Tag: locali storici napoletani

Locali storici e tipici napoletani

Carlino

Corso Umberto I  341

Il 24 giugno del 1937 Raffaele Carlino decise di aprire un piccolo negozio di pelletteria a corso Umberto.

Gli oltre 400 metri quadrati di oggi sono gestiti dal figlio Vittorio che cerca di soddisfare le molteplici esigenze di una clientela differenziata, che non di rado viene dalla provincia.

Un vastissimo assortimento di borse, ombrelli, foulard, guanti e bastoni da passeggio al piano terra; al piano superiore sono esposti articoli professionali (cartelle e servizi da scrittoio) e valigie di ogni tipo.

Locali storici e tipici napoletani

Mele

Corso Umberto I   127

L’azienda dei Mele, una delle più antiche pelliccerie italiane, comincia ad operare all’ingrosso nel 1880, importando pelli pregiate da Lipsia.

La produzione sartoriale viene ben presto apprezzata anche fuori dai confini nazionali, come dimostra la medaglia d’oro ricevuta in occasione dell’Esposizione Internazionale di Parigi del 1907.

Durante il fascismo, la ditta deve adattare le linee eleganti dei suoi modelli alle pelli importate dalle Colonie e a quelle di capretto e coniglio imposte dall’autarchia.

I danni subiti dalla guerra daranno luogo a una breve pausa dell’attività, che riprenderà dopo poco, con il commercio al dettaglio.

A distanza di più di un secolo, negli eleganti locali di corso Umberto le pelli vengono lavorate secondo la tradizione.

Locali storici e tipici napoletani

Picardi

Via Duomo 308

Alla metà dell’Ottocento, la nonna degli attuali titolari aprì una bottega in via Arte della Lana.

Dopo di lei, filati e cotoni passarono nelle mani degli uomini della famiglia, e li si trovano ancora oggi.

Nel 1926 i Picardi si trasferirono in questa sede a due passi da piazza Nicola Amore, dove tutto è rimasto miracolosamente intatto.

Vetrine fuori moda anticipano l’interno: luce a neon, scaffalature ricolme di gomitoli e scatoli di cartone, un giallo pallido che colora appena soffitto, banconi e tendine.

Amplissimo assortimento di cotoni da ricamo, filati e articoli di merceria.

Locali storici e tipici napoletani

La Casa della Penna

Corso Umberto I 88

E’ possibile acquistare qui ogni tipo di penna: da quelle a sfera, da pochi centesimi, fino alle stilografiche delle marche più prestigiose per le quali occorre sborsare parecchie centinaia di euro.

Sulla parete dietro il bancone fa bella mostra di se una reclame su vetro della Pelikan che risale agli anni Quaranta, periodo in cui fu aperto questo negozio che provvede anche a riparare vecchie stilo e addirittura pennini.

Locali storici e tipici napoletani

Frame Cafè

Via Giovanni Paladino 10

Il Frame Cafè, uno dei locali storici della zona, deve il suo nome alla bella cornice che inquadra l’ingresso e il balconcino del piano superiore.

Il locale è su due piani con soffitti a volta e un trompe l’oeil raffigurante un sottomarino, realizzato da uno zingaro danese.

Caldo e ospitale d’inverno, fresco e ventilato d’estate, offre caffè, tè, camomilla, punch, irish coffee.

L’ “angolo del golosone” propone stuzzicherie, piatti del giorno fatti in casa e dolci siciliani.

Ogni giovedì musica dal vivo. In questo caso, il servizio, in genere del 15%, raddoppia.

Orario 21-3.

Locali storici e tipici napoletani

Vineria del centro

Via Giovanni Paladino 8/a

Via Paladino è diventata un po’ il punto di riferimento dei giovani e degli intellettuali nuova generazione.

I locali sono spuntati come funghi e, di sera, la gente si affolla sulla strada passando da un bar all’altro.

Anche la Vineria è nata come ritrovo, per incontrarsi sorseggiando un buon bicchiere di vino, magari campano.

Due i livelli; al piano terra, il bar per le consumazioni al banco; al piano superiore, atmosfera vivace, tavolini e sedie dove potersi accomodare.

Il vino – i prezzi variano secondo le etichette – si può accompagnare con l’ottima pizza rustica o una fetta di torta alle mele.

Non mancano le iniziative culturali – in genere mostre fotografiche di giovani autori.

Orario 20-3 Lunedì chiuso.

Locali storici e tipici napoletani

Blu Cobalto

Via Giovanni Paladino 3

Atmosfere newyorkesi nel cuore del centro antico.

A pochi passi dalla statua del Nilo, Blu Cobalto è tappa d’obbligo di artisti e intellettuali.

Galleria d’arte per pittori, scultori e fotografi napoletani, ma anche spazio “aperto” per incontri di poesia, presentazione di libri, dibattiti, concerti di musica dal vivo.

Il locale disposto su due livelli, cambia continuamente abito a seconda delle iniziative in corso, fatta eccezione per il bar al piano terra dove è sempre possibile rifornirsi di bevande varie, sandwich e torte.

Orario 16-24 lunedì chiuso.