Tag: l’uomo e il cane

L’uomo e il suo cane – il cane in esposizione

Una brava persona si vergogna anche davanti a un cane. (Anton Ceechov)

Le esposizioni canine hanno sempre avuto lo scopo di indicare gli esemplari che possiedono le caratteristiche, descritte da uno standard, ritenute ideali per una certa razza. E’ un modo per segnalarli come animali da utilizzare in riproduzione per trasmettere ai figli la loro struttura morfologica e caratteriale. Oltre all’esame morfologico, si è sempre valutata con molta attenzione l’attitudine di un determinato soggetto a compiere il lavoro per il quale la sua razza è stata selezionata, oltre, ovviamente al carattere.

Anche se la consuetudine di far valutare a persone esperte i propri cani sia per la loro bellezza sia per la capacità di lavorare è cosa antica di secoli, la prima esposizione canina della quale s’abbia notizia è quella che s’è tenuta il 28 e 29 giugno 1859 a Newcastle-upon-Tyne, in Inghilterra, riservata a Pointer e Setter.

Nelle esposizioni di bellezza organizzate dagli enti cinofili d’ogni nazione aderenti o affiliati alla Federazione Cinologica Internazionale (F.C.I.), il giudice esamina i soggetti presentati, che gli vengono esibiti divisi tra maschi e femmine e in diverse classi:

  1. Classe Juniores, per soggetti d’età compresa tra i 6 e i 9 mesi. In questa classe non vengono assegnati né il Certificato d’Attitudine al Campionato Italiano di Bellezza (C.A.C.) né il Certificato di Abilitazione al Campionato Internazionale di Bellezza (C.A.C.I.B.);
  2. Classe Giovani, per i soggetti di età compresa tra i 9 e i 18 mesi. Nemmeno in questa classe sono assegnati il C.A.C. e il C.A.C.I.B.;
  3. Classe Libera, per i soggetti dai 15 mesi in su. Non possono essere iscritti in questa classe i campioni di bellezza proclamati nel Paese in cui si svolge l’esposizione. Sono in palio il C.A.C. e il C.A.C.I.B. per i soggetti non sottoposti a prove di lavoro;
  4. Classe Campioni, obbligatoria per quei soggetti già proclamati campioni nel Paese in cui si tiene la manifestazione, facoltativa per i campioni internazionali e per i campioni proclamati in altre nazioni;
  5. Classe Lavoro, per i cani di almeno 15 mesi di età che siano in possesso dei titoli richiesti dal regolamento. E’ in palio il Certificato di Attitudine al Lavoro (C.A.L.).

E’ proibita l’iscrizione contemporanea dello stesso cane in più di una di queste classi. Vi sono anche altre classi:

  1. Classe di Coppia, per soggetti (un maschio e una femmina) della medesima razza e dello stesso proprietario;
  2. Classe di Gruppo, per soggetti (almeno tre, maschi e femmine) appartenenti alla stessa razza e allo stesso proprietario, o iscritti dall’allevatore;
  3. Classe di Gruppo d’Allevamento, per soggetti provenienti dallo stesso allevamento e giudicati nel Ring d’Onore;
  4. Classe Registro Soggetti Riconosciuti (R.S.R.), che serve a far riconoscere un cane privo di pedigree come appartenente a una determinata razza (i cani con pedigree sono invece iscritti al Registro Origini Italiane, il R.O.I.). Questo, sempre che ciò sia possibile, poiché per alcune razze non è ammesso il riconoscimento di soggetti privi di pedigree. I cani devono avere almeno 9 mesi di età;
  5. Fuori Concorso, per soggetti che non partecipano all’assegnazione di premi o titoli. Non dà diritto al giudizio, ma serve solo per mostrare il cane, per ottenere il riconoscimento della taglia (per quelle razze ove è richiesto), per mostrare ai giudici, ai cinofili e al pubblico una razza non ancora riconosciuta o un esemplare di grande rilievo, oppure per far partecipare il cane di una razza riconosciuta ai gruppi d’allevamento.

Nelle esposizioni di Campionato Sociale, o nelle mostre speciali organizzate dalle società che tutelano una determinata razza, è possibile avere classi supplementari quali la Baby o Puppy, per soggetti dai 3 ai sei mesi, e quella Veterani, per cani con più 6-7 anni d’età, a seconda della razza e di quanto decide la società che promuove l’evento.

Non potranno accedere alle esposizioni e non avranno diritto al rimborso dell’iscrizione i cani che:

  1. Sono affetti da malattie della pelle e da ogni altra malattia;
  2. Hanno subito una modificazione, o una qualsiasi truccatura volontaria, destinata a dissimulare un difetto trasmissibile in riproduzione. E’ fatta eccezione per quelle razze il cui Standard riconosce come necessarie tali pratiche;
  3. Sono ciechi o storpiati;
  4. Sono monorchidi, criptorchidi, con incompleto sviluppo di uno o di entrambi i testicoli, o comunque inetti alla procreazione;
  5. Hanno un’età differente da quella indicata sulla scheda d’iscrizione, per la quale non sono ammissibili alla classe in cui sono iscritti;
  6. Sono femmine in calore;
  7. Sono femmine che allattano, oppure in avanzato stato di gravidanza. Continua domani.

L’uomo e il suo cane –

La comunicazione uomo-cane

I cani, che Dio li benedica, operano partendo dalla premessa che gli esseri umani sono fragili e richiedono incessanti assicurazioni e manifestazioni d’affetto. La leccatina casuale sulla mano e il muso peloso appoggiato a mo’ di drappeggio sul collo del piede sono calcolati per far sapere al padrone che un amico è vicino – (Mary McGrory)

Una delle principali ragioni per le quali uomo e cane hanno iniziato migliaia di anni or sono una convivenza basata su alcune caratteristiche comuni è che entrambi vivono da sempre inseriti in una ben determinata gerarchia sociale, nella quale ciascun individuo occupa il gradino che è riuscito a conquistare. Per fare questo, entrambe le specie hanno dovuto, prima del loro incontro, elaborare un metodo di comunicazione con i loro simili che permettesse di far capire le intenzioni e coordinare le attività.

Quando le strade di cane e uomo si sono unite e il loro cammino nella storia è divenuto inscindibile, le prime comunicazioni avevano solo uno scopo utilitaristico, essendo dettate dalla necessità di collaborare nella caccia, di segnalare le cose da fare quando il cane è divenuto pastore, poi compagno di guerra, guardiano e custode e, infine, amico della famiglia.

Nel corso dei millenni il modo di comunicare tra l’uomo e il cane è mutato da pari passo con l’evoluzione del loro rapporto che, inizialmente dettato dalla reciproca utilità, si è sempre più trasformato in una unione soprattutto affettiva. Oggi il cane è divenuto un membro della famiglia nella quale vive pur mantenendo alcuni degli istinti atavici che permettono ancora alla maggior parte dei soggetti che abitano assieme all’uomo di essere guardiani delle proprietà e difensori delle persone a loro care.

Tutto questo ha comportato uno sviluppo della comunicazione tra l’uomo e cane che bisogna conoscere al fine di ottenere la massima soddisfazione reciproca nella convivenza, ricordando che maggiore è il grado di socializzazione, maggiore è la necessità di comunicare, meglio si svilupperanno i segnali che consentono di comunicare.

Prima di iniziare il discorso sulla comunicazione è bene ricordare che il cane ha bisogno fin dalla nascita di ciò che viene chiamato imprinting, ossia del rapporto stretto con la madre e i fratelli per sviluppare e fissare in modo indelebile le relazioni tra simili. Solo così, crescendo, il cucciolo diverrà un individuo equilibrato e sociale.

I mezzi di comunicazione del cane sono molteplici, ma non sempre gli umani sono in grado di captarli e comprenderli. Vediamone alcuni.

La comunicazione visiva

Il cane comunica con i suoi simili, con gli altri animali e con gli uomini per mezzo della mimica facciale e dei movimenti di alcune parti del corpo (orecchie, coda, pelo).

Un gesto abbastanza comune è quello di dare la zampa, che nel cane adulto significa riconoscere nell’essere umano a cui la porge un superiore al quale chiedere qualcosa: un biscotto, una carezza, un po’ di attenzione. Queste richieste non vanno deluse ma accontentate, poiché in tal modo la fiducia del cane in noi sarà accresciuta.

Se il nostro cane ci si accuccia davanti con il posteriore sollevato, muove la coda abbaiando festoso è un chiaro invito al gioco, che andrà assecondato; anche questo aumenterà l’affiatamento.

Muovere la coda è un segnale di amichevoli intenzioni noto a tutti; pochi sanno, però, che non è un messaggio atavico, visto che i cani selvatici non scodinzolano, così come non abbaiano. Entrambi questi messaggi sono rivolti solo dal cane addomesticato, che ha imparato a manifestarci i suoi sentimenti: apprezziamoli e lodiamolo quando lo fa.

Un chiaro segnale di minaccia e di tensione è il sollevarsi del pelo sulla groppa e lungo la schiena. Quando un cane ha questa reazione significa che ha percepito avvicinarsi un pericolo o che prevede un’aggressione.

Se al pelo ritto sulla schiena si aggiunge la coda ritta (che, se si verifica da sola, significa un aumento dell’attenzione verso qualcosa, nient’altro) il segnale di minaccia è importante e la reazione del cane potrebbe essere di aggressione verso chi la provoca.

Per comunicare con il cane, l’uomo dovrà usare le stesse parole e gli stessi gesti, anche se a rivolgersi a lui saranno diversi membri della famiglia.

Inoltre, il tono di voce dovrà sempre essere fermo, ma calmo, privo di qualsiasi nervosismo. Se il cane esegue in modo corretto ciò che gli è stato chiesto dovrà essere ricompensato con un buon boccone o con carezze e complimenti (rinforzo positivo), mentre se sbaglia lo si dovrà solo fermare con un deciso ma calmo “no!”, ripetendo l’insegnamento.

Continua domani.

L’uomo e il suo cane

La cura del cane

Quando muore un fedele animale di casa, piangilo, ma sostituisci al dolore l’affetto di un nuovo amico. Troverai in strada o in rifugio qualcuno che non rimpiazzerà mai chi l’ha preceduto, ma saprà regalarti nuove emozioni e un ritrovato sorriso. (F.M. Dostoevskij).

Affinché il cane si mantenga in buona forma e anche al fine di prevenire o intervenire tempestivamente su alcune patologie che potrebbero colpirlo, è bene che il padrone controlli frequentemente le condizioni del suo amico e proceda ad alcune operazioni di “manutenzione”.

Il tipo di intervento dipende da diversi fattori: prima di tutto la razza del cane, poiché ve ne sono alcune che hanno più bisogno di attenzioni, mentre alcune sono particolarmente rustiche e robuste.

Tra le prime e più semplici operazioni troviamo quello che riguarda la cura del pelo.

Vi sono razze con pelo raso o corto, che richiedono solo una bella ed energica spazzolata ogni due o tre giorni per essere mantenute in ordine. Quando si spazzola il cane dovremo controllare anche che non vi siano parassiti sulla cute ed eventualmente rimuoverli secondo il tipo cui appartengono: le pulci andranno tolte con le mani, le zecche, poiché sono infisse nella pelle, rimosse con le dita o una pinzetta, facendo bene attenzione a estirpare anche la testa, che è la parte infilata nella cute; lasciare la testa potrebbe causare qualche ciste, comunque benigna. Per le zecche un buon sistema consiste nel cospargerle di olio, perché respirano attraverso aperture nel corpo che sta all’esterno del cane e, se ricoperte di olio, muoiono per mancanza di ossigeno, staccandosi da sole.

Durante la spazzolatura potremo anche verificare le condizioni della pelle, del pelo e controllare se vi sono lesioni o altri problemi, oppure se sono presenti arrossamenti, desquamazioni, ulcere o foruncoli abbondanti. In alcune razze a pelo corto talvolta si manifestano chiazze con assenza di pelo, magari anche con sudorazione umida dell’epidermide o prurito. In questo caso sarà meglio portare il nostro amico dal veterinario per effettuare un controllo.

Va ricordato che alcune razze dal mantello di colore bianco e dal pelo corto sono più soggette di altre ad affezioni cutanee; comunque, la pratica della spazzolatura del pelo è utile per tenere la situazione sotto controllo.

Le razze a pelo più lungo, fino a quelle dal mantello lunghissimo come ad esempio i Pechinesi o gli Shih-tzu (o altre più grandi), richiedono certo una cura più attenta del pelo e più tempo per accudirlo; tuttavia, compensano questo maggiore impegno con una minore delicatezza della pelle, che di rado presenta i problemi delle razze dal manto più corto.

E’ stato rilevato che i problemi di pelle sono più frequenti in certe razze che in altre, quindi, se prenderemo un cane di una razza esposta a simili patologie, dovremo sorvegliare le sue condizioni con maggiore frequenza e attenzione.

Nei negozi che vendono articoli per animali sono in vendita tutti gli attrezzi e i prodotti necessari alla cura del pelo, ma non bisogna esitare a contattare il veterinario se si presenta qualche patologia.

Un’altra parte del cane che dovrà essere controllata con una certa frequenza è la bocca (specie se il nostro amico è in giovane età o anziano).

Nei cuccioli, la fase della dentizione va sorvegliata attentamente, perché tra la terza o la quarta settimana, quando cominciano ad apparire i primi denti da latte (di solito i canini), e la sesta-settima, quando la dentizione è completata, la fuoriuscita dei denti potrebbe non avvenire in modo regolare, specie quando i denti definitivi sostituiscono quelli da latte e potrebbero sovrapporsi a essi. Anche in questo caso esistono appositi giocattoli da mordere che favoriscono la caduta dei denti caduchi e aiutano lo sviluppo di quelli da adulto, diminuendo il fastidio delle gengive.

Ugualmente nei cani adulti e, ancor più, in quelli anziani dovremo controllare che il tartaro non comprometta la robustezza dei denti, facendo masticare al nostro amico specifici oggetti fatti appositamente per pulirli e rimuovere residui di cibo. Sarebbe bene sottoporre periodicamente il cane a una visita veterinaria per accertare le condizioni della dentatura e, se è il caso, a interventi specifici per pulirla o per estrarre quelli irrecuperabili. Continua domani.

L’uomo e il suo cane – Il cane al lavoro – 2

Il cane è la virtù che, non potendo farsi uomo, s’è fatta bestia. (Victor Hugo)

Negli ultimi decenni, se da una parte molte delle attività dei cani sono state sostituite dalla moderna tecnologia, i nostri antichissimi amici hanno trovato modo di aiutarci in altre situazioni.

La caccia vede sempre più restringersi la sua possibilità d’azione?

Ebbene, i Retriever che per secoli hanno recuperato e riportato al cacciatore la selvaggina abbattuta senza danneggiarla, grazie al fiuto formidabile e alla dolcezza del carattere, sono divenuti eccellenti ausiliari della Protezione Civile per i salvataggi in acqua e per la ricerca delle persone scomparse o sepolte, come testimonia il grande utilizzo in queste azioni dei Golden Retriever e dei Labrador Retriever. Questi ultimi sono utilizzati anche dalle forze di polizia, sia per rintracciare droga o esplosivi, ai posti di confine o negli aeroporti, sia in normali e quotidiane operazioni di sorveglianza. Alcune razze, come il già citato Labrador, il Leonberger, il Terranova, il Pastore Tedesco e il Golden Retriever, sono particolarmente adatte al soccorso in acqua, mentre il San Bernardo, il Landseer, il Mastino dei Pirenei, il Grande Bovaro Svizzero, il Bovaro del Bernese, il Mastino Spagnolo e, ancora il Pastore Tedesco operano nelle squadre del Soccorso Alpino di molte nazioni.

Vi sono poi cani che in silenzio, senza troppo clamore, svolgono attività insostituibili in aiuto dell’uomo: si tratta dei cani-guida per i non vedenti; sono sempre femmine, genericamente più materne e premurose, appartenenti a razze molto docili o bene addestrabili, come il Labrador, il Golden Retriever, il Pastore Tedesco, il Boxer e il Dobermann.

Inoltre, non bisogna dimenticare quelle razze impiegate come sostegno nella pet therapy, una terapia ormai consolidata nella quale il cane, grazie alla sua straordinaria sensibilità, diventa compagno e amico di persone che hanno avuto esperienze traumatiche, specialmente tra i bambini, oppure che si trovano in una fase terminale di malattia. In tutte queste drammatiche situazioni la delicatezza del nostro amico a quattro zampe ha fornito risultati superiori a qualsiasi aspettativa e tutte le razze hanno dato dimostrazioni eccezionali.

Meritano una citazione particolare per questa attività gli affettuosissimi Golden Retriever, per i malati terminali, e gli American Staffordshire Terrier, per chi ha subito violenza, perché la sicurezza di sé e il coraggio di questi cani infondono tranquillità ai loro sfortunati amici; tra i molossoidi di piccola taglia, i Carlini si sono dimostrati ottimi compagni per persone sole e rattristate.

Continua, anzi aumenta, il ruolo del cane da compagnia, poiché molte delle razze che un tempo erano selezionate solo per la loro capacità nel lavoro, ora sono divenute piacevoli compagne di tutta la famiglia.

Ne sono un esempio tutti i Terrier, a eccezione del Deutscher Jagdterrier Tedesco, ancora largamente selezionato per la caccia, ormai prevalentemente cani da compagnia, oppure i bassotti (sebbene molti ancora partecipino alla caccia in tana, oppure alle prove in tana artificiale, dove cane e volpe non si toccano mai). Molti infine sono i cani da caccia o da pastore che hanno abbandonato le mansioni per le quali erano stati preferiti: è il caso dei Setter, oppure del Pastore Tedesco o di tutti i Collie; a dimostrazione che il rapporto tra uomo e cane è in continua evoluzione e che nessuna tecnologia potrà mai sostituire questo sorprendente compagno di vita.

L’uomo e il suo cane – il cane al lavoro

Il cane è la virtù che, non potendo farsi uomo, s’è fatta bestia (Victor Hugo)

E’ ormai certo che ciò che ha unito in modo indissolubile l’evoluzione dell’uomo e quella del cane è stata la reciproca utilità e una somiglianza molto marcata nel rapporto sociale, in particolare nei gruppi di appartenenza: branco per il cane, tribù per l’uomo. Il primo rapporto spontaneo e naturale tra uomo e lupo addomesticato (l’antenato del cane come viene inteso oggi) fu, oltre a quello alimentare, la collaborazione nella caccia senza una precisa educazione.

In questo impiego, il cane dimostrò ben presto di poter essere molto utile ai nostri antenati, fino a diventare praticamente insostituibile in innumerevoli altre occasioni. Quando l’uomo iniziò l’allevamento del bestiame, circa 8000 anni fa, nel periodo Neolitico, si accorse che il cane poteva avere un ruolo determinante nelle attività quotidiane, non solo come ausiliario alla caccia; poteva, infatti, rivelarsi un ottimo compagno nella conduzione del bestiame, utilizzando e indirizzando in modo positivo la tecnica predatoria ereditata dal lupo, che consisteva nell’isolare uno o alcuni capi del gruppo di erbivori (per poi sospingere questi soggetti verso un punto dove altri membri del branco erano pronti a tendere l’agguato mortale): una volta inibito l’istinto innato all’attacco finale, sarebbe stato in grado di richiamare e radunare quei capi di bestiame sfuggiti al controllo dell’uomo per qualsivoglia ragione (una distrazione, un temporale, l’arrivo di un predatore). Questo fu un fatto che cambiò la storia dell’umanità, perché un uomo senza cane non può controllare neanche una pecora, mentre con l’aiuto di tre cani ne può controllare cento: non per nulla, il naturalista francese George-Louis-Leclerc, conte di Buffon, ritiene che il capostipite di tutti i cani moderni sia stato appunto il cane da pastore, poi modificatosi a causa della selezione attuata dall’uomo e la richiesta di cani sempre più adatti e specializzati nei vari compiti.

Questo dimostra che, fin dai remoti rapporti, l’uomo ha trovato nel cane un prezioso aiuto in molte attività, in principio soprattutto venatorie (dalla caccia alla selvaggina grossa e pericolosa, alla cerca, da seguito della selvaggina ferita, all’inseguimento a vista – come i Levrieri, oppure i cani da punta – per indicare la posizione di un animale selvatico o per stanare le prede dalle tane), fino a utilizzarlo come cane da pastore e bovaro, nel qual compito alcune razze si sono specializzate conducendo agevolmente le greggi e le mandrie. E’ il caso dei Collie e di altre razze, capaci di sorvegliare e proteggere il bestiame dalle aggressioni dei briganti e dei predatori naturali, in alcuni casi anche pericolosissimi, come il lupo, l’orso o i grandi felini dell’Oriente e dell’America del Sud.

Un altro antichissimo compito affidato ai cani di grosse dimensioni e molto forti, come i molossi, è stato quello di ausiliario nella guerra (numerosi incisioni e bassorilievi li ritraggono in questa mansione) e di combattenti nelle arene contro avversari quali leoni, tori, orsi e perfino elefanti, per arrivare ai combattimenti tra cani diffusisi negli ultimi due secoli.

Fin da 600 anni prima di Cristo, gli storici greci e romani raccontano di cani il cui unico compito era quello di fare compagnia alle matrone e alle persone altolocate dell’epoca: sono i primi cani da compagnia, presenti nelle corti di tutto il mondo fino ai giorni nostri, che hanno conservato intatto il loro ruolo di fedeli amici dell’uomo, capaci di lenire con il loro affetto ogni pena e tanto amati dai loro padroni che alcuni di loro, come nel caso del naufragio del Titanic, hanno sacrificato beni ingenti pur di metterli in salvo.

Nelle competizioni sportive, invece, per diverso tempo hanno riscosso un discreto successo le corse tra cani, nelle quali gareggiavano razze veloci e aerodinamiche come i Levrieri, prevalentemente Greyhound. Continua domani.

L’uomo e il suo cane Il galateo del cane – 2

I cani non mentono su ciò che provano, perché non possono mentire sulle emozioni. Nessuno ha mai visto un cane triste che fingesse di essere felice… (J. Masson)

Se, invece, il cane è tenuto correttamente al guinzaglio e passeggia con il suo padrone, quest’ultimo deve sapere che è lui il responsabile di eventuali danni a cose e persone e deve fare attenzione al comportamento dell’animale. Il cane non dovrebbe nemmeno essere lasciato libero dal guinzaglio nei giardini se il suo carattere è dominante e aggressivo, perché potrebbe attaccare qualche suo simile con conseguenze a volte gravi, specie se l’animale appartiene a quelle razze conosciute per la loro potenza fisica e di morso. Se due padroni si incontrano con i loro cani è giusto che si informino sul sesso dell’altro cane e, se sono dello stesso sesso, specie se si tratta di due maschi, sarà meglio essere prudenti, perché molti maschi non accettano rivali e sono sempre pronti a scatenare una zuffa furibonda. Anche se si tratta di due femmine bisognerà stare in guardia, perché a volte sono più aggressive dei maschi e di solito vanno molto a simpatie, indipendentemente dal sesso.

Per questo, generalmente, un maschio è aggressivo con altri maschi, ma innocuo con femmine e cuccioli di qualsiasi sesso sotto i 12 mesi di età; una femmina sarà dolce e tollerante con i cuccioli di qualsiasi sesso, ma potrebbe rifiutare un incontro sia con un maschio sia con una femmina.

Non bisogna, infine, scordare che queste indicazioni sugli incontri tra cani considerano la media dei comportamenti, ma potrebbero esservi eccezioni: per questo il cane va sempre controllato, conosciuto e mai sottovalutato per le conseguenze che i suoi comportamenti possono avere.

Esiste, in aggiunta, un galateo che vede coinvolti in prima persona i padroni, oltre ai cani. Esso regola i rapporti tra padrone-cane e il resto del mondo.

La prima cosa che deve sapere un padrone educato è che anche se per lui il suo cane è il più bello e bravo del mondo, ci sono molte persone che non amano il contatto con gli animali e quindi vivono come uno sgarbo il voler imporre a tutti i costi la presenza del cane a chi non la desidera. Questo non solo se si va a casa d’altri, ma anche se si invita qualcuno a casa propria.

Sarebbe sempre meglio informare subito della presenza del cane, chiedere se la cosa crea qualche problema e, se sì, adottare le misure per ridurre al minimo gli inconvenienti per tutti, cane compreso, magari affidandolo per quella volta ad amici o mettendolo in una stanza dove lui stia bene ma non arrechi disturbo agli ospiti, sempre che questi non siano abituati all’animale, oppure che il cane non sia tanto addestrato ed educato da starsene tranquillo senza disturbare.

Un altro segno di educazione, anche in questo caso è valido sia se andiamo in casa d’altri, sia se riceviamo qualcuno in casa nostra, è quello di presentare in ogni caso un cane pulito, con pelo in ordine e che ha già mangiato, se l’invito è a pranzo o a cena. Andare a trovare o ricevere delle persone con un cane sporco, magari maleodorante, peggio ancora se inzuppato d’acqua se piove, è segno di pochissimo rispetto per chi incontriamo, oltre che per il nostro cane, che merita certo di essere apprezzato e gradito.

Quindi in previsione di un incontro che coinvolga anche il nostro animale, sarà bene pulirlo prima e asciugarlo con cura dopo un’uscita se piove.

Se saremo noi ad andare a far visita a qualcuno e piove, dovremo portare un asciugamano abbastanza grande per asciugare il nostro amico molto bene prima di entrare nella casa che ci ospiterà.

Come abbiamo visto, bastano pochi accorgimenti e attenzioni per riuscire sempre a fare bella figura con il nostro cane, in qualsiasi occasione.

L’uomo e il suo cane – Il galateo del cane

I cani non mentono su ciò che provano, perché non possono mentire sulle emozioni. Nessuno ha mai visto un cane triste che fingesse di essere felice… (J. Masson)

Anche per i cani ci sono azioni e comportamenti che sono bene accetti da proprietari ed estranei e altre che disturbano, o comunque creano disagio e fastidio. Bisogna quindi sapere cosa deve imparare a fare o a non fare il cane affinché sia accettato e gradito da tutti. In sostanza, si dovrà utilizzare un vero e proprio galateo per cani e padroni.

Uno dei comportamenti del cane più sgradevole e contestato dalla gran maggioranza delle persone è quello di fare i suoi bisogni dove non è permesso e dove camminano le persone, bambini inclusi.

E’ fondamentale insegnare al cane a non sporcare dove non è permesso, ad esempio sui marciapiedi oppure nei parchi dove possono andare a giocare i bambini o, ancora peggio, nei campi giochi per i bimbi più piccoli. Questo è di capitale importanza e bisogna proprio evitare di portare il nostro cane nei parchi; se poi capita che il cane faccia i suoi bisogni sui marciapiedi, o nei vialetti di un giardino pubblico, oppure nelle aiuole, si dovrà provvedere a rimuoverli con gli opportuni strumenti in vendita negli specifici negozi per animali.

Sarebbe bene che i cani maschi che vivono in città e vengono portati a passeggio nelle strade non alzassero la zampa sugli stipiti dei portoni, anche perché quando un maschio segna il territorio tutti gli altri maschi che passeranno di lì faranno lo stesso nel tentativo di sovrapporre il proprio messaggio di dominio a quello precedente.

Un altro comportamento che potrebbe risultare molto fastidioso è quello dell’abbaio continuo, che non pochi cani esercitano anche nelle ore notturne. In questo caso si deve intervenire fin da quando l’animale è cucciolo per bloccare questo vizio che potrebbe diventare cronico. Inoltre, anche la legge prevede che un cane non debba disturbare e se l’abbaio è continuo sono previste perfino delle sanzioni.

Se il cane è molto socievole, probabilmente quando incontra persone estranee le accoglierà festosamente alzandosi sulle zampe posteriori e tenterà di appoggiare quelle anteriori addosso al nuovo venuto: una situazione che alcuni accettano di buon grado, ma che altri potrebbero non gradire, specie se hanno paura dei cani, oppure se provano disagio nei loro confronti, oppure ancora se il cane ha le zampe bagnate o infangate e potrebbe così sporcare gli abiti. Si dovrà allora insegnare al cane a non dare troppa confidenza alle persone in genere e a ubbidire quando gli viene ordinato di non infastidire chi gli sta vicino.

Anche a tavola esiste un galateo per i cani. Sia per la sua salute, sia per la nostra tranquillità e sia per sviluppare un comportamento che renda il cane gradito agli ospiti, è bene insegnargli a non chiedere nulla alla tavola dei padroni mentre mangiano. Se si abituerà a ricevere bocconi saporiti quando è solo con i padroni, lo farà anche quando ci saranno altre persone, a meno che non si abbia la possibilità di metterlo in un luogo isolato.

Abbiamo poi un galateo che regola il comportamento tra cani. La prima considerazione è che nessun cane dovrebbe mai essere lasciato vagare libero senza custodia o la supervisione del padrone. La legge prevede espressamente che i cani debbano essere condotti in luoghi pubblici al guinzaglio o con la museruola, ma sempre sotto il controllo del proprietario. I cani che girano senza controllo possono essere pericolosi per gli altri cani, che potrebbero venire aggrediti. Potrebbero essere pericolosi per adulti e bambini, che potrebbero essere morsicati, come è già più volte accaduto, potrebbero anche essere pericolosi per il traffico, perché senza controllo e guida potrebbero attraversare una strada causando incidenti pericolosi a ciclisti, motociclisti e automobilisti. Continua domani.  

L’uomo e il suo cane – Razze di cani riconosciute – 7

Basset Hound

Isacco

Il Basset Hound è un cane di tipo bassettoide. Le sue origini sono francesi ma la sua nazionalità è inglese. Come taglia si può definire piccola con un’altezza al garrese di 33-38 cm. il suo peso ideale è di 23 kg. circa e il suo utilizzo specifico è caccia e compagnia.

Il Basset Hound è un ottimo cane da caccia. Dotato di sorprendente agilità ed energia, nonché di un fiuto eccezionale, segue facilmente le tracce olfattive di lepri, conigli selvatici e fagiani nel più intricato sottobosco. Ha un tipico abbaio profondo che risuona come una campana.

Morfologia

Ha la tipica struttura del bassotto, con corpo allungato ed arti brevi; deve possedere una ossatura pesante, ma non essere goffo nei movimenti. La testa è leggermente affusolata verso il lungo muso con stop appena accennato e pelle con qualche ruga. Le orecchie sono lunghe e vellutate, attaccate più in basso della linea mediana degli occhi, che sono di colore variabile dal nero al marrone medio, con sguardo triste; il rosa della palpebra inferiore deve essere appena visibile. Il mantello formato da pelo liscio, corto e compatto, non troppo sottile, può essere nero, marrone chiaro e bianco, giallino e bianco e di ogni altro colore ammesso per i segugi. La coda, lunga e conica, viene incurvata verso l’alto durante il movimento.

Il Basset Hound in relazione alla taglia è il cane con l’ossatura più pesante che esista.

Storia

La razza ebbe origine in Francia nel tardo XVI secolo. Per le caratteristiche generali del capo e per l’acuto senso olfattivo, si ritiene che sia una derivazione nana del Bloodhound. Nella seconda metà del XIX secolo il Basset Hound fu introdotto in Gran Bretagna e nel 1883 fu iscritto ufficialmente tra le razze riconosciute del Kennel Club britannico. In seguito furono però gli Americani a specializzarsi nella selezione dei soggetti da compagnia e da esposizione. I settori in cui attualmente la razza sta avendo un sempre maggiore successo.

Salomè

Temperamento

Nonostante l’aspetto un po’ grave, i Basset Hound sono animali vivaci, socievoli, miti e di buon carattere, molto devoti al padrone e particolarmente affettuosi. Hanno bisogno di molto esercizio fisico e amano le passeggiate in campagna, ove possono dedicarsi a esplorare siepi e boschetti.

E’ un cane affidabile e apprezzato per l’indole aperta. Rappresenta il cane ideale per la famiglia. Possiede comunque un forte istinto per la caccia e, nonostante il fisico poco atletico, può percorrere molta strada se gli si presenta un cancello aperto. Come il Beagle è molto amabile, ma altrettanto indipendente. Proprio per questo non è un modello di obbedienza, a meno che non gli convenga.

Se non siete in grado di dedicargli tempo, fate a meno di tenere un cane che per la sua particolare costituzione fisica ha molto bisogno di esercizio.

Cure

Tenuto in casa e obbligato ad abitudini sedentarie, che peraltro gradisce, il Basset Hound tende ad ingrassare, correndo il rischio di soffrire di artrite nella vecchiaia.

Una strigliata quotidiana è consigliabile. Dovete fare anche attenzione alla pulizia delle orecchie e ad accorciare periodicamente le unghie.

Penny

L’uomo e il suo cane – Le esigenze del cane

Non dobbiamo guadagnarci la sua fiducia o la sua amicizia: è nato per essere nostro amico; quando i suoi occhi sono ancora chiusi, lui già crede in noi: prima ancora di nascere ha già dato se stesso all’uomo. – Maurice Maeterlinck

Quando si decide di prendere un cane bisogna avere presente che questo animale ha delle esigenze ben precise, che vanno conosciute e rispettate, se si vuole instaurare con lui il giusto rapporto e trarre le massime soddisfazioni dalla convivenza reciproca.

Che tutti gli animali, e quindi anche i cani, siano “esseri sensibili” lo ha riconosciuto anche il Parlamento Europeo, imponendo l’obbligo di non sottoporli a trattamenti crudeli. Tuttavia, anche chi possiede un cane spesso ignora di cosa ha bisogno e quali sono i comportamenti da adottare.

In primo luogo, per sviluppare al meglio le proprie potenzialità d’intelligenza, affettività, sensibilità, capacità di apprendimento, un cane ha bisogno di vivere il più possibile a contatto con il padrone, con i membri della famiglia e con i bambini, se presenti.

Ci sono persone che prendono un cane e poi lo lasciano da solo in un giardino o in un cortile, poiché ritengono, dandogli da mangiare e facendogli le vaccinazioni indispensabili, di avere trattato bene il loro animale.

Non è così: il cane ha una forte spinta affettiva ed emotiva, ed è dotato di sentimenti e sensibilità uguali e a volte superiori a quelli dell’uomo. L’ideale sarebbe quindi tenere il cane in casa, a contatto con tutta la famiglia, bambini compresi.

Se lo si deve per forza far vivere in un giardino (ci sono razze che in casa non possono proprio vivere e devono essere lasciate all’aperto), bisognerà aver cura di stare con lui il maggior tempo possibile, fin da cucciolo, e si dovrà instaurare un saldo legame affettivo, giocando spesso con l’animale, portandolo appena possibile a fare delle passeggiate, permettendogli di entrare in casa durante il giorno in modo che familiarizzi con tutte le persone di casa.

La cuccia all’aperto dovrà essere isolata da caldo e freddo, sollevata da terra alcuni centimetri e posta in una zona riparata dal vento e dalle intemperie. L’animale dovrà sempre avere a disposizione una ciotola di acqua fresca cambiata di frequente oppure, meglio ancora corrente.

Non si dovrà trascurare la somministrazione del cibo e, se ci si dovrà assentare per un periodo di tempo abbastanza lungo, bisognerà incaricare qualcuno di controllare che il cane stia bene e di portargli il cibo e l’acqua.

Anche il cane che vive in casa con i padroni, magari in un appartamento, ha esigenze ben precise. La prima è ovviamente quella di essere portato regolarmente, meglio se sempre agli stessi orari, almeno tre volte al giorno a passeggiare. La passeggiata serve sia a far svuotare vescica e intestino, sia a mantenere attiva e tonica la muscolatura e, non di meno, a farlo divertire un po’: il cane ha bisogno di vedere persone nuove e suoi simili e di socializzare con loro.

Un cane relegato, al quale non si fanno incontrare persone e altri cani, diviene asociale e avrà sempre comportamenti o troppo aggressivi o paurosi: tutti atteggiamenti che potrebbero portarlo a mordere per nulla.

Oltre alle necessità fisiche, il cane ha poi bisogno di sviluppare con il suo padrone e con i membri della famiglia una relazione affettiva importante.

Per far questo bisogna dedicare molto tempo al cane, giocare con lui, accarezzarlo, dimostrargli che gli si vuole bene, che si è fieri di lui, che la sua compagnia è un piacere e non un peso.

Il cane avverte tutto questo e “sente” se il suo padrone è contento del suo comportamento. Qualora si arrivasse a questa stretta intesa, il cane ubbidirà non per timore del padrone, ma perché gli vuole bene e desidera farlo contento.

Trattando questo argomento siamo arrivati a un altro punto molto importante. Oggi sappiamo che il cane discende dal lupo e quindi ne ha conservato gli istinti, anche se alcuni sono un po’ sopiti. Proprio dal comportamento sociale che il lupo osserva nel branco deriva la spiegazione di alcuni comportamenti che talvolta il cane assume nel suo rapporto con l’uomo.

Nella vita sociale del lupo esiste il maschio Capobranco, che conquista la sua posizione lottando contro i suoi simili (alcuni dei quali continuano per tutta la vita a insidiargli il posto), e la femmina Alfa, che ha un ruolo di dominanza sulle altre femmine e anche su qualche maschio più giovane o sottomesso.

Questa situazione si riproduce all’interno del branco-famiglia e il cane, specialmente se appartenente a razze dal forte temperamento e dominanti, dovrà riconoscere nel suo padrone il capo del branco-famiglia. Quest’ultimo dovrà essere capace di imporsi sul cane in modo deciso, autorevole e coerente. Nel nascere del corretto rapporto sociale all’interno della famiglia la coerenza è molto importante. Non si potrà sgridare il cane per un comportamento che magari in altre occasioni è stato tollerato, oppure che altre persone di famiglia permettono. Continua domani.

L’uomo e il suo cane – Cani e bambini

Il cane ha una capacità incredibile di intuire quello che stiamo pensando ed anche i nostri sentimenti… E’ capace di superare la barriera della mente ogni volta che lo desidera. (F. Siano)

Il rapporto tra bambini e cani è un argomento molto complicato e quasi sempre viene trattato con troppa superficialità.

Molti cani sono i compagni ideali per i bambini ed in special modo quando entrano in famiglia da cuccioli, e tra di loro si instaura un rapporto affettivo molto forte, questo però non vuol dire che tutti i cani si comportino allo stesso modo in seguito a determinate azioni.

Di regola, e questo vale per tutte le razze canine, la femmina è più ben disposta nei confronti dei bambini coi quali è portata ad assumere un ruolo quasi materno. Il maschio lo è meno, nella maggior parte dei casi anche lui sarà innocuo con i suoi piccoli amici i quali vengono visti come compagni di gioco e soggetti del branco-famiglia da trattare in rapporto alla loro età.

Un altro elemento molto importante da tenere in considerazione è il rapporto tra l’età del cane e dei bambini, al momento di iniziare una vita familiare in comune. Se il cucciolo entra in casa quando ci sono già dei bambini, indipendentemente dalla loro età il cane li considererà suoi pari e instaurerà con loro un rapporto molto solido, di amicizia complice, fatta di gioco e divertimento.

Se invece è il bambino a giungere in casa quando il cane è già presente da tempo, bisognerà fare attenzione al comportamento dell’animale, perché potrebbe avere reazioni dettate dalla gelosia, causando qualche danno: in questo caso, una femmina accoglierà il nuovo arrivato con maggiore tenerezza e tolleranza di un maschio che, dopo aver vissuto per anni in famiglia al centro dell’attenzione di tutti, improvvisamente si troverà un po’ trascurato. Qui sono necessarie due precisazioni: se in famiglia ci sono già altri bambini, il cane accetterà con facilità l’ingresso di un nuovo elemento, se invece non ve ne sono, sarà bene continuare a coccolare e considerare il cane come prima, in modo che non crescano in lui i naturali istinti di gelosia, presenti in tutti gli esseri viventi dotati di sentimenti.

Un modo di pensare comune e che quando si prende un cane avendo in famiglia dei bambini, magari anche molto piccoli, è quello che un cane di piccole dimensioni sia più adatto di uno di grande taglia, ancor più se quest’ultimo appartiene a una razza nota per il forte carattere. Non è così.

I cani dal forte temperamento e dalla mole importante, nella maggior parte dei casi, sono talmente consapevoli della loro forza e hanno una tale resistenza fisica, sia alle fatiche sia al dolore, che sopportano con pazienza i dispetti che spesso i bambini fanno. I cani di piccole dimensioni sono più timorosi e risentono maggiormente di comportamenti bruschi o maldestri, che procurano loro sofferenza e disagio. Per tale motivo sono più propensi a reagire, il più delle volte solo abbaiando o ringhiando, ma potrebbero anche arrivare a mordere, sia pure, quasi sempre, senza stringere molto e quindi senza far del male per davvero.

Bisogna fare ancora un’altra precisazione. Ogni tanto si sente dire che un cane ha morsicato un bambino, causandogli qualche ferita: la quasi totalità delle volte non si tratta di vere aggressioni ma di semplici “sgridate”, come d’altronde fanno tutti gli animali, anche quelli selvatici, con i loro piccoli, per educarli o per fermare comportamenti fastidiosi o pericolosi. Capita spesso in una cucciolata che la madre, quando uno dei suoi piccoli fa danni o infastidisce, lo rimproveri in modo molto violento e il piccolo pianga e strilli disperato: i presenti corrono a controllare temendo di trovare il piccolo morto, ma invece esso è vivo e sano. E’ stata solo una sgridata d’effetto, ma niente di più. La stessa cosa accade con tutti i bambini: il cane infastidito sgrida il “fratellino” monello in modo deciso, ma senza intenzione di nuocere.

Come prima cosa, i bambini dovranno capire la necessità di rispettare e prendersi cura del cane e comportarsi allo stesso modo con qualsiasi altra forma di vita.

Questa regola generale vale anche per gli adulti.

Gli si dovrà spiegare che i cani, come tutti gli altri animali, non sono dei giocattoli, ma degli esseri sensibili che hanno diritto al rispetto della loro natura e della loro intelligenza.

Se i bimbi sono abbastanza grandi, sarebbe bene che si occupassero loro stessi del cane. Potrebbero iniziare preparandogli la pappa agli orari stabiliti, portandogliela, o spazzolandogli il pelo; poi potrebbero accompagnarlo a fare una passeggiata; tutto dipende dall’età del bambino, che ovviamente deve essere in grado di capire e assumersi la responsabilità di quello che fa.

Continua domani