Tag: poesia dialettale

L’angolo della Poesia

15 Maggio 1848

Fa juorno e per le strate

Portano le carrozze da fore a le remesse,

le banche d’acquaiuole, pe’ fa li barricate…

Le ccase so’ na mutria; li purtone so’ ‘nchiuse;

na Cumpgnia cumanna de Guardia Naziunale,

vicino a Santa Briggeta, don Michele Viscuse…

  • Ll’uommene in riga! All’arme! Vene lu generale

a spezziunà lu posto. – Vide nu curre curre;

ma so’ rummase sule

tre gatte e li tammurre,

e de la forza armata

li cchiù futtute ‘ncule

hanno pigliato l’uoseme, e se la so’ sfilata.

  • E chisti cca so ll’uommene? – dice lu generale.
  • Neh! Don Michele? – Ll’uommene

se ne so’ ghjute ‘e presse! –

risponne don Michele – chisti cca songo ‘e fesse!

(Marchese di Caccavone)

L’angolo della Poesia – 2

Mamma – versione

Come sei vecchia, ho mamma, come sei vecchia:

hai fatto la testa bianca, e le rughe in faccia;

ti tremano queste mani e senza forza

mi stringono a malapena dentro queste braccia.

Vedendo i tuoi occhi mezzi chiusi

Quest’anima mia si sente dentro il fuoco;

Madonna mia! Mantienile accese

Queste lucine ancora un altro poco.

Vorrei sognare una notte che tu avessi

tutti i capelli neri e dondolandomi,

come un bambino mi faresti addormentare

cantandomi la ninna nanna.

Ah, se potessi dire: Fermati, tempo,

questo è l’amore mio, non me lo toccare,

quando è finito l’olio in questa lampada

io resto al buio e a che mi serve vivere!

Ah, se potessi dire: Fermati tempo!

L’angolo della Poesia

Mamma – versione

Se non tenessi te, come farei

a guardare in faccia alla vita ho mamma bella?

Tu mi rimani, tu mi insegni la strada

più semplice, sicura e giusta.

Se non tenessi te, come farei?

Tu mi hai insegnato il bene, tu l’amore;

Tu mi hai insegnato la gioia della preghiera….

Mi desti anche un cuore gentile

Che vede anche nell’inverno la primavera!

tu mi hai insegnato il bene, tu l’amoore!

Vorrei vederti sempre un sorriso

Sopra la tua bocca piena di santità;

e per una volta sola, il paradiso,

vorrei poterti dire: Prendi mamma!

Vorrei vederti sempre un sorriso!

Sapessi che sollievo sei per me

quando mi dici una parola cara;

e questo basta per me pareggia

questa vita oscura come la luna chiara!

Sapessi che sollievo sei per me!

Ancora augùrie a tutt’  ‘e mamme ‘e ‘stu munno!

  • Se ‘a tennèrezza

se putesse ‘ncarnà

addeventasse

ll’uòcchie ‘e ‘na mamma:

M. Lianza

  • Ammòre ‘e mamma nun te ‘nganna.
  • Figlio muto ‘a mamma ‘o ‘ntènne.
  • Ha tagliato ‘a capa à mamma!

(somiglia moltissimo alla mamma)

  • Ogne scarrafòne è bello à mamma sòja.
  • Pate e figlie, quanno more v’a mamma, so’ pariènte lasche.
  • Unu figlio, ciento figlie!

(un solo figlio procura le stesse ansie e preoccupazioni di cento figli)

L’angolo della Poesia – 2

Mamma

Comme si vecchia, oj mà, comme sì vecchia:

hè fatto ‘a capa janca, ‘e rappe ‘nfaccia;

te tremmano ‘sti mane e senza forza

m’astrigne ammalapena ‘int  ‘a sti braccia.

Vedenno l’uocchie tuòje miez’ appannate

‘st’anema mia se sente dint’  ‘o ffuoco;

Madonna mia! Mantiènele appicciate

‘sti lampetelle ancora ‘n’atu poco.

Vurria sunnà na notte ca tenisse

Tutt’  ‘e capille nire e anella anella,

comme ‘nu piccerillo m’addurmisse

cantanno nonna nonna nunnarella.

Ah, si putesse dì: Fermate, tiempo,

chist’ è l’ammore mio, nun m’  ‘o tuccà,

quanno è fernuto l’uoglio ‘int’  ‘a sta lampa

io resto ascùro e che ‘nce campo a ffà!

Ah, si putesse dì: Fermate tièmpo!

S. Varriale

L’angolo della Poesia

Mamma

Si nun tenesse a tte, comme farrja

a guardà ‘nfaccia ‘a vita, oj mamma bella?

Tu me rimmane, tu me ‘mpare ‘a via

cchiù semplice, sicura e accunciulella.

Si nun tenesse a tte, comme farrja? …

Tu m’hè ‘mparato ‘o bene, tu l’ammore;

Tu m’hè ‘mparato ‘a gioia d’  ‘a preghiera …

Me diste pure nu gentile ‘e core

ca vede pure a vierno ‘a primmavera!

tu m’hè ‘mparato ‘o bbene, tu ll’ammore!

Vurria vederte sempe ‘nu surriso

‘ncopp’ ‘a sta vocca chiena ‘e santità;

e pe’ ‘na vota sola, ‘o paraviso,

vurria puterte dì: Piglia, mamma!

Vurria vederte sempe ‘nu surriso!

Sapisse che sullievo sì pe’ mme

Quanno me dice ‘na parola cara;

e chesto basta pe’ me fa parè

‘sta vita scura comm’ ‘a luna chiara!

Sapisse che sullievo sì pe’ mme!

F. Masullo

L’angolo della poesia

Consiglio – versione

Le grandi cose lasciale fare ai maestri,

cerca di fare bene le cose piccoline.

Le cose grosse le fanno gli scienziati.

A noi ci tocca di fare le cosine:

a voler bene anche a chi non ci vuole bene,

a sopportare anche chi è maleducato,

a dare un aiuto anche a chi non ha

la testa a posto ad uno scombinato.

A trattare tutti come fratelli e sorelle,

senza pensare né come e né perché,

gente del posto oppure gente forestieri

come  vorresti che trattassero a te.

Cancella l’egoismo dal cuore,

se serve, poi, cambiati il nome,

chiamati “fratello” oppure solo “amore”

e dopo, vedi che diventi un uomo.

L’angolo della Poesia

Cunziglio

‘E ccose grosse làssale fa’ a ll’arte,

cerca ‘e fa’ bbuono ‘e ccose piccerelle.

‘E ccose grosse ‘e fanno ‘e scinziate.

A nuje ce tocca ‘e fa’  ‘e “cusarelle”:

a vulè bene a chi nun ce vo’ bene,

a suppurtà pure chi è scustumato,

a da’ na mana pure a chiu nun tène

‘a capa bona oppure è scumbinato.

A trattà tutte comm’ a frate e sora,

senza penzà né comme e nè pecchè,

gente paisana oppure gente ‘e fora,

comme vulisse ca trattasse a tte.

Cancella l’egoismo  ‘a dint’  ‘o core,

si è nicissario, po’, cagnete nomme,

chiàmmate “frate” oppure sulo “ammore”

e, doppo, vide c’ addeviente n’ ommo.

V. Fasciglione