Tag: salute

Pillole & Pasticche – 2

Avete mai notato che alcune compresse contengono la stessa identica quantità di principio attivo, eppure non hanno la stessa efficacia? Sembra assurdo, invece non lo è affatto.

Il 90% di ogni pillola, infatti è costituito dagli eccipienti, elementi grazie ai quali il farmaco diventa compressa confetto, capsula, pillola o pastiglia. E che hanno inoltre varie funzioni, da quella di rendere inalterabile il principio attivo a quella di tenere insieme la compressa o darle il giusto peso. Oltre, naturalmente, a stabilire dove il farmaco entrerà in azione: nello stomaco, nel duodeno o anche nella parte finale dell’intestino (è il caso dei farmaci contro l’artrosi, che si prendono alla sera ma devono agire al mattino, per contrastare la rigidità e il dolore agli arti). Esistono anche pasticche a strati: studiate cioè per rilasciare una parte di medicinale nello stomaco e un’altra parte nell’intestino, dopo parecchie ore.

Prima di arrivare a un simile livello di raffinatezza, però, si è dovuta percorrere una strada molto lunga. Le prime pillole che si ricordino furono infatti prodotte 4 mila anni fa in Cina e India: contenevano zenzero (anti-nausea), rabarbaro (lassativo), papavero (stimolante) e ginseng (tonico). In Europa, le pillole di gran lunga più importanti e più longeve, anche se ormai dimenticate, sono quelle di “teriaca” un antiveleno inventato da Mitridate, re del Ponto. Mitridate le usava così spesso che divenne addirittura immune al veleno e, quando cercò di usarlo per suicidarsi non ci riuscì: dovette usare la spada. La teriaca venne usata fino al Medioevo e oltre, benché fosse di difficilissima preparazione: nelle compresse (che all’epoca si chiamavano “trocisci”) dovevano trovare posto, oltre alla carne di vipera, altri 57 ingredienti.

Benché sia difficile negare l’utilità delle pillole, non ci si può nascondere che in alcuni casi l’effetto non è quello atteso. Secondo i medici, gli eventi inattesi che si possono presentare dopo aver ingoiato una pillola sono raggruppabili in cinque categorie (negative) più una (positiva). Quella positiva è l’effetto placebo, che in alcuni disturbi riduce i sintomi fino al 50%: si tratta di un processo di autoguarigione, indipendente dal medicinale assunto. E quelle negative? E gli eventi negativi?

Prima di tutto ci sono gli effetti collaterali (alcuni antistaminici, per esempio, provocano sonnolenza); poi gli effetti tossici (sostanze dette fans, come l’aspirina, possono provocare lesioni simili a ulcere in stomaco e intestino); gli effetti iatrogeni (cioè disturbi permanenti… ci sono antibiotici che, raramente, danno sordità); gli effetti paradosso, quando il farmaco provoca proprio la malattia che dovrebbe curare (accade per esempio con alcuni antiasmatici) e infine gli effetti bizzarri, cioè reazioni impreviste e assurde… come un antigotta, che può addirittura ridurre in alcuni casi la lunghezza delle dita delle mani. Come fa? Riassorbendo i “calli gottosi” può riassorbire – una volta su un milione – anche parte dell’articolazione.

Esistono però pillole ben più strane, anche se con effetti perfettamente prevedibili: come la “radiopillola” messa a punto dalla Johns Hopkins University: serve a misurare la temperatura interna del corpo, con l’accuratezza di 0,1°C, e a trasmettere via radio le sue rilevazioni almeno per 24 ore, prima di essere… espulsa. E’ stata sperimentata da alpinisti che hanno scalato l’Everest. Ancora più incredibile è la videopillola: un sistema innovativo per effettuare la gastroscopia, ideato dall’israeliana Given Imaging: si tratta di una capsula capace di raccogliere segnali video durante il passaggio nel tratto gastrointestinale, sostituendo le sonde, fastidiose e dolorose. Lunga 3 cm, funziona sfruttando due minuscole fonti di illuminazione interne, un sensore e un trasmettitore alimentati da due microbatterie. Fine.

Pillole & Pasticche

Pillole – piccole sferiche, un tempo erano confezionate dai farmacisti.

Compresse – di aspetto rugoso, sono formate compattando principi attivi in polvere. Se hanno un rivestimento in zucchero si chiamano confetti.

Pastiglie – sono quelle che si sciolgono in bocca. Un sinonimo, talora usato per le droghe, è pasticche.

Capsule – L’involucro esterno è di gelatina, rigida o molle, a elevata disgregabilità per un’azione più rapida.

Soltanto in Italia si vendono ogni anno 1,5 miliardi di confezioni medicinali, che contengono circa 20 miliardi di pillole, 600 al secondo. Nel mondo, il record assoluto va a una decina di nomi (per esempio alcuni farmaci contro l’ulcera o anticolesterolo) di ciascuno dei quali si producono, ogni anno, circa 4,5 miliardi di pezzi. E non è finita, perché sotto forma di pillole non si vendono soltanto molti medicinali, ma anche droghe come l’ecstasy, integratori alimentari, vitamine, specialità dimagranti e così via.

Ma che cosa succede quando inghiottiamo una pillola, indipendentemente dal suo contenuto?

Proviamo a rispondere seguendone il cammino passo passo.

Farmaco a orologeria

Immediatamente dopo averla ingerita, la compressa (o la capsula) viene sospinta, attraverso i movimenti ritmici dell’esofago nello stomaco. Se l’assunzione avviene con un po’ d’acqua, e se l’esofago non ha problemi di adesione, la compressa raggiunge lo stomaco nell’arco di 5-10 secondi. Unica eccezione, le pastiglie che si sciolgono in bocca, come i disinfettanti del cavo orale o come alcuni anti-infarto che si fanno sciogliere sotto la lingua: il caso più noto è quello della nitroglicerina. Una curiosità: le pastiglie sublinguali sono le uniche confezionate in forme strane – per esempio a triangolo – proprio per evitare che vengano inghiottite accidentalmente. Se lo stomaco è vuoto e la compressa facile da disgregare (come le capsule), il principio attivo è pronto ad agire in un tempo variabile da 2 a 10 minuti. E nel caso di sostanze facili da assorbire in ambiente acido, come gli analgesici, comincia ad essere assorbito già a livello dello stomaco. Sono passati circa 20 minuti. Per accelerare questa fase, oggi vengono prodotti anche farmaci che contengono il principio attivo già sotto forma di una goccia di liquido.

Se il principio attivo viene assorbito meglio in ambiente alcalino (il contrario di acido), bisogna attendere il passaggio della compressa, ormai disgregata, nel duodeno e nell’intestino tenue. Qui agisce la gran parte dei medicinali: dagli psicofarmaci agli antibiotici. Il tempo di passaggio dipende dal contenuto dello stomaco: si va dai 15 minuti alle 6 ore.

Il principio attivo attraversa quindi la mucosa gastrica, o quella intestinale, e raggiunge il fegato (nel migliore dei casi, sono passati da 20 a 40 minuti. Da parte sua il fegato svolge il consueto lavoro di demolizione e disattiva il principio attivo… ma non del tutto: dal 20% al 95% della sostanza supera la barriera e si riversa nel sangue. Sono passati nella maggioranza dei casi, 30-45 minuti. Il farmaco continua a svolgere la sua azione nel corpo finché gli enzimi del fegato non lo disattivano del tutto, e proprio questa azione di demolizione produce uno dei più classici effetti collaterali di quasi tutte le pastiglie medicinali: un cambiamento nel colore dell’urina. Il fegato, infatti, incolla alla sostanza da eliminare un veicolante (come l’acido glucuronico) che la aiuterà a viaggiare verso i reni sono passati 60-180 minuti. Ed è proprio questo veicolante a rendere la pipì giallo brillante o addirittura bruna. Continua.

La salute dalla A alla Zeta – Dizionario della salute – 10

Infezioni trasmesse dall’acqua

La leptospirosi è provocata dal contatto con acqua contaminata da urina di ratto; i più esposti al rischio di contrarre questa malattia sono gli individui che lavorano nelle fognature e nei canali.

Nei paesi tropicali, nuotare o andare sott’acqua nei fiumi, nel laghi e negli stagni è altamente sconsigliabile a causa del rischio di contrarre la schistosomiasi (detta anche bilharziosi), grave malattia provocata da un trematode che può scavare gallerie nella pelle del nuotatore. Il “prurito del nuotatore” è provocato da un tipo simile di trematode, che scava gallerie nella pelle e provoca un’eruzione cutanea pruriginosa. Talvolta si sono verificate epidemie di questa malattia.

Altri meccanismi di infezione attraverso l’acqua

I pesci, soprattutto i molluschi, che vivono in acque contaminate possono concentrare nel loro corpo microrganismi patogeni. Devono essere lavati e preparati con molta attenzione e poi cotti rapidamente e adeguatamente per prevenire la comparsa di epatite, stati di tipo coleroso, tossinfezione o infestazioni da vermi a nastro.

La malattia dei legionari è provocata da un batterio che può contaminare le condutture dell’acqua di grandi edifici. Apparentemente, questa malattia non viene contratta mediante l’ingestione di acqua contaminata; il meccanismo dell’infezione sembra essere l’inspirazione dalle docce o dai sistemi di condizionamento dell’aria.

Acqua, intossicazione da

Condizione provocata da una ritenzione eccessiva di acqua nell’encefalo. I principali sintomi sono cefalea, stordimento, nausea, confusione e, nei casi più gravi, convulsioni e perdita della coscienza.

Varie malattie possono alterare l’equilibrio idrico dell’organismo, provocando un accumulo di acqua in alcuni tessuti, tra cui l’encefalo. Queste malattie sono: insufficienza renale, cirrosi epatica, grave scompenso cardiaco, malattie delle ghiandole surrenali e alcuni tumori polmonari o ovarici che producono una sostanza dotata di un’azione simile a quella dell’ormone antidiuretico (ADH).

Inoltre, esiste un rischio di intossicazione da acqua nelle 48 ore successive a un intervento chirurgico perché lo stress dell’intervento causa un aumento della produzione di ADH. L’intossicazione da acqua può verificarsi anche durante l’induzione del parto con ossitocina. Fine

La salute dalla A alla Zeta – Dizionario della salute – 9

Infezioni trasmesse dall’acqua

L’acqua può rappresentare una fonte di infezioni se contiene microrganismi patogeni o parassiti e viene bevuta o usata per le cotture dei cibi o per il gioco.

Acqua potabile

A livello mondiale, la contaminazione dell’acqua potabile rappresenta un importante mezzo di diffusione di malattie come l’epatite virale, vari tipi di diarrea, tifo, amebiasi di origine virale o batterica e alcuni tipi di infestazioni da vermi.

La contaminazione dell’acqua è provocata dallo scarico di escrementi umani o animali contenenti microrganismi patogeni in fiumi, laghi, cisterne o pozzi, usati come fonti di acqua potabile. Tale scarico può essere diretto o derivare da mancato trattamento dei liquami. Può essere anche conseguente al contatto accidentale tra le tubature fognarie e quelle dell’acqua potabile. Questo può verificarsi per esempio, in una città colpita da un grave terremoto.

Nei paesi industrializzati, i rischi di trasmissione di infezioni con l’acqua sono ridotti al minimo per la presenza di attrezzature igieniche, il trattamento e l’eliminazione dei liquami, la sterilizzazione e il controllo dell’acqua, prima che giunga ai rubinetti domestici. Quindi, in genere, l’acqua di rubinetto è sicura, a meno che non scatti una precisa ordinanza che ne proibisca il consumo.

Nei paesi in via di sviluppo, i servizi igienici, l’eliminazione dei liquami e il trattamento dell’acqua sono talvolta insoddisfacenti. Di conseguenza, parte della popolazione può essere più facilmente portatrice dei tipi di microrganismi patogeni trasmessi con l’acqua. Quindi, nei paesi più poveri, è preferibile non bere acqua di rubinetto e considerare sempre con sospetto l’acqua prelevata direttamente dai fiumi, dai laghi e dai pozzi.

Prevenzione delle infezioni

In genere se non è disponibile acqua potabile sicura, ci si può affidare all’acqua o a bevande in bottiglie o in lattina di marche note; non si devono mettere nelle bevande cubetti di ghiaccio preparati con acqua sospetta. Di solito, l’acqua piovana è priva di microrganismi patogeni, se non viene lasciata depositare a lungo, quindi può essere bevuta.

Prima di bere acqua probabilmente infetta, la si deve sterilizzare. Il metodo più affidabile è rappresentato dalla bollitura per cinque minuti, che uccide eventuali microrganismi patogeni. Se non si può bollire l’acqua è possibile filtrarla e poi sterilizzarla con mezzi chimici. Il filtraggio serve a rimuovere eventuali particelle in sospensione, che possono contenere microrganismi patogeni e ridurre l’utilità della sterilizzazione. Esistono diversi tipi di filtri: alcuni asportano, oltre alle particelle inanimate, anche i batteri e altri microrganismi patogeni. Si dovrebbero seguire alla lettera le indicazioni del fabbricante. Per la sterilizzazione chimica vengono usate compresse disinfettanti, contenenti cloro e iodio. L’acqua può essere usata 20-30 minuti dopo il trattamento.

Verdure o altri alimenti lavati in acqua sospetta possono essere mangiati solo dopo una cottura adeguata.

Immersione in acqua

Nuotare in acque inquinate provoca facilmente infezione dell’orecchio. Questo rischio può essere ridotto al minimo inclinando la testa a destra e a sinistra e scuotendola dopo la nuotata, per eliminare l’acqua dal condotto uditivo esterno.

La maggioranza dei nuotatori deglutisce sempre inavvertitamente un po’ d’acqua. Se l’acqua è contaminata, esiste il rischio di contrarre una delle malattie tipiche da ingestione di acqua inquinata. E’ quindi fortemente sconsigliabile nuotare nei fiumi in cui possono affluire scarichi fognari (per esempio, a valle di una città) o in mare, vicino a località costiere di grandi dimensioni. Continua domani.

La salute dalla A alla Zeta – Dizionario della salute – 8

Acqua

Per quanto sia una sostanza semplice (formata da due atomi di idrogeno legati a un atomo di ossigeno, H2O), l’acqua è essenziale per tutte le manifestazioni della vita. Talune forme di vita semplici, per esempio alcuni microorganismi, possono sopravvivere in uno stato di sospensione della vitalità per anni o decenni, senza acqua. Tuttavia anch’esse hanno bisogno di acqua per compiere funzioni come la crescita e la riproduzione.

L’acqua è la sostanza più diffusa nel corpo umano (e anche una delle più abbondanti sulla Terra). Il 99% circa delle molecole dell’organismo è formato da acqua, che rappresenta però una percentuale minore del peso corporeo (il 60% circa, in un uomo di media corporatura). Quindi un uomo che pesi 70 kg contiene circa 42 litri di acqua, di cui circa 28 si trovano all’interno delle cellule e 14 litri sono invece extracellulare. Circa 3-4 litri di acqua extracellulare si trovano nel plasma sanguigno, nella linfa e nel liquido cerebrospinale; i restanti 10-11 litri sono nel liquido tessutale.

Ruolo nell’organismo

L’acqua è indispensabile all’esistenza perché rappresenta il mezzo in cui avvengono tutte le reazioni metaboliche. E’ anche il mezzo di trasporto delle sostanze disciolte in essa, come gli ioni. Il plasma sanguigno porta l’acqua a tutti i tessuti del corpo; asporta anche gli eccessi di acqua dai tessuti perché venga eliminato dall’organismo a opera del fegato, dei reni, dei polmoni e della pelle. Lo scambio di acqua tra il sangue e le cellule dei tessuti avviene attraverso il liquido tessutale, in cui sono immersi tutti gli elementi cellulari. Il passaggio dell’acqua presente nel liquido tessutale all’interno e all’esterno delle cellule avviene attraverso un processo chiamato osmosi.

Equilibrio idrico

L’acqua viene assunta nell’organismo non solo attraverso le bevande ma anche tramite i cibi; inoltre, una piccola quantità di acqua si forma all’interno del corpo dal metabolismo degli alimenti (acqua metabolica). L’acqua esce dal corpo sotto forma di urina, di sudore, di feci e di vapore acqueo che viene eliminato insieme all’aria espirata.

La quantità di acqua che va perduta sotto forma di vapore dipende tuttavia dall’attività fisica e dalla temperatura esterna; la quantità che viene eliminata dall’organismo sotto forma di urina dipende in gran parte dalla quantità di liquidi ingerita.

Per un adeguato funzionamento dei processi metabolici, la quantità di acqua presente nell’organismo deve restare all’interno di limiti relativamente ristretti; questa stabilità viene ottenuta attraverso l’attività dei reni, che controllano l’equilibrio tra assunzione ed eliminazione dei liquidi regolando la quantità di acqua escreta dall’organismo con l’urina. Il volume minimo giornaliero di urina necessario per eliminare le scorie dall’organismo e 0,5 litri; tuttavia, in genere, la maggior parte degli adulti sani produce circa 1,5 litri di urina al giorno. La quantità di urina escreta al di sopra del minimo viene controllata soprattutto dall’ADH (ormone antidiuretico), prodotto dalla parte posteriore dell’ipofisi, che agisce sui reni riducendo l’escrezione dell’acqua.

L’equilibrio idrico dell’organismo viene regolato anche mediante un altro meccanismo. Se c’è un eccesso di qualsiasi sostanza (per esempio, zucchero o sale) sciolta nel sangue, che deve essere escreta dal rene, è necessaria una maggiore quantità di acqua per compiere questa funzione. Ciò può provocare disidratazione nonostante un aumento della produzione di ADH, tuttavia, in genere, l’eccesso è compensato da un aumento dell’ingestione di acqua in risposta alla comparsa di sete.

In alcune patologie, come l’insufficienza renale o lo scompenso cardiaco con l’urina viene escreta una quantità di acqua insufficiente e ciò provoca edema. Continua domani.

LA SALUTE DALLA A ALLA ZETA – DIZIONARIO DELLA SALUTE – 7

Acolia

Mancanza della secrezione biliare. Di conseguenza le feci assumono un colorito bianco-grigiastro, con consistenza cretacea. Le feci alcoliche presentano, inoltre, un elevato contenuto in sostanze grasse (steotorrea).

Acondroplasia

Rara malattia congenita della crescita ossea, che provoca bassa statura (nanismo). Le ossa colpite sono soprattutto le ossa lunghe delle braccia e delle gambe.

La cartilagine che lega ogni osso alla sua epifisi (zona di crescita posta alla sua estremità) si trasforma troppo precocemente in osso, impedendo così l’ulteriore crescita dell’arto. La maggior parte delle altre ossa cresce normalmente.

Gli individui colpiti presentano arti corti e robusti, tronco ben sviluppato e testa di dimensioni normali tranne per un’eccessiva sporgenza della fronte.

Incidenza e cause

L’acondroplasia colpisce circa due-tre persone ogni 100.000. Questa patologia è provocata da un difetto genetico con ereditarietà di tipo dominante (anomalie genetiche), sebbene non si sappia esattamente come l’anomalia genetica provochi l’alterazione della crescita ossea.

I figli degli acondroplasici hanno ciascuno una probabilità del 50% di ereditare il gene anomalo e di essere essi stessi portatori di questa anomalia. I genitori della maggior parte degli acondroplasici sono invece di statura normale. In questi casi l’anomalia è derivata da una modificazione genetica o mutazione.

Sintomi e prognosi

Di solito l’acondroplasia è evidente alla nascita o durante il primo anno di vita, quando c’è già un chiaro arresto di sviluppo degli arti rispetto alle dimensioni della testa. Durante l’infanzia la crescita delle ossa degli arti rallenta e si arresta e non è disponibile alcun trattamento per modificare la prognosi. L’intelligenza e lo sviluppo sessuale sono normali. La durata della vita è vicina alla norma.  

Acqua nel ginocchio

Termine di uso comune per indicare l’accumulo di liquido dentro l’articolazione del ginocchio o intorno a essa. La causa più frequente è la borsite (infiammazione di una borsa, una delle sacche piene di liquido che ricoprono i punti di compressione del corpo). Altra causa è la presenza di liquido all’interno dell’articolazione del ginocchio.

Acqua nella testa

Termine non medico usato per indicare l’idrocefalo.

Acque nere, febbre delle

Complicanza occasionale e pericolosa per la vita, della malaria causata da Plasmodium falciparum (agente assai temibile di questa malattia). Tale condizione patologica è provocata da un improvviso aumento della velocità di distruzione dei globuli rossi. I prodotti della scissione di questi globuli vengono eliminati e finiscono nelle urine, facendole scurire, da cui il nome di “acque nere”. Altri sintomi sono la perdita della coscienza (malaria cerebrale), febbre, brividi e vomito.

Acrocianosi

Condizione patologica in cui le mani e i piedi diventano bluastri, possono essere freddi ed eccessivamente sudati. L’acrocianosi è provocata dallo spasmo dei piccoli vasi sanguigni e di solito è aggravata dalla bassa temperatura. L’acrocianosi è collegata lontanamente con la malattia di Raynaud, disturbo circolatorio più grave, in cui la pelle delle dita delle mani e dei piedi può essere danneggiata a causa di una riduzione cronica dell’afflusso di sangue.

Continua.

La salute dalla a alla zeta

Dizionario della salute – 4

Acinesia

Perdita completa o quasi di movimento. Può essere conseguente a paralisi di un gruppo di muscoli, provocata da una lesione dei nervi che li interessano (per esempio, in seguito a ictus). Può verificarsi anche in presenza di forza normale ma con rigidità muscolare come nel morbo di Parkinson.

Acloridria

Assenza di secrezioni acide dello stomaco. Può essere provocata da gastrite atrofica cronica o da assenza o insufficiente attività delle cellule parietali produttrici di acido poste nella mucosa interna dello stomaco.

Circa una persona su 20 presenta acloridria senza sintomi. Di per sé l’acloridria non è preoccupante. Tuttavia è un segno di anemia perniciosa, una malattia del sangue provocata da carenza di assorbimento di vitamina B12 da parte dello stomaco ed è presente in alcuni tumori maligni dello stomaco.

Acne

Affezione cronica della pelle provocata dall’infiammazione dei follicoli piliferi e delle ghiandole sebacee.

TIPI. Il tipo più comune di acne è l’acne volgare, che colpisce soprattutto gli adolescenti. L’acne tropicale interessa giovani di razza bianca che si espongono a climi caldi e umidi a cui non sono abituati. L’acne infantile, una fora rara che si manifesta nei neonati di sesso maschile, è associata alla successiva comparsa di acne volgare negli anni dell’adolescenza. L’acne chimica è provocata dall’esposizione ad alcune sostanze chimiche e a certi olii e compare in sedi insolite, come le gambe. La cloracne è una forma di acne causata dall’esposizione agli idrocarburi clorurati; nel 1976 se ne sono verificati molti casi in seguito a una grave esplosione avvenuta in una fabbrica di Seveso in provincia di Milano.

Incidenza. L’acne inizia quasi sempre durante il periodo della pubertà ma può comparire anche in epoche successive della vita; la maggior parte degli adolescenti soffre di una forma fastidiosa di acne detta “acne giovanile”

Causa. Le lesioni dell’acne sono provocate dall’ostruzione dei follicoli da parte del sebo (sostanza oleosa secreta dalle ghiandole sebacee della pelle). Quando un tappo di sebo rimane intrappolato nel follicolo, i batteri si moltiplicano e il follicolo si infiamma. La causa del mutamento di consistenza del sebo nella pubertà non è chiara ma sembra essere legata a un aumento dei livelli di androgeni, ormoni sessuali maschili. Probabilmente è presente anche un fattore genetico perché l’acne può essere ereditaria.

Alcuni farmaci possono indurre l’acne o aggravarla (per esempio, i corticosteroidi e gli androgeni, che accrescono la produzione di sostanze oleose da parte della pelle). Altri farmaci in grado di aggravare l’acne sono i barbiturici, l’isoniazide, la rifampicina, i bromuri e gli ioduri. Anche l’olio e il grasso possono cagionare l’acne. Il sebo del cuoio capelluto può determinare la comparsa di acne intorno alla linea di crescita dei capelli. Un contatto costante con olio minerale o naturale, per esempio nelle cucine dei ristoranti, può aggravare questa patologia. Anche i cosmetici con basi oleose sono associati a un aumento della tendenza all’acne.

Sintomi. L’acne compare nelle zone dove esiste una grande concentrazione di ghiandole sebacee, soprattutto sul volto, sulla zona sternale del torace, sulla parte superiore del dorso, sulle spalle e intorno al collo. Le manifestazioni più comuni dell’acne sono i comedoni, i migli (punti bianchi), le pustole, i noduli (rigonfiamenti duri sotto la pelle) e le cisti (rigonfiamenti duri più grossi nella pelle). Man mano che una lesione guarisce, tende a comparirne un’altra. Spesso le lesioni in via di guarigione si trasformano in puntini rosa chiaro che solitamente scompaiono completamente, sebbene alcune, soprattutto quelle cistiche, possano lasciare cicatrici. Spesso le cicatrici dell’acne hanno l’aspetto di piccole cavità depresse. Occasionalmente, come avviene per altre cicatrici, possono formarsi cheloidi (escrescenze di tessuto cicatriziale irregolare).

Prevenzione. Esistono parecchie convinzioni errate sulla prevenzione dell’acne, soprattutto per quanto riguarda l’alimentazione. Non ci sono prove che la dieta abbia un ruolo nel provocare l’acne. Evitare i dolci è di scarsa utilità. Tenere pulite le zone colpite non previene l’acne ma può evitare che si diffonda. La pelle dovrebbe essere lavata due volte al giorno; lavaggi più frequenti sono inutili perché servono solo ad asportare lo strato untuoso superficiale.

Terapia. Non esiste una cura risolutiva per l’acne, mentre sono disponibili molti trattamenti per alleviarla. Le applicazioni topiche (sulla pelle) agiscono liberando i pori ed eliminando il sebo e possono anche favorire la guarigione. I preparati per uso topico sono a base di: benzoperossido, acido retinoico, antibiotici e zolfo. Spesso i raggi ultravioletti sono benefici per il trattamento dell’acne. L’esposizione alla luce naturale è utile e, per trattare i casi più gravi, si può ricorrere ai raggi ultravioletti artificiali. Le lesioni non dovrebbero venire irritate o schiacciate perché ciò può aggravarle e provocare cicatrici.

Spesso, se il trattamento topico fallisce, è utile la somministrazione a lungo termine di antibiotici per via orale. Gli antibiotici vengono prescritti regolarmente anche per cicli di sei mesi. Essi agiscono non solo sui batteri presenti nella pelle ma anche direttamente sulle cellule infiammate presenti nelle lesioni dell’acne e sulla produzione di sebo. Un recente progresso nel trattamento dell’acne è rappresentato dall’uso dei retinoidi. Questi farmaci vengono prescritti solo per l’acne grave quando gli antibiotici e altre misure non siano risultati efficaci. I retinoidi riducono la produzione di sebo e hanno l’effetto di detergere la pelle, ma vanno assunti con prudenza perché possono provocare danni al fegato e altri disturbi gravi. Spesso le cisti dell’acne possono essere trattate con terapia intralesionale (iniezione diretta di un farmaco nelle lesioni dell’acne), che contribuisce anche a ridurre le cicatrici. In caso di cicatrici estese e profonde, l’estetica può essere migliorata con la dermoabrasione (asportazione dello strato superiore della pelle colpita).

Prognosi. L’acne migliora lentamente con il tempo e spesso scompare verso i 20 anni. Con le terapie oggi disponibili, non dovrebbero esservi casi gravi di acne.