Tag: segno del sagittario

Astrologia – Affinità di coppia del segno del Toro con gli altri segni – Sagittario.

Toro-Sagittario

Così lei riesce a farsi sposare

Un centauro geloso della propria libertà e una possessiva venusiana hanno poco in comune, ma possono felicemente approdare al matrimonio. Di solito è merito di lei, tanto paziente ed abile da apparirgli come una preda difficile da catturare e tenere…

A volte succede che un lui Sagittario si innamori seriamente di una lei Toro e che, insieme, formino una coppia solida ed affiatata. Anche se lui è nato in un segno mobile di Fuoco corrispondente al nono Campo. Quello del lontano, di un violento anelito alla libertà spirituale e fisica. Mentre lei appartiene a un segno fisso di Terra, corrispondente al secondo Campo. Cioè quello che esprime normalmente un solido e radicato senso di possesso, nell’accezione più ampia del termine.

Quindi, è chiaro, in apparenza questi due non hanno niente in comune. Ma, se lei decide di conquistarlo, le distanze si riducono e gli ostacoli si sgretolano sotto la poderosa azione di una paziente, irresistibile perseveranza taurina, ben dissimulata dietro le amabili, sensuali grazie venusiane.

Ma è proprio su queste grazie che lei fa leva per attirare l’attenzione del Sagittario. Che si sa, è un tipo piuttosto vivace nel rispondere ai richiami amorosi e quindi difficile da convertire alla pratica della monogamia.

Anche, se, a modo suo, è piuttosto fedele. Nel senso che, quando tradisce, è solo questione di scalpitanti istinti, mentre il suo spirito e la sua anima rimangono… devoti alla donna amata.

Poco male se per esempio questa donna amata fosse una mobile Gemelli: le altalenanti fiamme sagittariane potranno apparirle curiose e perfino divertenti. Ma le cose vanno ben diversamente se il Sagittario incappa in una Toro che, come tutti i nati nei segni fissi, non sopporta le situazioni confuse. Quindi un uomo vuole averlo tutto per sé (anche perché come già si è detto è molto possessiva). Altrimenti preferisce non averlo affatto.

Per sua fortuna, la venusiana è una che non disarma. Anzi, realista com’è, non perde tempo attendendo inutilmente che si compia il miracolo. Piuttosto si mette all’opera senza tentennamenti, facendosi guidare da un realismo e da un istinto femminile che, fusi insieme, le assicurano spesso successi strepitosi e sorprendenti. Ma come farà a mettere le briglie al collo al Sagittario? Semplice. Prima provvede a scatenare in lui brucianti desideri, che sa assecondare con un invidiabile senso delle proporzioni. Nel senso che ha l’abilità di rispondere alle profferte sagittariane con una generosa disponibilità insaporita… da un tocco di avarizia.

Infatti, con un arte tutta venusiana, riesce ad abbandonarsi senza arrendersi. E riattizza così desideri sagittariani proprio nel momento in cui li appaga. In questo modo, si mette in una preziosa posizione di vantaggio e può passare, sicura di sé, alla seconda fase del suo piano di cattura. Allora, pur lottando con la propria possessività che le vorrebbe suggerire di sorvegliare a vista l’amato Sagittario, decide di sparire. Come non importa: va altrettanto bene un viaggio all’altro capo del mondo o il soggiorno nell’accogliente casa di campagna di un amico disposto a prestargliela e a mantenere il segreto. L’importante è che il Sagittario sia nell’assoluta impossibilità di raggiungerla. E si trovi così alle prese con una libertà che prima gli pareva un bene inestimabile e che ora, ossessionato dal desiderio di avere vicino la sua Toro, gli appare un peso insopportabile.

Poi, quando lei sente che l’esperienza è stata istruttiva per il Sagittario, ricompare. Serena, sorridente, più desiderabile che mai. E, fingendo di ignorare i tormenti di lui, gli racconta di quanto è stata bene (il suo aspetto ne fa fede). Gli dice di essere contentissima di rivederlo e, per festeggiare, gli offre una deliziosa cenetta che manda in visibilio il goloso Sagittario. Così lui, felice ed entusiasta per la riconquistata vicinanza con la Toro, comincia a sbilanciarsi, parlandole di sentimenti diventati più forti del desiderio. Però a lei non basta: anche se si guarda bene dal dirglielo, vuole che lui le proponga il matrimonio, fissando se possibile una data precisa. Ma ormai sa benissimo che è solo questione di tempo e perciò temporeggia, tranquilla e serena.

Già pronta, se lui dovesse indugiare troppo a lungo, a sparire per dargli modo di risolversi… liberamente al gran passo. E trovarsi, al ritorno, “costretta” al matrimonio.

Astrologia – Affinità di coppia del segno dell’Ariete con gli altri segni – Sagittario

Ariete-Sagittario

Tra loro epiche baruffe

Sono di Fuoco, oltre ai loro segni, anche i loro sensi e i loro sentimenti. Si prendono e si lasciano a ritmo sostenuto, perché sono entrambi irrequieti e curiosi. Ma anche dopo la crisi più nera sentono di essere fatti per amarsi.

E’ vero, la marziana nata sotto il segno dell’Ariete è di solito un tipetto sbrigativo che affronta le situazioni, anche amorose, in modo diretto.

Ma basta che intervenga la piccola, abbastanza frequente, correzione di una Venere nei segni contigui (Toro e Pesci) perché l’impeto si smorzi per dare il passo a una civetteria magistrale. Infatti questa Venere (forte perché nel Toro si trova in domicilio, mentre è esaltata nei Pesci) gestisce il marziano desiderio di conquista attraverso una femminilità che appare dolcissima, sensuale, addirittura mansueta. E propone un fascino tanto più irresistibile quanto più occulta le sue armi: praticamente non c’è uomo capace di resistere a una Ariete di questo tipo.

Un focoso, entusiasta e un po’ ingenuo Sagittario, poi, finisce in trappola proprio senza accorgersene. Anzi, è assolutamente convinto di essere lui il grande regista della faccenda. E come potrebbe essere altrimenti se lei, esibendo un’aria candida e indifesa, lo incoraggia e lo invita tacitamente a diventare il suo paladino? E’ abilissima nel fare la ritrosa mentre i suoi provocatori istinti marziani stuzzicano senza tregua i sempre più focosi desideri sagittariani. E gli fa fare la fine di Pigmalione: orgoglioso artefice della sua opera, ma definitivamente assoggettato al fascino di lei.

Però, in fondo, non ha proprio importanza chi sia il sedotto e chi la seduttrice di questa coppia così ben assortita, capace di condividere con allegra foga gli entusiasmi reciproci.

Tanto per cominciare, è molto improbabile che scelgano, a meno che le circostanze non e li costringano, di vivere in città. Perché il loro sogno è quello di stabilirsi in campagna, circondato da ampi spazi verdi da popolare di una nutrita schiera di cani, gatti e animali vari.

In attesa di inserire in questo allegro zoo, con ecologico e un po’ incosciente entusiasmo, anche i frutti del loro amore appassionato. Che, intollerante di precauzioni e programmazioni, è per lo più destinato a dare un consistente contributo all’incremento demografico. Ma le costose conseguenze di questo entusiasmo amoroso non li turbano minimamente. Prima di tutto perché, iperdotati di energie come sono, non temono certo di lavorare come pazzi pur di incrementare gli introiti familiari. E poi perché sono convinti che i figli abbiano diritto, più che alla ricchezza, alla gioia. Allora non resta che augurar loro di non mettere al mondo Capricorni o Leoni, che farebbero molta fatica a condividere queste un po’ sbrigative e semplici teorie.

Se invece la prole vedesse la luce col Sole in segni d’Aria o di Fuoco, i pargoli si troverebbero benissimo con mamma e papà. Bisogna infatti riconoscere che, se si impara a provvedere presto a se stessi senza contare troppo sulle protezioni familiari, è molto rassicurante e divertente crescere in un ambiente allegro, dove nessuno tiene il muso a lungo. Anche se ogni tanto, anzi spesso, volano urli e suppellettili varie.

Visto il ritmo frenetico del rapporto fra un Ariete e un Sagittario, bisogna comunque prevedere la possibilità che esso si saturi e accusi sintomi preoccupanti da overdose.

Se capita, di solito è lui, patriarca per vocazione, poligamo per curiosità e irrequietezza, a prendere le distanze, concedendosi un viaggio verso altri lidi, e qui si concederà, è scontato, anche un’avventura-parentesi-evasione sentimentale.

Ma lei non starà certo a fare la Penelope e non troverà pace finché non gli avrà reso almeno pan per focaccia: la natura marziana non tollera neppure l’idea di subire uno smacco senza reagire. Ma è ben difficile che queste scaramucce scavino baratri d’irrimediabili distanze fra una donna dell’Ariete e un uomo del Sagittario.

Due creature che assai di rado riescono a rinunciare per sempre l’una all’altro. Prima di tutto perché non è facile che trovino qualcuno capace di reggere a lungo ai ritmi convulsi così cari alla loro focosa natura. E poi perché rabbie e insofferenze di entrambi sono esplosive quanto effimere. Così, dopo aver fatto scalpitanti incursioni nell’erba del vicino, di solito questi due si ritrovano ben presto riuniti sotto lo stesso tetto.

Pronti a concludere un’epica pace dopo un’epica baruffa.

Affinità di coppia dei Pesci con altri segni – Sagittario

Come Giove, lui tradisce.

L’alunno di Giove non sa resistere al fascino femminile; anzi, non vuol resistere affatto. Perciò mette molta energia ed entusiasmo nella conquista di una sirena piena di lusinghe. Salvo stancarsi e farla piangere a calde lacrime per inseguire altre prede …

Il sagittario è governato da Giove. E non si può dimenticare che, nell’Olimpo classico, il dio omonimo era un tipetto particolare. D’accordo, aveva molte qualità. Prima di tutto, era energico ma non aggressivo. Infatti era riuscito a interrompere la truce tradizione di famiglia, secondo cui il figlio strappava in modo cruento il potere al padre (il suo era Cronos-Saturno. Mentre il nonno era Urano). Riuscito a insediarsi senza spargimenti di sangue sul trono, divenne l’olimpico tutore della legge divina e terrena. Ma quanto a istinti e pulsioni amorose era piuttosto irrequieto: ne sapeva qualcosa la divina sposa Giunone che, in seguito ai tradimenti del consorte, andava soggetta a furiose crisi di nervi. Si, è vero, questa è mitologia da strapazzo. Ma la tentazione era troppo forte dovendo parlare del Sagittario. Perché il nostro a Giove assomiglia parecchio. Come lui, ha un sacco di qualità: è generoso, allegro, idealista e capace di rispettare l’ordine costituito, senza per questo diventare intransigente o ingiusto con chi non condivide i suoi principi. Ma, forse perché Giove ha molto a che fare con l’oralità, il Sagittario è anche un tipo dagli appetiti robusti. A tavola, certo. Ma non solo. Infatti, sposato o no che sia, ben di rado resiste al richiamo del fascino femminile … ammesso che voglia tentare di resistere.

E se incontra una Pesci, cosa succede? Che vede in lei una sirena e, naturalmente, si mette sulla sua scia. Se lei si allontana, lui la insegue e, prima o poi la raggiunge. Poi la travolge con un fiume di parole: le parla di avventure mirabolanti, di entusiastici sogni, di sovrumani ideali. E poi corona l’opera dicendole che, con una musa ispiratrice come lei, per lui non ci saranno più né limiti né confini. Nel frattempo, non dimentica di passare in rassegna tutti i ristoranti (e sono molti) che conosce per farle assaggiare i più deliziosi manicaretti: un pensiero che la romantica e spirituale Pesci apprezza parecchio. Forse perché anche nel suo segno serpeggiano spiccate caratteristiche gioviane. Così, fra un entusiasmo e una leccornia, la Pesci si lascia conquistare dal travolgente Sagittario. Anche se, prima di capitolare, gli confida di avere una gran paura. Ma così s’incastra definitivamente perché lui, pronto e caloroso, l’abbraccia invitandola ad avere fiducia e a bandire ogni traccia di pernicioso pessimismo. Allora lei si abbandona fidente nelle braccia sagittariane …

All’inizio, non ha certo motivo per pentirsene: non si può non sentirsi felici quando si è al centro degli entusiasmi gioviani. E, oltre a tutto, si partecipa al risveglio del vivace istinto da Centauro audace e sensuale che si annida in tutti i nati del nono segno.

Ma, purtroppo, non è detto che tanta felicità sia duratura: il Sagittario, dopotutto, è un segno mobile di Fuoco. Con tutti i risvolti di volubilità passionale che la cosa comporta. Così, se negli oroscopi comparati non sono presenti aspetti reciproci particolari, che possono far presagire altre eventualità, è possibile che il Sagittario si stufi presto della Pesci. Per esempio lui, così dinamico e, spesso, vero patito dello sport, non riesce a capire la languida e persistente pigrizia di lei. In breve, smette di insistere per riuscire a coinvolgerla.

Ma a lei non piace affatto essere lasciata a casa da sola, alla mercé di una fantasia che spesso si nutre di oscuri pensieri. E immagina il godereccio Sagittario intento a corteggiare qualche seducente sconosciuta nel bel mezzo di generose libagioni. La Pesci allora si dispera. E può capitare che lui, rientrando a casa, la trovi in lacrime e si senta accusare di colpe, per il momento, non ancora consumate. Se lei insiste, il Sagittario farà presto in modo che i sospetti pescini siano confermati dai fatti, prendendo definitivamente il largo.

Però, se lei avesse la fortuna di qualche aggressiva valenza arietina, le cose potrebbero andare in modo migliore anche se decisamente turbolento. Perché una Pesci quasi Ariete si scompone solo per sospetti fondati. E, se ce ne sono, passa, veloce e incisiva, alle più focose vie di fatto. Ma in cuor suo è già pronta a perdonarlo soprattutto se lui, invece di reagire alla violenza di lei, comincia a blandirla.