Tag: poeti

L’angolo della Poesia

Pe’ ghj’ int’ a Banca

Na vota a ghj’ int’a Banca, che paura!

Te putive patè quacche rapina.

Mo, pe’ trasì, se trase a carne annura;

state a sentì chello ca se cumbina.

Hanno miso “n’affare” mpont’  ‘e pporte,

pe’ fa’ trasì ‘e perzone a una a una.

E tanto è ‘o tiempo ca, mannaggia ‘a morte,

trase cu’  ‘o sole e ghiesce sott’  ‘a luna.

Tu nun trase, si puorte fierre appriesso:

‘a currèa, na catena, ‘e sorde ‘e spicce.

E rieste fermo, cu na faccia ‘e fesso

E “l’affare” nun gira e fa ‘e capricce.

Pe’ ghjì int’a Banca pe’ na cosa urgente

T’he a levà ‘e panne a cuollo mmiez’  ‘a gente.

L’ata matina io e l’amico Armando

Trasettemo sultanto cu’  ‘e mutande.

E accussi, p’evità quacche rapina

Trase int’  ‘a Banca peggio ‘e na mappina.

A.de Lucia

L’angolo della Poesia

‘O terminale

‘O funzionario ‘a chiamma “terminale”

Sta machina ca tène ‘a banca ‘e credito:

è peggio ‘e ‘na capèra, bene o male,

te dice ore e minute, a spuse e scapule,

‘a situazione toia patrimoniale.

Stu cuntatore can un conta stroppule,

è meglio d’  ‘a valanza d’  ‘o speziale:

te pesa ‘e llire, senza fa miracule …

Sulo cu me, comm’  ‘o facesse apposta,

si ‘a faccio interrogà se piglia ‘o lusso

‘e scioperà, lle manca semp’  ‘agnosta …

Ma appena ca le fanno ‘o liscebbusso,

c’  ‘a faccia amara, torna a dà ‘a risposta

e pe dispietto segna sempe russo …

A.Ferraro

L’angolo della Poesia

‘O miraculo ‘e San Gennaro

‘O juorno ‘e San Gennaro, ‘o Viscuvato

se regne ‘e gente, e tanto è ‘o serra-serra,

ca nun se po’ sta manco addenucchiato,

e si cade na spilla, nun va nterra.

E’ cosa ‘e pazze, chello che succede,

chello che te cumbina chesta folla!

Iastemma dint’  ‘a chiesa! – ma cu fede –

pe’ fa’ cchiu ampressa sciogliere l’ampolla.

E mentre ncopp’altare, addenucchiato,

prega nnanz’  ‘e vaschette, ‘o Cardinale,

‘o sango, ch’era sicco e mpusumato,

se scioglie e piglia ‘a forma naturale.

Ncopp’a stu fatto, ca nun ce sta eguale,

‘a gente fa nu sacco e prufezie,

eppure fore ‘a chiesia quantu mmale!

Quanta malvagità pe’ mmiez’  ‘e vie!

Tu, San Gennà, si ovèro nce vuò bene,                  

facce campà nu poco cchiù ‘a crestiane,

‘a mano ‘e chi vo’ accidere mantiene,

nun ce fa’ maie mancà nu muorzo ‘e pane.

E si nun sciuoglie ‘o sango, nun fa niente,

basta ca sciuoglie cu na mossa sola,

‘o gelo ‘e dint’  ‘o core ‘e tanta gente,

 ca nun tene a nisciuno ch’  ‘a cunzola.

A.Arrichiello

L’angolo della Poesia

‘O Miraculo

Miracolo ‘a stu munno chi nn’ha visto?

nisciuno po’ vantà stu fatto raro.

Cchiù ‘è ciento ne facette Gesù Cristo,

mo’ c’è rimasto sulo San Gennaro.

E c’è nu Gennarino, a stu paese,

ca fa trenta miracule ogne mese!

Cu’ ddiece figlie, ‘a moglie, ‘a mamma e ‘a sora,

‘e chisti tiempe … nun è muorto ancora!

G. Aliperti

L’angolo della Poesia

‘A maruzza e ‘a nnamurata mia

Maruzza ca vaje chianu chianu chiano

e ca pe fa nu palmo miette n’ora,

nisciuno vene pe’ te dà na mano

a strascenà sta casa? che bonora!

“Chi va chiano, va sano e va luntano”,

è overo, ma tu tiene ll’uocchie ‘a fora …

e muove ‘e ccorna, t’affatiche e lasse

na striscia ‘argiento fino pe do passe …

‘A nnamurata mia – viata a essa! –

fa ciento miglia senza se stancà.

Dice che va p’  ‘a spesa, va p’  ‘a messa.

Ma è nu mistero! può capì addò va? …

Maruzza mia, chella va tanto ‘e pressa

ca ‘e nnuvole ce vonno p’arrivà.

Ma è bella assai! E i’ tremmo, saie pecché?

tu ‘e ccorna ‘e ttiene, chella ‘e po’ ffa a me …

G. Panza

L’angolo della Poesia

Provvidenza

Io tengo ‘nu cumpare

ca veramente è buono comme ‘o ppane.

‘na Pasca a mme me pare,

pe’ quanto è buono po’ tanto è alla mano.

Aggia pavà ‘o pesone?

E stu cumpare mette mano a’ sacca.

Niente le fa impressione:

pe’ mme ‘e denare proprio ‘e ghiètte a ssacco.

E’ proprio na putenza.

Chistu cumpare tanto affezionato …

‘Na vera provvidenza

ca me mantene ‘a ogni ‘nciambeccata …

Mogliema me mulesta,

ma quanno sta ‘o cumpare in casa mia …

p’essa e pe’ mme è ‘na festa …

io sulo tanno stongo ‘ngrazia ‘e Ddio!

G. Di Roberto

L’angolo della Poesia

L’umanità

‘A gente ca cammina ‘n miezo ‘a via,

cu’  ‘a faccia allera e ll’aria indifferente,

nun dice ‘a verità e, umanamente,

s’è mmisa ‘a maschera d’  ‘a fentaria.

Se invece ‘e mustà ‘a faccia, chesta gente,

mustàsse ‘o core, allora vedarriste

gente ‘nchiuvate ‘n croce comm’ a Cristo

e ‘o core caccià lacreme cucente.

Ognuno tene ‘n cuorpo pene amare,

palpite, spine, trièmmole e paure,

‘o core è straziato da ‘e dulure

Songo tragedie grosse quant’  ‘o mare:

chi cu’  ‘o marito “a spasso” ‘n miezo ‘a via

oppure cu’ nu figlio carcerato

o, peggio ancora, fràceto, drogato,

o sta tremmanno pe’ na malatia.

Tutta l’umanità se porta doce,

indifferentemente e rassignata,

quase quase se fosse abituata,

chillu pezzullo, ca le spetta, ‘e Croce.

V. Fasciglione