e sottili come i bastoncini con cotone alle estremità, perché basta una minima distrazione per andare troppo in profondità, con il rischio di danneggiare o addirittura perforare il timpano.

Un’ultima considerazione per quanto concerne la cura del cane riguarda la sua parte posteriore.

Premessa indispensabile è che oggi l’alimentazione è lontana ormai per la maggior parte dei cani domestici da quella dell’antenato comune a tutti, il lupo. i predatori selvatici mangiano tutta intera la preda, comprese le ossa. Una parte di queste ossa viene digerita e assimilata e fornisce il calcio all’organismo e un’altra parte passa nell’intestino e viene espulsa con le feci. Questa parte dura, passando nella parte terminale dell’intestino prima della fuoriuscita, preme sulle glandole anali, che servono proprio a produrre una sostanza viscida che favorisce il passaggio e le svuota del loro contenuto. Nei cani che si nutrono con cibi già pronti o preparati in casa non viene fatta tale pressione e le glandole talvolta si gonfiano della loro stessa secrezione. Per questo vanno periodicamente (una-due volte all’anno) premute in modo che si svuotino. E’ un operazione facile, ma va fatta da una persona che conosce il metodo. Non è detto che sia necessaria in tutti i cani: dipende se mostrano segni di disagio in quella zona, oppure no. Ugualmente, andrà pulita la parte sottostante la coda, specie se la coda si appoggia strettamente alle natiche. Con queste facili attenzioni il cane si manterrà in forma e in salute per molti anni.    

L’uomo e il suo cane

La cura del cane

Quando muore un fedele animale di casa, piangilo, ma sostituisci al dolore l’affetto di un nuovo amico. Troverai in strada o in rifugio qualcuno che non rimpiazzerà mai chi l’ha preceduto, ma saprà regalarti nuove emozioni e un ritrovato sorriso. (F.M. Dostoevskij).

Affinché il cane si mantenga in buona forma e anche al fine di prevenire o intervenire tempestivamente su alcune patologie che potrebbero colpirlo, è bene che il padrone controlli frequentemente le condizioni del suo amico e proceda ad alcune operazioni di “manutenzione”.

Il tipo di intervento dipende da diversi fattori: prima di tutto la razza del cane, poiché ve ne sono alcune che hanno più bisogno di attenzioni, mentre alcune sono particolarmente rustiche e robuste.

Tra le prime e più semplici operazioni troviamo quello che riguarda la cura del pelo.

Vi sono razze con pelo raso o corto, che richiedono solo una bella ed energica spazzolata ogni due o tre giorni per essere mantenute in ordine. Quando si spazzola il cane dovremo controllare anche che non vi siano parassiti sulla cute ed eventualmente rimuoverli secondo il tipo cui appartengono: le pulci andranno tolte con le mani, le zecche, poiché sono infisse nella pelle, rimosse con le dita o una pinzetta, facendo bene attenzione a estirpare anche la testa, che è la parte infilata nella cute; lasciare la testa potrebbe causare qualche ciste, comunque benigna. Per le zecche un buon sistema consiste nel cospargerle di olio, perché respirano attraverso aperture nel corpo che sta all’esterno del cane e, se ricoperte di olio, muoiono per mancanza di ossigeno, staccandosi da sole.

Durante la spazzolatura potremo anche verificare le condizioni della pelle, del pelo e controllare se vi sono lesioni o altri problemi, oppure se sono presenti arrossamenti, desquamazioni, ulcere o foruncoli abbondanti. In alcune razze a pelo corto talvolta si manifestano chiazze con assenza di pelo, magari anche con sudorazione umida dell’epidermide o prurito. In questo caso sarà meglio portare il nostro amico dal veterinario per effettuare un controllo.

Va ricordato che alcune razze dal mantello di colore bianco e dal pelo corto sono più soggette di altre ad affezioni cutanee; comunque, la pratica della spazzolatura del pelo è utile per tenere la situazione sotto controllo.

Le razze a pelo più lungo, fino a quelle dal mantello lunghissimo come ad esempio i Pechinesi o gli Shih-tzu (o altre più grandi), richiedono certo una cura più attenta del pelo e più tempo per accudirlo; tuttavia, compensano questo maggiore impegno con una minore delicatezza della pelle, che di rado presenta i problemi delle razze dal manto più corto.

E’ stato rilevato che i problemi di pelle sono più frequenti in certe razze che in altre, quindi, se prenderemo un cane di una razza esposta a simili patologie, dovremo sorvegliare le sue condizioni con maggiore frequenza e attenzione.

Nei negozi che vendono articoli per animali sono in vendita tutti gli attrezzi e i prodotti necessari alla cura del pelo, ma non bisogna esitare a contattare il veterinario se si presenta qualche patologia.

Un’altra parte del cane che dovrà essere controllata con una certa frequenza è la bocca (specie se il nostro amico è in giovane età o anziano).

Nei cuccioli, la fase della dentizione va sorvegliata attentamente, perché tra la terza o la quarta settimana, quando cominciano ad apparire i primi denti da latte (di solito i canini), e la sesta-settima, quando la dentizione è completata, la fuoriuscita dei denti potrebbe non avvenire in modo regolare, specie quando i denti definitivi sostituiscono quelli da latte e potrebbero sovrapporsi a essi. Anche in questo caso esistono appositi giocattoli da mordere che favoriscono la caduta dei denti caduchi e aiutano lo sviluppo di quelli da adulto, diminuendo il fastidio delle gengive.

Ugualmente nei cani adulti e, ancor più, in quelli anziani dovremo controllare che il tartaro non comprometta la robustezza dei denti, facendo masticare al nostro amico specifici oggetti fatti appositamente per pulirli e rimuovere residui di cibo. Sarebbe bene sottoporre periodicamente il cane a una visita veterinaria per accertare le condizioni della dentatura e, se è il caso, a interventi specifici per pulirla o per estrarre quelli irrecuperabili. Continua domani.