Tag: parchi regionali

Il Parco Nazionale del Vesuvio – 8

Sul Vesuvio, però, non salgono solamente i curiosi di un giorno. Allarmato dal continuo succedersi di eruzioni, Ferdinando II di Borbone fa erigere nel 1841, ai piedi del cono del Vesuvio, il primo Osservatorio vulcanico del mondo. Diretto da Macedonio Melloni e poi da Luigi Palmieri, Eugenio Semmola, Raffaele Matteucci e Giuseppe Mercalli (cui si deve la scala dell’intensità dei terremoti), l’Osservatorio dà un contributo importante alle nascenti scienze della Terra.

Se si considera che tra il Settecento e l’Ottocento, negli scavi di Ercolano e Pompei, si forma un’archeologia via via più scientifica, non è esagerato sostenere che il Vesuvio vede nascere due importanti discipline come l’archeologia e la vulcanologia. Tra i direttori degli scavi di Pompei meritano una citazione lo spagnolo Francisco La Vega, il còrso Cristoforo Saliceti, poi gli italiani Giuseppe Fiorelli, Michele Ruggiero, Giulio de Petra, Vittorio Spinazzola e Amedeo Maiuri.

Alla fine dell’Ottocento, i pochi e ricchi protagonisti del Grand Tour sono ormai stati sostituiti da una folla di migliaia di viaggiatori che prendono d’assalto Pompei e la montagna. Per loro, il 1880, il Vesuvio viene reso facilmente accessibile grazie a una ferrovia a cremagliera che sale da Pugliano alla base del “Gran Cono”, e da una funicolare che affronta gli ultimi 400 metri di dislivello.

Funiculì funiculà, una delle canzoni napoletane più note, celebra questa effimera vittoria della tecnologia sul Vesuvio.

Sopravvissute alle violente eruzioni del 1906 (che rade al suolo Boscotrecase) e del 1929 (che sfiora Terzigno), cremagliera e funicolare vengono spazzate via dall’eruzione del marzo 1944, che offre un ultimo drammatico spettacolo a una Napoli messa in ginocchio dalla guerra. Verso ovest, le lave distruggono San Sebastiano al Vesuvio e Massa di Somma. A sud est, fa le spese dell’eruzione un aeroporto militare alleato.

Poi il Vesuvio si placa, la pace torna su Napoli e sul suo Golfo, e l’eterna battaglia tra l’uomo e il vulcano sembra prendere una piega inedita. Invece della lava e dei lapilli, è ora l’uomo ad agire sul vulcano e a modificare rapidamente il paesaggio. In mezzo secolo, dalla fine del conflitto, l’armonioso paesaggio delle campagne vesuviane si trasforma in una informe successione di strade, palazzoni e brutture edilizie assortite. Da poco più di centomila persone, la popolazione dei 19 Comuni vesuviani raggiunge le 750 mila unità.

Tragico per il paesaggio, l’accumularsi di gente e case ai piedi del Vesuvio rischia di essere catastrofica in caso di risveglio del vulcano, che oltre settant’anni di inattività non possono certo far considerare come spento. A partire dagli anni Settanta del secolo scorso, le tematiche del Parco e della protezione civile trovano numerosi punti di contatto.

Negli anni Sessanta e Settanta, a Napoli e dintorni, la voce degli ambientalisti è ancora meno ascoltata di quella dei vulcanologi. I primi chiedevano la salvezza del più bel monumento naturale della Campania, i secondi che fossero lasciati liberi da edifici almeno i valloni laterali del Vesuvio, dove è prevedibile si incanaleranno le lave della prossima eruzione.

La prima vittoria di chi vuole un Vesuvio diverso è del 1972, quando 1005 ettari del vulcano (inclusi i tre quarti del cratere) entrano a far parte della Riserva Naturale Tirone-Alto Vesuvio, affidata al Corpo Forestale dello Stato. Nel 1979 il Comitato Ecologico Pro Vesuvio richiede l’istituzione del Parco. Continua – 8

Parchi Nazionali

Il Parco Nazionale del Vesuvio – 5

Maffiferi, Rettili e Anfibi

Se paragonata a quella degli uccelli, la condizione delle circa 30 specie di mammiferi attualmente segnalate sul Vesuvio è decisamente più difficile. Per chi non può volare, infatti, la pianura che stacca il Vesuvio dai primi contrafforti dell’Appennino è davvero una barriera invalicabile.

Depauperata da secoli di caccia, seriamente danneggiata anche dalla moltiplicazione dei cani rinselvatichiti, la fauna del vulcano ha visto in tempi recenti la ricomparsa del piccolo ed elegante coniglio selvatico, comunque in passato sul Vesuvio, considerato estinto negli anni Settanta e oggi nuovamente segnalato con una popolazione di discreta importanza.

Facile da osservare nei boschi e tra le ginestre del Vesuvio è anche la lepre comune, che ha dimensioni quasi doppie – fino a 70 centimetri di lunghezza e a 5 chili di peso contro un massimo di 35 centimetri e 2,5 chili – di quelle del coniglio selvatico. Introdotta a scopo venatorio, questa specie si è perfettamente adattata all’ambiente del vulcano.

Tra i carnivori è molto diffusa sul Vesuvio la volpe, che compare con una certa frequenza alla vista dei visitatori del Parco nonostante le sue abitudini siano essenzialmente notturne.

L’elenco dei piccoli mammiferi del Parco prosegue con il topo quercino, il ghiro e il moscardino, che prediligono i freschi noccioleti del Monte Somma. Pure presenti, ma decisamente più rare, sono la faina e la donnola. Non è certa, invece, la presenza del tasso. Tra i rettili, i più vistosi sono senz’altro il cervone che vive nei freschi boschi del Monte Somma e può raggiungere i due metri di lunghezza, e il biacco che preferisce il clima più caldo e assolato del Vesuvio. Vivono nel Parco anche il colubro di Esculapio, il piccolissimo orbettino e la vipera comune, cui si aggiungono la tarantola muraiola, il greco verrucoso, il ramarro e la diffusissima lucertola campestre. Estinta allo stato selvatico, la testuggine comune è invece ampiamente presente nei giardini privati e negli orti.

Gli anfibi, tutt’altro che comuni in un ambiente arido come quello del vulcano, sono rappresentati dal rospo comune e dalla rana verde. Mancano segnalazioni recenti del gongilo, importato dai Borboni nel Parco della Reggia di Portici e riprodottosi a lungo anche al di fuori di questo.

Quando la lava fiorisce.

La dura lava viene lentamente disgregata fino a diventare un fertile suolo sul quale crescono erbe, fiori e piante come la gialla ginestra, diffusissima su tutto il Vesuvio.

Ambienti sempre più ricchi.

Le pendici del Vesuvio stanno progressivamente conquistando una vegetazione sempre più ricca e variata. Le caratteristiche del suolo lavico, le variazioni della quota (il Vesuvio raggiunge i 1281 metri di altezza) e la differente esposizione dei versanti sono fattori che agiscono congiuntamente sulla flora determinando, secondo principi ben noti agli ecologi, sia la specie sia le associazioni vegetali possibili.

Un habitat favorevole.

Le rocce e i cespugli del Vesuvio sono l’habitat ideale per molti rettili. Fra questi è diffuso il ramarro, una lucertola grande e particolarmente elegante, soprattutto nel caso dei maschi completamente verdi e con una macchia azzurra sulla gola.

Abili cacciatori di insetti.

Fra i molti uccelli che popolano il territorio del Vesuvio vi sono anche i gruccioni. Questi uccelli sono abilissimi nel catturare al volo con il lungo becco sottile le loro prede (api, vespe, libellule, coleotteri).

Una fauna nascosta.

Le piccole lucertole sono un incontro frequente sulle assolate pendici laviche del vulcano, un ambiente ideale per questi rettili la cui temperatura corporea dipende da quella dell’ambiente in cui vivono.

Al contrario delle lucertole, amanti del sole, i piccoli rapaci notturni si celano durante il giorno nei nidi spesso ricavati da cavità nei tronchi.

Il corvo imperiale

Sono le imponenti dimensioni a rendere inconfondibile il più grande uccello del Parco Nazionale del Vesuvio. Capace di raggiungere un’apertura alare di 135 centimetri e un peso di 1400 grammi, il corvo imperiale (corvus corax) frequenta soprattutto gli ambienti rupicoli dell’area protetta. Grande opportunista dell’alimentazione, questo corvide, è capace di cibarsi di insetti, uova, nidiacei, molluschi, rettili, anfibi e carogne. Presente in buona parte del bacino del Mediterraneo, costruisce di preferenza i suoi nidi sulle pareti rocciose, e non teme di attaccare i rapaci (inclusa l’aquila reale) che gli si avvicinano troppo. Di grande interesse per gli ornitologi sono le sue elegantissime parate nuziali, che si svolgono tra febbraio e marzo e nelle quali il maschio effettua una lunga e complessa danza intorno alla femmina.

Un simpatico mammifero.

Il topo quercino è uno dei più piccoli mammiferi del Parco. Poco più grande di un ghiro, possiede una coda lunga e sottile e ha una maschera nera sul muso. E’ notturno e di giorno rimane nascosto in qualche cavità. Continua.