Tag: poesia dialettale

L’angolo della Poesia

Apprendo in quest’istante della morte di Luciano De Crescenzo preparerò un omaggio per quest’altro scrittore e filosofo che ci ha lasciato

Chèllata

Ajere no si’ Tonno npertinente

Che ncojeta le pprete de la via,

N’vedè la si’ Lucia

che se spassava a spozzolà semmente,

  • Te l’avviso pe bbene – lle dicètte –

Si pe ccaso mariteto mme torna

a parlà, sparo, e a ffàreme despiette,

Io lle rompo le ccorna. –

  • E che ne cacce da sse belle pprove! –

Disse Lucia – Lle faccio ll’aute nove!

G. Genoino

Cose ‘e pazze

Pe’ dint’  ‘a casa ce sta aria ‘e guerra

E ‘a mugliera parlanno cu ‘o marito

E cu ll’amante

  • Ca stanno tutt’ e ddùje a sguardo ‘nterra –

le dice:

  • “Fra noi tre tutto è finito!”

L. Lupoli

‘O zimmaro e ‘o cervo

Nu zimmaro passianno ‘mmiez’  ‘o bosco

‘ncontra a nu cervo e tutto ca s’  ‘o guarda,

po’ dice: – Me sì zio, mo te cunosco!

‘O cervo le risponne sustenuto:

  • ‘A parentela c’è, però è bastarda:

i’ tengo ‘e ccorne, ma nun so’ curnuto!..

A. Ferrara

Annunci

Buon Martedì 16 luglio 2019

Il Sole sorge alle 5:39 e tramonta alle 20:33

La Luna cala alle 3:24 e si eleva alle 19:39

Beata Vergine Maria del Monte Carmelo

Santa Patrono di Catanzaro

La Madonna del Carmelo è detta anche Mamma d’  ‘o Càrmene e Mamma schiavòna.

  • S’  ‘o credeva ‘a Marònna d’  ‘o Càrmene va overamènte lle facìve ‘o piezzo ‘argiènto!

((la gratitudine è un sentimento sempre più raro).

Avummaria! …. Chiagnenno, addenucchiato

ncopp’a li pprete de sta cella mia,

io ca mme sento sulo e abbandunato,

io mme t’arraccumanno … Avummaria! …

E o muovete a pità, mamma d’ammore,

vedenno ‘a vita mia nera accussì,

o casino’ tu spèzzeme stu core,

Madonna bella mia, famme murì! …

Salvatore Di Giacomo

Il 16 luglio del 1381 Carlo di Durazzo entra a Napoli.

Il 16 luglio del 1464 la flotta di Ferrante rientra trionfalmente a Napoli.

Il 16 luglio del 1647 Masaniello viene ucciso da alcuni suoi ex seguaci e successivamente viene sepolto nella chiesa del Carmine.

Il proverbio del giorno: assai digiuna chi mal mangia.

L’angolo della Poesia

‘O ccisto e ‘a garsella

Si ‘o cunto se fa sempe ‘ncopp’  ‘e fatte,

io quanno conto ‘e muorte ‘int  ‘o giurnale,

‘e fèmmene nun so’ a tre o quattro,

l’uòmmene ddòje culonne … e ccà sta ‘o mmale!

M’  ‘o vulesse spiegà, da’  ‘na raggione:

ma ‘sti raggione ccà so’ ‘ntruppecose.

Ll’ommo quanno fa ‘ammòre è sciampagnone

e po’ nun ammesura tanta cose …

Nun ammesura ‘o ccisto dint’  ‘a lampa …

La donna si sparagna in ogni amplesso

e fernesce accussì ca essa campa

e ll’ommo – fesso fesso – more ampresso!

L. Lupoli

L’angolo della Poesia

‘E ddòje campane

Dicètte ‘a bona fata a nu studente.

Niente te manca:… io che te pozzo da’?

Voglio ‘e denare! Senza ‘e llire ‘a gente

‘ncopp’ a stu munno comme po’ campà?

Dicètte ‘a fata a n’ommo ricco e viecchio

che s’ammalincuniva ‘nnanze a ‘o specchio:

Dimme che vuò pe’ te calmà ‘st’affanne?

  • Oh, fata mia, vurria tenè vint’anne!

G. Aliperti

Le due campane – versione

Disse una buona fata a uno studente.

Non ti manca niente:… io che ti posso dare?

Voglio i denari! Senza le lire la gente

Sopra a questo mondo come può campare?

Disse la fata a un uomo ricco e vecchio

che si immalinconiva davanti a uno specchio:

Dimmi che vuoi per calmarti questo affanno?

  • Oh, fata mia, vorrei avere vent’anni.

L’angolo della Poesia

‘E notte

Tutt’è silenzio dint’à sta nuttata

nun se sente nu passo ‘e cammenà.

Nu ventariello tutta na serata

pare ca me vuleva accarezzà…

E finalmente chiagno! Tu nun vide,

tu staje luntano, comme ‘o puo’ vedè?

Però t’ ‘o ddico pecché tu me cride

E si me cride, chiagne nzieme a me!

Scenne stu chianto lento, doce doce,

nun aizo na mano p’  ‘asciuttà.

Io strillo pe’ te fa’ sentì sta voce,

ma tu nun puo’ sentì… c’allùcco a ffa’?

Tutt’è silenzio… ncielo quanta stelle!

Affaccete, tu pure ‘e ppuo’ vedè:

songo a migliare, e saie pecché so’ belle?

Pecché stanno luntano, comm’  ‘a tte!

Eduardo De Filippo – 1929

E’ notte – versione

Tutto è silenzio in questa notte

non si sente un passo camminare.

Un venticello per tutta la serata

sembrava che volesse accarezzarmi…

E finalmente piango! Tu non vedi,

tu sei lontano, come lo puoi vedere?

Però te lo dico affinché tu mi creda

e se mi credi, piangi insieme a me!

Scende questo pianto lento, dolcemente,

non alzo la mano per asciugarmi.

Io strillo per farti sentire questa voce,

ma tu non puoi sentire… che grido a fare.

tutto è silenzio… nel cielo quante stelle!

Affacciati, anche tu le puoi vedere:

sono a migliaia, e sai perché sono belle?

Perché stanno lontano, come te!

L’angolo della Poesia

Comm’è brutta ‘a vicchiàia

Pàsseno l’anne e ce facimmo viecchie,

è sulo nu ricordo ‘a giuventù,

tremmano ‘e gamme, nun sentene ‘e rrecchie,

manco stu core ce vò bene cchiù.

Nun può magnà frittura, niente sale,

nun può vevere vino, né fumà,

‘e mmulignane te ponno fa male,

e na femmena ‘a può sulo guardà.

‘Na puntura me faccio ogne matina,

primma ‘e magnà me piglio ddoie cumpresse,

a ttavula me vevo idrolitina,

e mangio ‘e stessi cose, sempe ‘e stesse.

Si, ‘e miedece me teneno a stecchette,

me privo ‘e tutto senza prutestà.

Senza femmene, vino e sicarette,

dicite vuie, uno che campa a ffà?

F. Scozio

Versione

Come è brutta la vecchiaia

Passano gli anni e ci facciamo vecchi,

è solo un ricordo la gioventù,

tremano le gambe, non sentono le orecchie,

anche questo cuore non ci vuole bene più.

Non puoi mangiare frittura, niente sale,

non puoi bere vino, ne fumare,

le melanzane possono farti male,

e una femmina la puoi solo guardare.

Un iniezione mi faccio ogni mattina,

prima di mangiare mi prendo due compresse,

a tavola bevo idrolitina, (una bustina che si metteva nell’acqua per farla diventare frizzante)

e mangio le stesse cose, sempre le stesse.

Si i medici mi tengono a stecchetto,

mi privo di tutto senza protestare.

Senza femmine, vino e sigarette,

mi dite voi, uno che ci campa a fare (che vita è, meglio morire)

L’angolo della Poesia

Nnant’  ‘o spècchio

Spisse vote nnant’  ‘o specchio

Faccio ‘o cunto e nun me trovo:

tanta zille sempe ‘e meno

tanta rappe semp’  ‘e cchiù!

Forse è ‘o vino ca me vèvo!

‘O cafè, ‘e sicarette.

Tutte cose ca, ormai è certo,

fanno male a sta carretta.

M’haggi’  ‘a da’ forse nu freno?

M’haggi’  ‘a da’ na regolata?

Cu na vita cchiù pulita

Stu malanno passarrà?

Ma stu specchio, faccia tosta,

ca buscie nun dice mai

me risponne “Un è na chiaia,

Piezz’ ‘e sce’, chesta è ‘a vicchiaia!

C. Primavera

La versione della poesia di oggi

Davanti allo specchio

Spesse volte davanti allo specchio

Faccio i conti e non mi trovo:

tanti capelli sempre di meno

tante rughe sempre di più!

Forse è il vino che mi bevo?

Il caffè, le sigarette.

Tutte cose che, ormai è accertato,

fanno male a questo mio corpo.

Mi devo dare forse un freno? (a questi vizi)

Mi devo dare una regolata?

Con una vita più sana

Questi problemi passeranno?

Ma questo specchio, che ha la faccia tosta, (riflette la verità)

le bugie non le dice mai

mi risponde “Non è una piaga,

Pezzo di scemo, questa è la vecchiaia!”