Tag: poesia napoletana

L’angolo della Poesia

Pe’ ghj’ int’ a Banca

Na vota a ghj’ int’a Banca, che paura!

Te putive patè quacche rapina.

Mo, pe’ trasì, se trase a carne annura;

state a sentì chello ca se cumbina.

Hanno miso “n’affare” mpont’  ‘e pporte,

pe’ fa’ trasì ‘e perzone a una a una.

E tanto è ‘o tiempo ca, mannaggia ‘a morte,

trase cu’  ‘o sole e ghiesce sott’  ‘a luna.

Tu nun trase, si puorte fierre appriesso:

‘a currèa, na catena, ‘e sorde ‘e spicce.

E rieste fermo, cu na faccia ‘e fesso

E “l’affare” nun gira e fa ‘e capricce.

Pe’ ghjì int’a Banca pe’ na cosa urgente

T’he a levà ‘e panne a cuollo mmiez’  ‘a gente.

L’ata matina io e l’amico Armando

Trasettemo sultanto cu’  ‘e mutande.

E accussi, p’evità quacche rapina

Trase int’  ‘a Banca peggio ‘e na mappina.

A.de Lucia

L’angolo della Poesia

Provvidenza

Io tengo ‘nu cumpare

ca veramente è buono comme ‘o ppane.

‘na Pasca a mme me pare,

pe’ quanto è buono po’ tanto è alla mano.

Aggia pavà ‘o pesone?

E stu cumpare mette mano a’ sacca.

Niente le fa impressione:

pe’ mme ‘e denare proprio ‘e ghiètte a ssacco.

E’ proprio na putenza.

Chistu cumpare tanto affezionato …

‘Na vera provvidenza

ca me mantene ‘a ogni ‘nciambeccata …

Mogliema me mulesta,

ma quanno sta ‘o cumpare in casa mia …

p’essa e pe’ mme è ‘na festa …

io sulo tanno stongo ‘ngrazia ‘e Ddio!

G. Di Roberto

L’angolo della Poesia

Decisione – versione

Mi piacerebbe comprare un uccellino,

per sistemarlo fuori al balcone,

per sentirlo cantare a tutte le ore

insieme a tutti gli uccellini del rione.

Mi fermo spesso al negozio degli animali,

lo scelgo, lo guardo, e contratto anche il prezzo,

ma poi mi manca sempre di decidere

e, ringraziando, dico “Poi ci penso”.

Non è per il prezzo, no, per l’amor di Dio,

la questione è solo di coscienza;

un uccellino in una gabbia non sta bene

e a me sembrerebbe proprio una violenza.

Anche per me è stata la stessa cosa,

e, per poter vivere senza sorprese,

mi sono infilato dentro una gabbia

perdendo la libertà per pochi soldi al mese.

Però non mi lamento, lo dico per davvero,

perché dentro quella gabbia ci trovai

un’altra creatura, l’anima gemella,

e mi dimenticai che stavo in una cella.

Perciò tenendo conto di questo fatto,

ho deciso che mi tolgo lo sfizio.

Però nella gabbia sai cosa faccio?

Ci metto una canarina e un cardellino.

(M. Lianza)

L’angolo della Poesia

Il luciano del Re – Versione

La libertà! … Questa malora nera

che ci ha ridotti senza pelle addosso! …

La libertà … questa falsa promessa

che ti fa tante cerimonie e moine! …

Poi quando ti ha spogliato, buonasera!

Sempre la barca naviga e la fava si cuoce,

e tu, disossato come l’osso del cane,

resti con un pugno di mosche in mano! …

La libertà! … Invidio chi vi è nato! (libero)

L’avete tanto chiesta che è venuta!

Ne sono morte di persone! E’ stato gettato

a fiumi, il sangue, sotto le baionette! …

Adesso vorrei vedere resuscitato

Il Re che non la voleva e che non la volle!

E lui, che è stato definito un traditore,

si farebbe tante risate di cuore!

(F. Russo)

L’angolo della Poesia

Ragazzi di scuola – versione

Ragazzi di scuola voi mi ricordate

una bella età che non ritorna più

quando nel banco io stavo seduto

con il grembiulino nero e il fiocco blu.

E a quei tempi tutto questo progresso

che voi avete adesso, non esisteva,

per gli anni interi tutto era sempre lo stesso

l’uomo sulla luna chi te lo dava?

Per incantarci ci raccontavano le storielle

con le fate, gli orchi, i nani e Biancaneve,

quando poi siamo diventati più grandicelli

in classe si leggeva il libro “Cuore”.

Allora un silenzio accompagnava

la voce della maestra rotta dal pianto

e alla fine del capitolo scoppiava

di commozione la classe intera.

Adesso avete Goldrek, un robot d’acciaio,

con i missili e alabarda spaziale,

le storie degli Ufo robot che sono molto belle

ma parlano di armi micidiali

che fanno solo guai e distruzioni

sempre e solo contro l’umanità;

scazzottate, laser, sopraffazioni,

che ti tolgono dal cuore ogni pietà.

Fate come vi dico, una volta ancora,

in mezzo a tutte queste cose moderne che avete

mettetecelo questo pezzettino di cuore,

questo libro così bello e poi vedrete

che cosa vi possono dire: Ferruccio, Naufragio,

Il Piccolo Scrivano Fiorentino,

La Vedetta Lombarda con il suo coraggio,

tutta una vita di scuola con la maestra.

Sono i sentimenti, ricordatevelo,

che possono far cambiare questa umanità

e voi che siete ancora ragazzini

datevi la mano, aiutateci a sperare.

(L. Piedimonte Celentano)