Tag: poeti dialettali

L’angolo della Poesia

Senza nisciuno

Vuje ca saglite, allere, p’  ‘e Camàndole,

nnammuratielle doce e furtunate,

cuglienno ciclamine e vviole mammole,

‘e primme ‘e chesta estate;

guditeve felice st’ora ‘e balzamo,

chest’ora ‘e ggioia ca ve regna attuòrno …

Vasateve, ca ammore è nu miracolo …

Nun ve mettite scuorno!

Io nun ve guardo … Io so’ nu sulitario

ca saglie stanco ‘a strata prufumata …

E mmèreto pietà … me chiagne l’anema:

nun tengo ‘a  ‘nnammurata!

Cammino recitanno nu rusario

ca sulo na preghiera me sustene.

E saglio io sulo, ncopp’  ‘a sti Camàndole

Pecchè aggio perzo ‘o bene!

(G. Aliperti)

L’angolo della Poesia

‘A cura – 2

Quanno facette na penzata ‘e bella:

invece ‘e mme spedì sta mmedicina,

io m’accattaie nu chilo ‘e muzzarella,

sei felle ‘arrusto e nu peretto ‘e vino.

Po’ me ne jette a’ casa e (nce credite?)

Penzai sulo a magnà, tutt’  ‘a semmàna,

e quanno me sentètte ormai guarito

turnai add’  ‘o “San Ciro Toccasana”.

L’amico fuie cuntento e me vedè,

fece na festa appena ca trasette,

sicuro ‘avè salvato pure a me,

quase paternamente me dicette:

  • Amico caro, che soddisfazione

‘e te vedè cchiù meglio, stamattina!

Si vede ca te stai curanno buono

e ca t’ha fatto bene ‘a mmedicina. –

Io – Terra agliùtteme! – penzai fra me,

si appùra ‘a verità, vide che scuorno!

Nguente … serenghe … L’avesse ‘a sapè

‘a cura ch’aggio fatto chisti journe! –

Po’ lle dicette: – E mo ch’ato aggio ‘a fa?

Isso me rispunnette: Stai guarenno?

Embè, che ato ancora t’aggio ‘a dà?

Cuntinua ‘a cura ca già stai facenno!

S. Tolino

L’angolo della Poesia

‘A cura

Io, spisso, me trattengo na mez’ora

ncopp’a nu studio medico privato,

addò tengo n’amico prufessore

ch’è n’arca ‘e scienza, n’ommo assai stimato.

Nu miedeco che, a ditta d’  ‘e cliente,

è na specie ‘e San Ciro, bravo e santo,

uno ca fa sta’ bbona tutt’  ‘a gente

e sceta ‘e muorte  ‘a dint’  ‘o campusanto.

Nu juorno m’abbuscai na malatia

e dall’amico mièdeco currette.

Isso me guarda e dice: – Amico mio,

mmo mmo vatt’a spedì chesta ricetta,

curre add’  ‘o farmacista cchiù vicino,

ca chesta malatia me fa paura,

e sùbbeto accummièncete sta cura. –

Io, pigliata ‘a ricetta, ‘o salutaie,

po, appena for’  ‘a porta, a uocchio a uocchio,

dette nu sguardo a ‘o foglio, e ce truvaie

na lista longa ‘e gnòtele e papocchie.

Pumate, chiaste, pìnnule, supposte,

serènghe, nterocrìseme, salasse …

Liggenno tutto chillo fattapposte

già steva pe venirme nu cullasso.

S. Tolino – Continua domani

L’angolo della Poesia

‘A dièta

  • Lo so, signore mio … cheste so’  ‘e diete!

me dicette ‘o dottore Maccarella.

Così vi scende il poco di diabete;

tornate asciutto, cu’  ‘a figura snella.

Fate sempre attenzione alla cucina!

quaranta gramme ‘e pasta scaurata;

tanta n’avit’  avè, sera e matina,

con duecento di frutta e d’insalata.

Levate ‘o vino, ‘e pizze, ‘e marennèlle …

Pe’ vuje nun ce sta cchiù nu muorzo doce.

Avit’addeventà tutt’ossa e pelle …

Doppo otto giorni già pesate tanto …

E io rispunnette, cu’ nu filo ‘e voce,

  • E dopo un mese vaco a ‘o campusanto!

A.De Lucia

L’angolo della Poesia

E’ asciuto pazzo ‘o patrone!

Gente!

E’ asciuto pazzo ‘o patrone!

Accattàteve sti palazze,

io v’  ‘e ddongo cu tutt’  ‘o Sole,

chin’  ‘e strille, chin’  ‘e parole:

aite voglia  ‘e ve ce spassà!

Ve pigliate na vranca  ‘e strade

cu na folla e nu muvimento

ch’è nu vero divertimento

pe’ chi accatta senza penzà.

E scigliteve quatte viche,

ch’  ‘e puteche e cu tutt’  ‘e vasce

addò  ‘a ggente ce more e ce nnasce

e ce nasce pe’ nce murì.

Ve piacessene ‘e monumente?

Chille vanno pe’ senza niente:

pe’ nu soldo n’avite ciente,

v’  ‘e sciglite senza cuntà!

Eduardo De Filippo – 1946

L’angolo della Poesia

Pe’ ghj’ int’ a Banca

Na vota a ghj’ int’a Banca, che paura!

Te putive patè quacche rapina.

Mo, pe’ trasì, se trase a carne annura;

state a sentì chello ca se cumbina.

Hanno miso “n’affare” mpont’  ‘e pporte,

pe’ fa’ trasì ‘e perzone a una a una.

E tanto è ‘o tiempo ca, mannaggia ‘a morte,

trase cu’  ‘o sole e ghiesce sott’  ‘a luna.

Tu nun trase, si puorte fierre appriesso:

‘a currèa, na catena, ‘e sorde ‘e spicce.

E rieste fermo, cu na faccia ‘e fesso

E “l’affare” nun gira e fa ‘e capricce.

Pe’ ghjì int’a Banca pe’ na cosa urgente

T’he a levà ‘e panne a cuollo mmiez’  ‘a gente.

L’ata matina io e l’amico Armando

Trasettemo sultanto cu’  ‘e mutande.

E accussi, p’evità quacche rapina

Trase int’  ‘a Banca peggio ‘e na mappina.

A.de Lucia

L’angolo della Poesia

‘O terminale

‘O funzionario ‘a chiamma “terminale”

Sta machina ca tène ‘a banca ‘e credito:

è peggio ‘e ‘na capèra, bene o male,

te dice ore e minute, a spuse e scapule,

‘a situazione toia patrimoniale.

Stu cuntatore can un conta stroppule,

è meglio d’  ‘a valanza d’  ‘o speziale:

te pesa ‘e llire, senza fa miracule …

Sulo cu me, comm’  ‘o facesse apposta,

si ‘a faccio interrogà se piglia ‘o lusso

‘e scioperà, lle manca semp’  ‘agnosta …

Ma appena ca le fanno ‘o liscebbusso,

c’  ‘a faccia amara, torna a dà ‘a risposta

e pe dispietto segna sempe russo …

A.Ferraro